Skip to content

Bosnia, continuano le proteste, sale la tensione

19 febbraio, 2014

bosnia

In Bosnia, nel silenzio generale dei media, da qualche settimana la gente scende in piazza per protestare. Crisi economica, sfaldamento del Paese, tanti i temi che spingono alle manifestazioni. La tensione sale. Sperando non precipiti.

Da Repubblica.it

SARAJEVO – Gli ultimi 10 giorni hanno visto sorgere in Bosnia Erzegovina la più importante manifestazione di protesta civile a partire dai tempi della formazione della Repubblica federale, nel 1995. È da oltre una settimana che le manifestazioni di dissenso – dopo aver preso il là nei principali centri ex industriali di Tuzla, Brčko, Bihać – interessano anche la capitale Sarajevo e cittadine periferiche come Zenica, Mostar, Kakanj, Sanski Most, Gračanica, Zavidovići, Bugojno e Orašje.

 La mobilitazione è iniziata a Tuzla, nel nord-est del paese, dove mercoledì scorso oltre 500 operai hanno manifestato davanti al governo cantonale puntando il dito contro il processo di privatizzazione degli ex colossi industriali di proprietà statale che ha lasciato senza lavoro nè protezione oltre 10 mila lavoratori.

 La protesta, che chiedeva al governo cantonale misure urgenti per far valere i diritti contrattuali o almeno di pilotare la bancarotta delle aziende in modo da ottenere i sussidi di disoccupazione e recuperare le spese di previdenza sociale, è rapidamente montata. Il giorno seguente i partecipanti sono diventati alcune migliaia e davanti al rifiuto delle autorità di dialogare, la mobilitazione è sfociata in scontri con la polizia e nell’incendio della stessa sede del governo cantonale.

 A due giorni di distanza, la protesta si è diffusa anche nella capitale Sarajevo, dove non ci sono grandi poli industriali in declino ma la disoccupazione – come nel resto del paese – raggiunge il 30%. Qui, come negli altri centri urbani, la manifestazione ha avuto un carattere spontaneo, è stata priva di affiliazioni partitiche e non è stata supportata dai sindacati nè caratterizzata da richiami etnici o nazionalisti.

Disagi che vengono da lontano, dalla fine della guerra, anno 1995:

L’assetto istituzionale previsto dalla costituzione di Dayton, redatta in inglese e solo successivamente tradotta nelle lingue locali, avrebbe dovuto consentire l’avvio di una transizione. In 19 anni ogni tentativo di riforma è fallito; gli accordi hanno indubbiamente fatto deporre le armi, ma non hanno posto le basi di un’effettiva pacificazione, proiettando il paese in due decenni di un interminabile dopoguerra.

 Oggi, l’errore principale sarebbe propio quello di ricollegare le proteste di questi giorni alla guerra, per via di risentimenti etnici o di frizioni nazionaliste. Al contrario, non sono queste le ragioni della mobilitazione. Le piazze sono mosse dal sentimento spontaneo di discredito dell’intera classe politica – della quale chiedono le dimissioni, rifiutando di sottostare al divide et impera su base etno-nazionale che nelle repubbliche ex jugoslave (e soprattutto in Bosnia Erzegovina) ha permesso alle élite di mantenere indisturbata il potere.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

Carta, inchiostro e fantasia. Illustrazioni e storie da passeggio.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: