Skip to content

Imu-Bankitalia: di cosa si tratta, al netto dello squadrismo populista grillino

31 gennaio, 2014

Boldrini applica la ‘ghigliottina’ per non far decadere il decreto IMU-Bankitalia. I grillini protestano, occupano i banchi del governo, insultano le deputate democratiche, fanno ostruzionismo fisico invadendo sale stampe e sbarrando commissioni. Uno squadrismo preoccupante.

Si, l’ostruzionismo sul decreto Bankitalia era giusto. Ma una regola lo ha bloccato. Le proteste contro un provvedimento che si ritiene sbagliato sono sacrosante. Gli insulti e gli atti di prepotenza ed insubordinazione sono inaccettabili.

Ma veniamo ai punti in questione. Perchè Boldrini è stata costretta ad applicare la ‘ghigliottina’? Evitare che, caduto il decreto, gli italiani fossero costretti a pagare a sorpresa la II rata IMU del 2013:

Fonte:

La questione è molto “semplice”: Laura Boldrini ha garantito i diritti dell’opposizione durante il forte ostruzionismo di questi giorni contro il decreto del governo, e poi si è ritrovata davanti ad un bivio dove alcun presidente della Camera si era mai trovato/a dopo aver “minacciato” uno strumento parlamentare definito “tagliola”: continuare a far valere le ragioni della minoranza (tra cui c’è anche Sel), far decadere il decreto (che scadeva alle 23.59) e far scattare la seconda rata dell’Imu, venendo così meno al suo ruolo imparziale e contravvenendo al ruolo che la Costituzione le impone, oppure – dopo aver garantito che l’opposizione avesse il proprio spazio negli ultimi giorni – garantire anche i diritti del governo che, piaccia o meno, ha la maggioranza per far passare le cose che propone ed ha il diritto di far valere il suo peso. Che piaccia o meno (e a me, visto che governo c’è, non piace).

Ed è proprio contro il governo che, semmai, bisogna prendersela per un decreto IMU-Bankitalia osceno e improponibile. Non contro Laura, che si è trovata davanti ad una situazione difficilissima in cui nessun altro Presidente si è ritrovato. Poi è facile chiacchierare da qui, essendo di parte, e dire che doveva permettere alle opposizioni di continuare l’ostruzionismo, provocando il caos IMU e ritrovandosi la maggioranza parlamentare e il governo contro. Capisco rabbie, delusioni e tutto, ma bisognerebbe riflettere un po’ prima di sputare sentenze.

Secondo punto. Cosa si è votato realmente su Bankitalia? Una rivalutazione ‘virtuale’ delle azioni Bankitalia in possesso delle banche per dare loro maggiore forza e quindi far si che esse garantiscano maggior credito ai privati ed alle imprese.
Fonte

Chi possiede Banca d’Italia?
La Banca d’Italia non è mai stata statale, ma proprietà degli istituti bancari e assicurativi.

Qual è oggi la compagine azionaria?
Oggi più del 50 per cento è in mano a Intesa San Paolo e Unicredit.

C’è quindi il pericolo che i controllati (le banche) controllino il controllore (la Banca d’Italia esercita la vigilanza sui mercati del credito e delle assicurazioni)?
No, perché la Banca d’Italia è e resta un Istituto di diritto pubblico e i soci proprietari delle azioni non hanno alcun potere sulla governance dell’istituto e sulla gestione delle attività istituzionali della Banca.

Cosa succede con la riforma?
Nessuno potrà possedere più del 3 per cento delle azioni di Banca d’Italia. Gli azionisti che oggi ne possiedono di più dovranno vendere.

Qual è la regola per la rivalutazione?
La nuova regola è che agli azionisti verrà riconosciuto un rendimento non superiore al 6 per cento del capitale investito (non più, quindi, delle riserve). Il valore del capitale viene portato a 7,5 miliardi. Quindi, il massimo dei dividendi attribuibili in futuro è di 450 milioni, una cifra inferiore al massimo oggi raggiungibile.

Qual è il beneficio “di sistema” di questa operazione?
Finora le azioni di Banca d’Italia non potevano far parte del capitale di vigilanza dei soggetti che le possedevano, appunto perché non stavano sul mercato e non c’era un criterio univoco di valutazione. Grazie alla riforma, potranno essere inserite nel capitale di vigilanza.

E allora? C’entrano forse Basilea 3 e i nuovi criteri prudenziali dell’Unione bancaria?
Sì. Le banche sono limitate, nel credito che possono erogare, dalla quantità del loro patrimonio. I requisiti di patrimonializzazione richiesti alle banche sono molto aumentati dopo la crisi del 2008-2009. Tutti gli organismi internazionali, e per ultima l’Unione Europea, hanno introdotto metodi più stringenti di valutazione dei rischi e requisiti patrimoniali più elevati. E questo è, insieme alla crisi dell ’economia reale, una delle cause della restrizione del credito bancario di cui soffrono soprattutto le imprese piccole e medie.

Advertisements
One Comment leave one →
  1. vittorio permalink
    1 febbraio, 2014 11:15 am

    Ho fatto un sogno utopico? Il Popolo si destava (finalmente ) e si univa per formare una -SPA- del lavoro
    Non esistevano più padroni chi aveva bisogno di manodopera si doveva rivolgere alla (-SPA-del lavoro)
    Pagando la manodopera di qui abbisognavano ad un prezzo stabilito dalla (SPA del lavoro)
    Il Tutto adeguando là manodopera al costo (reale) della vita ed ai costi di mercato
    I Cosi detti padroni che hanno sfruttato avidamente per secoli non esistevano più.
    il Popolo poteva scegliere Diventare padrone di se stesso ho prestatore di manodopera.
    La differenza del padrone di se stesso?
    Il padrone di se stesso (Tolte le spese totali documentando il tutto) rimaneva il 20% netto in più.
    La vera UTOPIA? Cosi facendo in un solo colpo avevano fatto sparire tutta la classe Politica serva delle lobby. E le lobby stesse che non potevano più sfruttare il Popolo.

    Annullando di colpo tutti gli sprechi.
    Perché il Popolo aveva solo un pensiero in comune
    Unire le menti per fornire idee produttive con benefici per tutti.

    Chi non accettava? Era libero di andare via portando con sé per carità cristiana solo il 20% dei suoi possedimenti.
    PS Potrebbe essere un sogno che si avvera? Speriamo di SI. VITTORIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

#illustrazionidapasseggio - Marco Guzzini blog

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: