Skip to content

Renzi vara i tagli IRPEF, i dettagli

18 aprile, 2014

bonus

Da Il Post i dettagli dell’operazione, con provvedimenti e finanziamenti:

IRPEF e IRAP
Renzi ha confermato il taglio dell’IRAP di 10 punti percentuali e soprattutto il taglio dell’IRPEF da 80 euro al mese per tutte le persone che guadagnano dagli 8.000 euro ai 26.000 euro annuali. L’ipotesi di allargare verso il basso il numero dei cittadini interessati dal bonus alla fine è stata scartata, ha detto Renzi, perché «è prevalso l’obbligo di mantenere l’impegno sugli 80 euro». Gli 80 euro saranno in busta paga da maggio.

Senza leggere il decreto non si capisce ancora con certezza se gli 80 euro sono frutto di un bonus – in attesa di confermarlo tra un anno, come si era ipotizzato nei giorni scorsi – o di un taglio strutturale e definitivo: Renzi ha garantito che sarà percorsa la seconda ipotesi, parlando più volte di «misura strutturale», ma ha detto anche che la questione entrerà «a regime» con un intervento nella legge di stabilità. Renzi ha detto che ci sarà un piccolo gradino per chi guadagna tra i 24.000 e i 26.000 euro, per evitare che – per effetto del taglio – chi guadagna meno di 26.000 euro finisca per guadagnare di più di chi non è coinvolto dal taglio. In futuro il governo interverrà anche sui cosiddetti “incapienti”, ha detto Renzi, che guadagnano meno di 8.000 euro.

Dove si prendono i soldi?
Renzi ha annunciato un largo numero di misure, alcune simboliche e altre più concrete, e ha detto che serviranno 6,9 miliardi di euro nel 2014 e 15 miliardi nel 2015. Tra le misure elencate da Renzi ce ne sono tante già descritte nel DEF e previste dalla spending review, e poi ci sono l’abolizione delle tariffe postali avvantaggiate per i candidati alle elezioni (vale 10 milioni di euro, dice Renzi), l’abolizione dell’obbligo di dare pubblicità sui giornali a gare d’appalto e comunicazioni simili (si faranno online e il taglio vale 100 milioni di euro, dice Renzi), l’obbligo per ogni ministero di avere un massimo di cinque auto blu e vendere le altre. Tutte le spese degli enti locali e dello Stato dovranno essere pubblicate online entro 60 giorni: se non lo faranno, il governo ridurrà i trasferimenti.

Non ci sono i “tagli alla sanità” di cui avevano parlato i giornali nei giorni scorsi, ma Renzi ha detto che il governo pensa di ottenere 2,1 miliardi attingendo da enti locali, regioni e Stato, ognuno per 700 milioni di euro. Renzi ha detto che enti locali e regioni avranno 60 giorni per decidere liberamente dove e cosa tagliare, così da evitare il meccanismo dei tagli lineari; se non lo faranno interverrà il governo, tagliando dove si riscontreranno anomalie e «sproporzioni dei costi standard». Nei tagli del governo è stata citato anche il tetto di 240 mila euro per gli stipendi annuali dei manager pubblici (la «norma Olivetti», l’ha definita Renzi) e una «revisione del programma di sviluppo degli F35» per risparmiare 153 milioni di euro nel 2014.

Anche la RAI dovrà «partecipare al risanamento», ha detto Renzi, fornendo 150 milioni di euro in tagli: il consiglio di amministrazione dell’azienda potrà scegliere dove e come tagliare e avrà anche la facoltà di vendere RAI Way, la società per azioni che possiede la rete di diffusione del segnale radiotelevisivo della RAI e ha il compito di gestire gli impianti, e riorganizzare le sedi regionali, se lo riterrà opportuno. Un’altra parte delle risorse verrà dalla lotta all’evasione fiscale, ma Renzi ha chiarito che per evitare di mettere a bilancio cifre a caso il governo considererà tra le coperture soltanto i 300 milioni di euro già recuperati e «certificati». Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ha detto che queste misure serviranno a sostenere e rinforzare una ripresa che c’è ma che è «fragile».

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. 18 aprile, 2014 9:57 pm

    Nell’articolo avete dimenticato di dire che gli 80 euro…..vanno a coloro che guadagnano dagli 8.000 ai 25.000 euro da dipendenti…….non a tutti coloro che sono compresi in quella forbice,….rimangono fuori…le partite iva, gli autonomi e i pensionati…………..

  2. vittorio permalink
    19 aprile, 2014 9:46 am

    SI PUO AZZERARE IL DEBITO DELLO STATO ?
    SI incominciando a eliminare tutti i politici servi delle lobby sostituendoli con le MASSAIE
    Veri Ministri dell’Economia Laureate a L’università della Vita dove gli esami si danno tutti i giorni .
    Con miseri stipendi che quando va bene ammontano a Euro 1200,00 al mese.
    Abituate come sono a eliminare il superfluo in breve tempo il debito Pubblico tornerebbe in pari
    Assicurando una vecchiaia dignitosa a tutti i Lavoratori.
    ( Gestendo le risorse con oculatezza potremmo vivere senza essere ricattati da chi gestisce i capitali sottratti al Popolo con le ruberie ).
    L’Italia detenendo il 60% del patrimonio Artistico Mondiale potrebbe vivere in prevalenza di Turismo
    E di prodotti ( Mede in Italy) come alta Moda Prodotti Gastronomici Artigianato Ecc
    VITTORIO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BalconeFiorito

Giardinaggio: idee, consigli e fotografie di Francesco Diliddo

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: