Skip to content

Critiche a Roberto Saviano, la mia opinione…

3 giugno, 2010

Ieri tutti i giornali avevano rilanciato la notizia dell’attacco di Marco Borriello a Roberto Saviano. Il giocatore del Milan, il cui padre è stato ucciso anni fa dalla camorra, aveva polemizzato con lo scrittore di Gomorra:

Per me, Saviano è uno che ha lucrato sulla mia città. Non c’era bisogno che scrivesse un libro per sapere cos’è la camorra. Lui però ha detto solo cose brutte e si è dimenticato di tutto il resto”.

Oggi l’attaccante milanista ha fatto marcia indietro, dichiarando quanto segue:

Sono fortemente rammaricato per come mi sono espresso nei confronti di Roberto Saviano e del suo lavoro di giornalismo d’inchiesta – scrive Borriello in una dichiarazione – La mia impulsività nell’esprimermi può aver dato adito a un’interpretazione sbagliata del mio pensiero. Da napoletano che vive lontano dalla sua città sono stanco di sentir parlare sempre di Napoli e dei suoi cittadini nei soliti termini di malaffare, corruzione e camorra”.

“Riflettendo – conclude l’attaccante napoletano – mi sono reso conto che il problema è più grande di me e che determinati argomenti vanno trattati con più cautela e attenzione. Vorrei quindi dare il mio sostegno a Saviano e a tutti coloro che convivono quotidianamente con questa difficile realtà“.

Lasciando stare il “caso Borriello” vorrei però soffermarmi sul tema rilanciato proprio dal giocatore e cioè la serie di critiche che comincia a piovere su Roberto Saviano, non solo da destra ma anche da sinistra, la parte politica che lo ha sempre santificato e protetto. Prima lo scrittore progressista Alessandro Del Lago, il quale ha pubblicato un libro chiamato “Eroi di carta” che demolisce “Gomorra” e critica fortemente lo stesso autore Poi ha proseguito Daniele Sepe, un musicista campano, anch’egli di idee vicine alla sinistra e pronto a scagliarsi contro Saviano a suon di rap.

Insomma, la Sinistra che aveva eretto Roberto Saviano come eroe ed icona del Bene, ora comincia a prendere le distanze.

La mia opinione in proposito è la seguente.

Credo che Saviano sia un uomo, innanzitutto. Un uomo con le proprie idee,  giuste o sbagliate che siano. Idee che molte volte condivido, altre meno. Quel che non accetto è che egli sia ascritto a questa o quella parte politica. A nessuno viene in mente che non bisogna essere di Sinistra per essere eroi o non è detto che tutto ciò che stia a destra rappresenti il male? Uno scrittore è uno scrittore. Punto. Non va “strumentalizzato” da una parte per interessi politici, non va attaccatto dall’altra solo per interessi politici opposti.

Detto questo penso che Roberto possieda una caratteristica assente in molti di noi: il Coraggio. Nessuno puo pensare che non avesse calcolato i rischi derivanti dal riportare nomi e cognomi dei camorristi.

Chi di voi amici lettori, anzi chi di noi tutti avrebbe avuto quel coraggio? Mettere in gioco la sicurezza della propria vita pur di informare i lettori denunciando un problema?

Chiunque critica Saviano dovrebbe farsi questa domanda. Nessun lucro quindi, nessun populismo. Solo un giornalista, un cronista, che fa il proprio lavoro e riporta un problema. Pagandone le conseguenze, in prima persona.

Detto questo, voglio concludere riportandovi una parte dell’articolo di Massimo Gramellini apparso oggi su La Stampa:

È giusto che uno scrittore possa acquisire fama e denaro parlando di camorra, come un centravanti facendo dei gol? Nel suo ultimo disco il musicista partenopeo Daniele Sepe – meno conosciuto di Borriello perché non si è mai fidanzato con Belen – rinfaccia a Saviano: «Hai fatto fortuna, ma chi ti paga è il capo dei burattinai», come se fosse la berlusconiana Mondadori ad aver arricchito il suo autore e non viceversa. Eppure basta bighellonare fra i blog che commentano le parole di Borriello per accorgersi che tanti la pensano come lui e paragonano Saviano a «uno che fa beneficenza e va a dirlo in giro».

In questo Paese cattolico e contadino, che pensa al denaro di continuo ma non smette di considerarlo lo sterco del demonio, è passato il principio che argomenti nobili come la legalità e la giustizia sociale vanno maneggiati in incognito e senza percepire compensi di mercato. Briatore può farsi docce di champagne su tutti gli yacht che vuole: è coerente col personaggio. Ma Santoro non deve guadagnare come Letterman né Saviano come Grisham, perché da chi sferza il malcostume gli italiani pretendono voto di povertà. A noi gli eroi piacciono scalzi e sfigati, per poterli compatire e sentirci più buoni. Così dopo votiamo i miliardari con maggiore serenità.

Condivido in pieno il pensiero espresso da Gramellini e mi permetto di concludere con una riflessione. Roberto Saviano non va protetto solo dalla Camorra, va protetto anche dai tanti cialtroni che esistono nel mondo della politica e non solo.

Annunci
One Comment leave one →
  1. Anonimo permalink
    29 novembre, 2016 12:11 pm

    Credo che Saviano abbia la sua sicurezza ampiamente garantita a spese degli italiani, non confondiamo il giornalismo vero con uno scribacchino furbo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

Carta, inchiostro e fantasia. Illustrazioni e storie da passeggio.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: