Skip to content

Espulsione dissidenti 5 Stelle: scoppia la bagarre, tra dimissioni e contestazioni

26 febbraio, 2014
M5s, senatore Romani si dimette. Fattori: “Stop al voto. Valutare caso per caso”
Oggi nel Movimento 5 Stelle volano gli stracci. Espulsioni, dissidenti, dimissioni, strilli, grida, parlamentari in lacrime. E’ bene fare il punto della situazione.
Tutto inizia una settimana fa. I 5 Stelle dovrebbero andare alle consultazioni con il premier incaricato Renzi. Grillo è contrario ma si mette al voto sul blog. Vincono, di poco, i favorevoli ad un confronto. Ed ecco che il leader 5 stelle si reca a colloquio con il Presidente del Consiglio. Non uno scambio di opinioni però. Una sceneggiata di Grillo che non lascia parlare Renzi e si limita a dire ‘non hai la nostra fiducia’.
4 Senatori pentastellati, Lorenzo Battista, Fabrizio Bocchino, Francesco Campanella e Luis Alberto Orellana, emettono un comunicato in cui criticano l’attegiamento del loro leader:
Peccato. Sarebbe stata un’ottima occasione per chiedere, in streaming, a Renzi cosa pensa delle grandi questioni su cui il Pd non si e’ mai espresso in modo chiaro. Pensiamo soprattutto agli sprechi costituiti dal proseguimento della realizzazione del TAV e del progetto F35″. “Molti nel Movimento – aggiungono – sono appagati dal fatto che Grillo ‘gliele abbia cantate forte e chiaro’. Ma riteniamo che per esprimere valutazioni, il tempo e i mezzi non ci manchino. Per chiedere risposte precise, invece, bisognera’ aspettare la prossima occasione. Questa l’abbiamo perduta”.
Apriti cielo. Grillo li attacca pesantemente sul blog. E parte la richiesta di espulsione dal gruppo. Tra le proteste dei quattro interessati e di parte dei pentastellati stessi.
I parlamentari messi alla ‘gogna’ infatti non vengono cacciati perchè non hanno rispettato il programma del Movimento. La loro unica colpa è aver criticato Beppe Grillo. Roba che neanche il Partito Nazionale Fascita.
Ieri sera il gruppo vota, a maggioranza e con molti dissenzienti, l’espulsione dei quattro ‘critici’. Sul Blog appare quindi il post di voto per la cacciata dei senatori. Un voto unico, non diviso per persone. E scoppia il caso:

“Abbiamo sbagliato tutto, sospendiamo il voto e calmiamoci”. La senatrice M5s Elena Fattori esce dalla riunione dei suoi a Palazzo Madama con un appello. “C’è stato un errore di gestione della situazione”, dice a ilfattoquotidiano.it, “Siamo umani, anche noi sbagliamo”. La votazione per l’espulsione dei 4 parlamentari grillini, Campanella, Bocchino, Battista e Orellana è in corso fino alle 19 di stasera sul blog di Beppe Grillo, ma il gruppo rischia di non reggere all’ennesimo colpo interno.

La riunione di oggi si svolge tra grida ed insulti reciproci:

“Innanzitutto non ci si può esprimere direttamente su tutti e quattro. Ieri sera noi abbiamo votato per l’espulsione dei singoli. Non possiamo affrontare temi così delicati velocemente, in preda alle emozioni. E’ una tortura così“. Soffrono, qualcuno è uscito dalla riunione piangendo, altri parlano solo di delusione. “Stiamo cercando di convincere i dieci che vogliono andarsene. Non possono lasciarci così. Siamo un gruppo che nel bene e nel male è sempre riuscito ad essere compatto. Cerchiamo di non perdere la calma”.

Grillo però è deciso ad espellere i 4 senatori, tutti insieme e non uno per uno. Così sta votando il web:

Un appello che per ora non ha ricevuto ascolto. Fra poco più di un’ora si saprà la sorte dei quattro senatori dissidenti e forse il Movimento al Senato sarà ancora più debole.

Ed ecco le prime defezioni. Si dimette il senatore Romani:

Il primo ad andarsene ufficialmente è il fiorentino Maurizio Romani: “Oggi non mi sento più in coscienza di seguire certe scelte che considero sbagliate e soprattutto inefficaci”, ha scritto su Facebook, “Se lo facessi tradirei quegli stessi valori e tradirei il mandato ricevuto da chi mi ha eletto e ha fiducia in me”.

Altri senatori pronti a lasciare:

Ma non solo: pronti a lasciare Palazzo Madama dicono di essere anche Alessandra Bencini, Maria Mussini, Monica Casaletto e Laura Bignami. Una decisione che, se poi approvata, lascerebbe il posto a dieci dei candidati non eletti alle scorse dimissioni.

I 5 stelle si stanno sgretolando. C’è da gioire? No. Avrebbero potuto fare molto per cambiare il paese. Ma per non scendere a compromessi hanno preferito il purismo. Ed il purismo li sta facendo fuori uno ad uno. Resterà solo Beppe Grillo con qualche altro adepto. I dissidenti verranno rimpiazzati da soldatini compiacenti. E probabilmente il popolo darà ragione al leaderissimo perchè purtroppo nei partiti ‘personalistici’ il dissenso viene mal tollerato.

Se all’inizio il M5S mi ispirava curiosità, quasi da subito tale sentimento si tramutò in rabbia. Per il loro atteggiamento oltranzista e supponente. Ora subentra la tristezza, per una grande occasione perduta. Ed anche un po’ di paura. Il settarismo e la selvaggia repressione del dissenso sono metodi che ricordano i regimi. Non le democrazie. Se alla base della loro rivoluzione c’è la mancanza di tolleranza delle diversità di vedute, ciò che nascerà non potrà essere qualcosa di buono.

Annunci
One Comment leave one →
  1. attikus permalink
    26 febbraio, 2014 8:38 pm

    nessuna meraviglia.. è oramai evidente che a grillo & casaleggio servono solo scimmie che eseguano alla lettera quanto da loro deciso… e se qualcuno alza la testa viene espulso con ignominia….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

Carta, inchiostro e fantasia. Illustrazioni e storie da passeggio.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: