Tremonti, il Grande Bluff 2: Liberi di evadere

Il Governo Berlusconi, appena insediato, ha attuato delle norme (poco pubblicizzate dai Media ma molto efficaci) che hanno “allentato” i controlli sulla evasione. Tremonti ha addirittura trasferito i finanzieri piu “solerti” nei controlli. E’ in atto la Contro-Riforma pro-evasione. I dati dell’aumento del gettito infatti si riferiscono principalmente ai primi 6 mesi dl 2008 (quando Berlusconi non si era ancora insediato). E già ora nelle regioni “azzurre” i controlli sugli scontrini fiscali sono diminuiti rispetto al 2007.

Grazie Tremonti, il Grande Bluff continua… leggete qui di seguito per maggiori dettagli:

Chi è più libero di evadere

di Paolo Biondani e Luca Piana

http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Chi-e-piu-libero-di-evadere/2057434//2

L’Agenzia delle Entrate incassa oggi il frutto delle indagini chiuse negli anni di Prodi. Una larga fetta degli introiti del 2008, in effetti, deriva da alcune ispezioni chiave della passata gestione: i casi del motociclista Valentino Rossi, della finanziaria lussemburghese Bell, del raider Stefano Ricucci. Analizzando mese per mese le cifre di Bankitalia, poi, la crescita delle entrate risulta in realtà concentrata nella prima parte dell’anno. Insomma, è l’onda lunga delle politiche anti-evasione del precedente governo.

………….

Il ritorno dei furbetti fiscali, invece, emerge dal calo del gettito dell’Iva (vedi grafico a pagina 112). Per spiegarlo, sostiene sempre il Nens, non basta la crisi, visto che nei mesi considerati l’Iva crolla di quasi 3 miliardi, ma i consumi su cui è calcolata aumentano. Che succede allora? “Non tutti registrano le vendite e il fenomeno sembra peggiorare”, conclude lo studio.
…………..

Si tratta delle norme con cui l’Italia aveva applicato le più importanti direttive europee per la lotta al riciclaggio di denaro sporco. Regole che rendono più rischioso anche accumulare i soldi ‘grigi’ dell’evasione. Prodi aveva fissato un drastico divieto di usare denaro contante sopra i 5 mila euro. Oltre la stessa soglia, scattava l’obbligo di emettere assegni non trasferibili, per identificare l’effettivo beneficiario. Sempre per evitare girate di comodo, anche gli assegni ‘liberi’ sotto i 5 mila euro dovevano indicare il codice fiscale o la partita Iva. E per i liberi professionisti era prevista la “tracciabilità” di tutti i compensi sopra i 500 euro.

Appena tornato in sella, il 24 giugno, Tremonti ha più che raddoppiato la soglia di tolleranza per il contante: 12.500 euro. Anche gli assegni sono tornati liberamente trasferibili fino a 12.499 euro. E il limite di 500 per i professionisti è scomparso. “Così ricostruire a posteriori la provenienza del denaro è diventato impossibile”, spiegano due colonnelli della Guardia di Finanza. Un consulente della Banca d’Italia riassume con amarezza la nuova filosofia: “Per favorire gli evasori, il governo accetta il rischio di ostacolare le indagini contro i patrimoni di mafiosi, bancarottieri e speculatori”.
Effetti negativi derivano anche da altre contro-riforme. Con gli incentivi per la ristrutturazione ecologica delle case, Prodi aveva introdotto un meccanismo che trasforma il contribuente in alleato del fisco: per ottenere gli sconti, l’interessato doveva convincere l’azienda di turno a fatturare tutto. A fine anno, è bastato l’annuncio di una limitazione del beneficio per far tornare in nero molti lavori già eseguiti: se il vantaggio fiscale diventa incerto, meglio pagare meno e non dichiarare niente.

A completare il quadro è l’incredibile storia dell’evaporazione del comitato di esperti per la lotta al riciclaggio e ai paradisi fiscali. È l’organismo tecnico a cui la legge affida il compito fondamentale di studiare i cosiddetti “indici di anomalia”: quali operazioni sono “sospette”? Quando una banca (o un avvocato, un notaio o una fiduciaria) è obbligata a denunciare il cliente? Scegliendo indici sbagliati, la guerra è persa in partenza. Per questo Bankitalia aveva selezionato quattro specialisti dal curriculum indiscutibile.

Al di là delle norme, tuttavia, la caccia agli evasori è soprattutto l’effetto del lavoro quotidiano degli ispettori dell’Agenzia e dei finanzieri. E qui si apre un secondo fronte della contro-riforma: il controllo politico della Guardia di Finanza. Chi guida i comandi centrali e territoriali è in grado di controllare anche l’ultimo dei 68.134 finanzieri. Il nuovo governo ha reso ancora più potente la cordata che era vincente già dal 2001

………

Secondo testimonianze di alti ufficiali che non vogliono esporsi, la “definitiva tremontizzazione” delle Fiamme Gialle si completa con la promozione e il trasferimento dei graduati che avevano raggiunto i maggiori risultati contro evasione e criminalità economica: tutti via da città come Milano o Palermo. E trasferiti dove? In province e regioni ‘rosse’.

…………..

Un esempio per tutti: nei primi undici mesi del 2008 i controlli sugli scontrini fiscali risultano in aumento del 4,6 per cento. Se si spulciano però i numeri diffusi dai singoli comandi regionali, non mancano le contraddizioni. Il caso più vistoso è la Lombardia: nel 2007 il comando regionale dichiarava 68 mila controlli, nel 2008 solo 51 mila. Sempre il comando lombardo nel 2007 annunciava di aver scoperto 12 miliardi di evasione, quest’anno si è fermato a sette

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...