Skip to content

Terremoto devastante in Nepal, otre 500 morti

25 aprile, 2015

terremoto

25 aprile, questo è il fiore.. dopo 70 anni

25 aprile, 2015

25

Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi, forse domani morirò, magari prima di quel tedesco, ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di storia, e tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla storia di domani del genere umano
(dal romanzo ‘Il sentiero dei nidi di ragno‘, Italo Calvino)

70. 1945-2015

802486_800002_25APRILE

Il 24 aprile gli alleati superarono il Po, e il 25 aprile 1945 i soldati tedeschi e della repubblica di Salò cominciarono a ritirarsi da Milano e da Torino, dove la popolazione si era ribellata e iniziarono ad arrivare i partigiani, con un coordinamento pianificato. A Milano era stato proclamato, a partire dalla mattina del giorno precedente, uno sciopero generale, annunciato alla radio “Milano Libera” da Sandro Pertini, futuro presidente della Repubblica, allora partigiano e membro del Comitato di Liberazione Nazionale. Le fabbriche vennero occupate e presidiate e la tipografia del Corriere della Sera fu usata per stampare i primi fogli che annunciavano la vittoria. La sera del 25 aprile Benito Mussolini abbandonò Milano per dirigersi verso Como (verrà catturato dai partigiani due giorni dopo e ucciso il 28 aprile). I partigiani continuarono ad arrivare a Milano nei giorni tra il 25 e il 28, sconfiggendo le residue e limitate resistenze. Una grande manifestazione di celebrazione della liberazione si tenne a Milano il 28 aprile. Gli americani arrivarono nella città il 1° maggio. La guerra continuò anche dopo il 25 aprile 1945: la liberazione di Genova avvenne il 26 aprile, il 29 aprile venne liberata Piacenza e fu firmato l’atto ufficiale di resa dell’esercito tedesco in Italia. Alcuni reparti continuarono i combattimenti ancora per qualche giorno, fino all’inizio di maggio. http://www.ilpost.it/2014/04/25/25-aprile-liberazione/

I ‘danni collaterali’ dei droni americani..

24 aprile, 2015

droni

Gli attacchi militari americani con droni causano tra il 20 ed il 40% di vittime civili, il 10% circa bambini (secondo i dati forniti oggi da Sky Tg24 e relativi ai raid in Afghanistan, Siria, Yemen, Somalia )

Danni collaterali? No. Solo vittime di una politica scellerata.

Morandi solidale con i migranti, e su Facebook scattano le polemiche

22 aprile, 2015

morandi

Poi c’è Gianni Morandi che scrive un post pieno di buonsenso e viene sommerso di critiche e di commenti intrisi d’odio, solo perché ha osato paragonare i migranti italiani dei secoli scorsi con i migranti di oggi che scappano da fame guerra e carestie.

Non c’è speranza. L’Italia è in gran parte questo. Egoismo e basta. Senza ragione, senza buonsenso. Nessuno vuole invasioni, si tratta solo di analizzare il problema in modo serio senza abbandonarsi alla paura.

Ma chiedere questo è quasi impossibile. Qui in Italia. Povero Gianni Morandi. Si sarà reso conto di quanto Egoismo ed Odio sia presente nel nostro Paese.

Consiglio a tutti di leggere L’Orda. Quando gli albanesi eravamo noi. Edito da Rizzoli.

11150822_10205474702799419_1625866952403093319_n

Alcuni botta e risposta di Morandi con i suoi fan:

  GM

Ed infine il post di oggi del cantante, che riflette sul razzismo manifestato da alcuni suoi fan:

morandi2

Storia: il Governo Tambroni ed il CentroSinistra

22 aprile, 2015

storia I repubblica copia

Per capire meglio le vicende storiche del nostro Paese credo sia opportuno andare a riprendere alcuni eventi politici che hanno caratterizzato la Prima Repubblica. Ho scelto di cominciare con la nascita del Centrosinistra. Questa forma di governo nacque a cavallo tra la fine degli anni ’50 e l’inizio dei ’60.

i protagonisti di quel periodo. Da sinistra Amintore Fanfani, il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, Fernando Tambroni

I protagonisti di quel periodo. Da sinistra Amintore Fanfani, il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi, Fernando Tambroni

I principali attori che portarono a tale scenario furono cinque. Giovanni Gronchi, Presidente della Repubblica dal 1955. Amintore Fanfani, segretario della Dc dal 1954. Fernando Tambroni, Ministro dell’Interno dal 1955 ed Arturo Michelini, segretario del Movimento Sociale Italiano. Senza contare Aldo Moro, esponente di primo piano della Democrazia Cristiana.

Anno 1958. L’Italia era governata da undici anni da una coalizione ‘centrista’ incentrata sulla Democrazia Cristiana. Dal 1947, anno di uscita di PCI e PSI dai governi di unità nazionale, la DC aveva varato diversi esecutivi all’insegna di una politica di centro. Dopo le elezioni del ’58, anche grazie alla ‘spinta’ data dal Capo dello Stato Gronchi, il partito di maggioranza relativa cerca nuove forme di governo.

Il 1° luglio 1958 nacque così un esecutivo presieduto da Amintore Fanfani e costituito da una alleanza DC-PSDI. Sulla carta il primo governo di ‘Centrosinistra’, in realtà la prima esperienza di tale formula si verificherà due anni più tardi. La Camera si esprime con 295 sì, 287 no e 9 astenuti. Fanfani però conserva anche la segreteria DC e questo, unito alla possibilità di allargare il consenso al PSI, agita molto le varie correnti della Democrazia Cristiana.

Per Fanfani infatti non sarà vita facile. Il suo partito continuerà ad osteggiare il segretario. Ad ottobre, in Sicilia, viene eletto Presidente della Regione un democristiano non indicato dal Premier. A dicembre il Governo viene battuto sulla tassa del gas liquido per auto e sulla soprattassa per la benzina; poi ancora sulla legge che liberalizza i mercati all’ingrosso. Si apre la crisi, che coinvolge l’esecutivo ma tutta la Dc più in generale. Infine a gennaio 1959, per via di contrati con il Presidente del Consiglio relativi alla legge sul Codice della Strada, si dimette il Ministro dei Trasporti, esponente del suo stesso partito. E’ la fine. Fanfani è costretto alle dimissioni, defenestrato dalla stessa DC. Lascia anche la segreteria del partito.

Mentre Aldo Moro diviene nuovo segretario DC, Antonio Segni succede a Fanfani a Palazzo Chigi. Il suo governo ottiene anche l’appoggio, seppur non determinante, del MSI. Il Movimento Sociale Italiano, nato nel 1946, in quel momento governa in molte giunte del Centro-Sud, tra le quali Napoli, Catania, Bari e Pescara. Il tutto grazie alla politica ‘conservatrice’ del segretario Arturo Michelini. Alla sua corrente ‘governista’ e filoborghese si opponeva Giorgio Almirante, esponente della parte più ‘sociale’ del MSI, quella legata alla Repubblica di Salò.

29968_400200PRO

Quando il governo Segni cade, per via della possibilità di aprire ad un appoggio socialista, Gronchi vara un Governo ‘del Presidente’ mettendone alla testa un suo fedelissimo. Fernando Tambroni, già Ministro dell’Interno in precedenti esecutivi ed esponente della ‘sinistra’ democristiana.

Tambroni, nelle intenzioni del Capo dello Stato, doveva presentarsi alle Camere per iniziare un cammino che avrebbe dovuto portare ad una virata a Sinistra, con un appoggio esterno del PSI di Pietro Nenni. Ebbene, accadde il contrario.

Nel marzo 1960 il Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi assegna a Tambroni l’incarico di formare un governo. Questi, esponente della sinistra democristiana e già ministro degli Interni, avrebbe dovuto guidare un governo di transizione verso una maggioranza di centrosinistra.
Tuttavia, il discorso con il quale, il 6 aprile, Tambroni si presenta alle Camere per chiedere la fiducia, è tutt’altro che ispirato alle indicazioni di Gronchi e della segreteria DC: non compare infatti alcun riferimento all’apertura ai socialisti, viene espresso un indirizzo politico ispirato al binomio “legge e ordine”, e non viene fatto cenno del carattere transitorio del governo. In questo modo Tambroni riesce a ottenere la fiducia per la prima volta grazie ai 24 voti del Movimento Sociale Italiano, determinando uno spostamento a destra degli equilibri politici e favorendo il tentativo del partito neofascista di uscire dall’isolamento in cui fin dalla sua nascita era stato relegato.

E’ la svolta. Quel che doveva essere un governo di transizione verso il CentroSinistra diviene un esecutivo di Centro-Destra appoggiato in modo determinante dai neofascisti. A Sinistra è la rivolta. Ed anche la DC non approva quel tipo di alleanza. Tanto da costringere Tambroni alle dimissioni, prima di passare in Senato. Si tenta con un nuovo esecutivo ma alla fine l’ex ministro dell’Interno ottiene la fiducia anche di Palazzo Madama.

Il 21 marzo il governo monocolore democristiano proposto da Tambroni ottenne la fiducia della Camera, per soli tre voti di scarto (300 sì e 297 no), con il determinante appoggio dei deputati missini. La circostanza causò l’abbandono dei ministri appartenenti alla sinistra della DC Bo, Pastore e Sullo.

L’11 aprile, dietro esplicito invito del proprio partito, il governo rassegnò le dimissioni che furono respinte dal presidente Giovanni Gronchi, anzi ricevendo l’invito a presentarsi al Senato per completare la procedura del voto di fiducia.

Il 29 aprile, sempre con l’appoggio dei missini e con pochi voti di scarto (128 sì e 110 no), il governo Tambroni ottenne la fiducia del Senato.

Il governo viene osteggiato da molti, all’interno del Parlamento e nell’intero Paese. Tambroni va avanti per la sua strada e concede al MSI , quasi come ‘baratto’ per l’appoggio in Parlamento, la possibilità di celebrare il proprio Congresso a Genova. Medaglia d’oro per la Resistenza al nazi-fascismo, la città insorge.

Poche settimane dopo, infatti, la vera spallata al progetto di Tambroni proviene dal moto di protesta popolare. Tutto parte da Genova, dove il governo ha autorizzato lo svolgimento del congresso nazionale dell’MSI. Di fronte al tentativo dei neofascisti di tenere il loro congresso nella città medaglia d’oro della Resistenza, il 30 giugno la popolazione scende in piazza; scoppiano violenti scontri fra manifestanti e forze dell’ordine che si protraggono per quattro giorni. Di fronte alla dura reazione della polizia le manifestazioni si allargano ad altre città, provocando numerosi morti.

highlightImg-296x400

I morti negli scontri e le successive polemiche si uniscono al coro di proteste contro l’esecutivo. Il Premier cerca di respingere in ogni modo le critiche ma, quando anche la stessa DC lo sfiducia, è costretto a capitolare. il 19 luglio Tambroni dà le dimissioni.

p044_1_01

Il 5 agosto 1960 giura il nuovo Governo di Amintore Fanfani, formato da DC, PSDI e PRI e con l’astensione del PSI. E’ la nascita del primo CentroSinistra, che si concretizzerà con importanti provvedimenti come la nazionalizzazione dell’energia elettrica, l’aumento del 30% delle pensioni, l’avviamento di un’imponente opera di urbanizzazione del Paese, l’eliminazione della censura sulle opere liriche e di prosa. L’appoggio esterno del PSI durerà sino al 1963, quando con Aldo Moro, i socialisti entreranno a pieno titolo del Governo, rimanendoci, tranne qualche breve interruzione, sino al 1994.

Fonti:

http://www.treccani.it/scuola/lezioni/in_aula/storia/governo_tambroni/di_maggio.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Governo_Tambroni

Affonda barcone di migranti, si temono 700 morti

19 aprile, 2015

naufragio

L’immigrazione è un fenomeno non un problema. È irrisolvibile in quanto fenomeno, deve essere governabile per non farlo diventare un problema. Non si può costringere una persona a rimanere nel proprio paese, le nazioni non sono delle immense carceri, i confini sono imposti dalla Storia non dalla Natura. Questo è il primo concetto da capire per poi analizzare tutto il resto.

Si potrebbe anche dire questo. Se in Africa anche i mezzi di produzione, le zappe, sono in mano a multinazionali che sfruttano, se l‘Europa attua dazi pesanti verso i prodotti africani (cosa che non fa per i cinesi) come si può pensare che quei paesi crescano e migliorino le condizioni di vita dei propri abitanti non spingendoli ad andare via?

Non li facciamo crescere ma poi non li vogliamo. E siamo consapevoli che se i loro paesi cresceranno noi automaticamente saremo in po’ meno ricchi? Devono morire poveri e di fame quindi? Possibilmente lontano dai nostri occhi?

La responsabilità dell’ennesima tragedia del mare è dell’Europa. Incapace di decidere qualsiasi cosa all’infuori di imporre rigore ed austerità ai propri popoli. E dell’Italia, incapace di costringere l’UE a decisioni forti in tema immigrazione. Renzi usa la clava solo qui, a Bruxelles solo chiacchiere.
Mare Nostrum va ripristinata immediatamente e con fondi europei, altrimenti si blocchi l’attività delle commissioni. Basta parole, si passi ai fatti. Siamo ad aprile e sono morte già più di mille persone. Cosa accadrà da qui all’estate?

Vi prego infine di non andare a leggere i commenti di utenti Facebook alla notizia della tragedia dei migranti e riportati dai principali siti di informazione. C’è da rimanere nauseati. Non è la prima volta certo ma fa sempre male constatare la crudeltà umana in tutta la sua potenza.

Un ponte tra i colori

18 aprile, 2015

image

17 aprile 1944, il rastrellamento del Quadraro…

17 aprile, 2015

53128-novita-street-art-larte-del-graffito-il-muro-del-quadraro

Unternehmen Walfisch, in italiano Operazione Balena, il piano organizzato dai nazisti presenti a Roma appena dopo l’eccidio delle Fosse Ardeatine. Obiettivo? Il rastrellamento e la deportazione dei cittadini del Quadraro, quartiere da sempre ‘contro’ il regime nazi-fascista.

Il 17 aprile 1944, verso le 4 del mattino, le truppe tedesche circondarono l’intero quartiere, bloccando ogni via di accesso e di uscita[7]. Successivamente i soldati, guidati da Kappler, coadiuvati dalla Gestapo, dalle SS e dalla Banda Koch, iniziarono le perquisizioni, passando al setaccio il quartiere casa per casa”

“Le circa 2000 persone rastrellate durante la mattinata (tutti uomini tra i diciannove e i cinquanta anni) furono portate al cinema Quadraro per essere schedati. Dopo ore di attesa, ammassati e trattati come bestie, vennero caricati su dei camion e portati a Cinecittà, per la selezione. Alcuni riuscirono a fuggire e molti tra gli scartati vennero arrestati.”

Un migliaio vennero avviati ai campi, finendo infine deportati in Germania. “Molti di loro non sopravvissero all’arrivo degli Americani. Dei deportati solo la metà tornò al Quadraro”

Mai dimenticare, Mai.

Questo non è un blog porno! Forse non è nemmeno un blog...

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

poesie, racconti, aforismi, opinioni e recensioni

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

annadalfabbro

eyeglass frames blogger

Tiferett

Il mondo attraverso i miei https://www.facebook.com/ilsognoditiferett

Soldato Kowalsky

Valtellina, Cina, quello che capita - Dal socialismo scientifico al socialismo nerd

Opinionista per caso Viola

Io amo L'Italia ,io amo L'Albania, io amo L'Europa e il mondo intero.. .siamo tutti di passaggio in questo pianeta,quindi non bisogna essere egoisti,avidi,ma bisogna essere generosi con chi è meno fortunato di noi...io dono serenità se non ho cose materiali da offrire...basta anche un sorriso ...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 531 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: