Inauguration Day: meno 1

Meno 1. Domani Barack Hussein Obama giurerà come 44esimo Presidente degli Stati Uniti d’America, sabato sono iniziate le celebrazioni ufficiali del “cambio della guardia”, Obama è arrivato in treno, come Lincoln. Ieri c’è stato il mega concero a Washington. Domani la cerimonia ufficiale, “l’Inaguration Day” e cioè il giuramento del nuovo Presidente. Di seguito un pò di news sulle celebrazioni (tratte da Repubblica.it):

Bush a cena dalla Rice poi telefona agli “amici”, compreso Berlusconi
Oggi il Luther King Day, dedicato allo “spirito di servizio” nella comunità

Obama, popolarità alle stelle
“Governo efficiente, ma fate la vostra parte”

L’Inauguration Day costerà 170 milioni di dollari, in gran parte offerti dagli sponsor
Tra gli invitati anche il pilota-eroe dell’aereo nell’Hudson

WASHINGTON – Ultime 24 ore per George W. Bush alla Casa Bianca, meno 24 ore per Barack Obama. Alla vigilia dell’Inauguration Day, la popolarità del nuovo presidente non è mai stata così alta: secondo il sondaggio Cnn reso noto oggi, Obama ha il sostegno dell’84% degli intervistato. Sei persone su dieci vedono la cerimonia di domani come una “celebrazione della democrazia” e, ancor più significativamente, per 9 afroamericani su 10 dicono che quel che sta per accadere è “la realizzazione di un sogno”.

Obama ed il vice presidente Joe Biden, insieme alle loro famiglie, hanno partecipato oggi ad una delle iniziative di volontariato tenute nella zona di Washington. Dopo il centro per i ragazzi senza tetto, Barack Obama è andato in una scuola superiore di Washington per incontrare studenti e genitori raccolti per un’altra iniziativa di volontariato. ”Faremo funzionare il governo – ha detto il presidente – faremo
in modo che vi ascolti, che si interessi a voi, che faccia in modo che la gente possa avere l’assistenza sanitaria, possa mandare i figli al college, pagare le bollette, conservare le proprie case”. Ma è necessario, ha ribadito, l’impegno di tutti per migliorare l’America,
”perché il governo può fare solo fino ad un certo punto”. Sempre in maniche di camicia, Obama è poi passato a salutare, fermandosi a scambiare anche qualche battuta, tutti i ragazzi, genitori ed insegnanti.

Ieri il Concerto in onore del nuovo Presidente:

Il  palco è stato eretto nello stesso luogo dove Martin Luther King pronunciò lo storico discorso “I Have a Dream”. Dopo aver reso omaggio al Memorial, presidente e vicepresidente, e rispettive consorti, hanno salutato le migliaia di persone presenti.

Il concerto è stato aperto da una versione di “The Rising” di Bruce Springsteen e dalle immagini dei discorsi storici di Franklin Delano Roosevelt e John Fitzgerald Kennedy. Ricchissimo il programma, con esibizioni di star del calibro di Beyoncè, U2, Bruce Springsteen, Stevie Wonder, e interventi di attori e attrici: da Tom Hanks a Jamie Foxx, che ha fatto un’imitazione del presidente eletto; da Denzel Washington a Laura Linney. Hbo ha comprato per 2,5 milioni di dollari i diritti per l’evento, ma negli Stati Uniti il concerto potrà essere seguito gratis sul sito dell’emittente televisiva.

L’ultima notte di George W. alla Casa Bianca

Dietro la retorica e le danze, nell’ultimo giorno che diventa il primo, la verità è il rito. Sta in quei furgoni bianchi e gialli con la scritta “Security Storage”, l’impresa di traslochi, parcheggiati nelle strade dietro il portico sud della Casa che cambia inquilino (mai padrone) per la 44esima volta. Nei 54 impiegati ancora in servizio e nel 250 soldati comandati al facchinaggio che vanno e vengono, ben contenti di portare scatoloni piuttosto che stare in Iraq. Hanno portato via dalla Casa Bianca finora mille metri cubi, il volume di un discreto appartamento, di carte e documenti, sotto lo sguardo occhiuto della vice direttrice degli Archivi Nazionali, che quattordici camion e due aerei della US Air Force hanno recapitato nella cristianissima Southern Methodist University di Dallas dove George Bush costruirà la propria biblioteca, accanto alla casa da 2,1 milioni di dollari acquistata per la pensione.

Dal mezzogiorno di domani, tutto quel materiale, e quello ancora da scoprire tra le email e i server, non apparterà legalmente più a Bush, ma alla nazione.  Queste sono le ore nelle quali l’uomo più potente del mondo assiste al proprio funerale civile a mezzogiorno e un minuto di domani, il momento fino al quale potrebbe ordinare il bombardamento atomico di Teheran o Mosca, e alle 12.02, neppure un caffè. Senza “rischi per la democrazia”, nelle certezza di una liturgia che tutti, da 209 anni quando fu aperta la Casa Bianca, rispettano anche se dentro di loro si divincolano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...