Skip to content

Iraq nel caos, tra golpe ed ISIS

11 agosto, 2014

Iraq

Le forze politiche irachene litigano mentre l’ISIS avanza in tutto il Paese:

Il Post. Lunedì 11 agosto il presidente dell’Iraq, il curdo Fuad Masum, ha chiesto al vicepresidente del parlamento, lo sciita Haider al-Abadi, di formare un nuovo governo. Poche ore prima, i parlamentari riuniti nell’Alleanza Nazionale Sciita (una colazione che rappresenta i principali partiti sciiti al parlamento iracheno) avevano votato per presentare come candidato primo ministro proprio al-Abadi, al posto dell’attuale capo di governo, Nuri al-Maliki, un personaggio molto contestato sia in Iraq che all’estero. Dallo scorso aprile, infatti, quando si sono svolte le ultime elezioni parlamentari, in Iraq è necessario formare un nuovo governo. Fino ad oggi è stato impossibile, anche a causa delle divisioni interne al parlamento e a quelle tra gli stessi partiti sciiti che formano la maggioranza, e così è rimasto in carica il governo di Maliki.

Intanto i fondamentalisti dell’ISIS stanno sterminando una minoranza, gli yazidi:

Iraq, il dramma degli Yazidi in fuga dai massacri

Corriere.it. La fase culminante dell’eccidio degli yazidi si sta consumando giorno dopo giorno, da una settimana, sulle montagne di Sinjar. È una catena rocciosa, brulla, alta oltre 1.100 metri, lunga 25 chilometri e larga mediamente meno di quattro nell’Iraq settentrionale. Vi si trovano un pugno di villaggetti, alcuni disabitati, pochi pozzi d’acqua piovana, quasi per nulla sorgenti e una sola strada d’asfalto che la attraversa da nord a sud. Qui donne, bambini, anziani e pochi uomini tutti appartenenti a questa minoranza (circa 500.000 persone) seguaci di una religione con oltre 4.000 anni di storia, cercano rifugio dalla furia omicida dei fondamentalisti del nuovo Califfato. Li considerano sub-umani, eretici, «adoratori del diavolo» perché legati a riti e culti che precedono il monoteismo. Sono parte della diversità affascinante di culture e fedi remote, ma proprio per questo rischiano l’estinzione violenta.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BalconeFiorito

Giardinaggio: idee, consigli e fotografie di Francesco Diliddo

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Fiscalità internazionale e pianificazione fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In Compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera...

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: