Skip to content

I Presidenti: Giuseppe Saragat (1964-1971), la ‘Sinistra’ arriva al Colle!

12 gennaio, 2015

Giuseppe Saragat
(1898-1988)

Presidente dal 1964 al 1972

Giuseppe_Saragat

Gente come te e come me, al Quirinale, se c’è una sommossa di destra, spara: se ce n’e una di sinistra, si spara.

Questa frase di Giuseppe Saragat, detta durante un colloquio con il leader socialista Pietro Nenni, fa capire quale sia l’estrazione politica del nuovo Capo dello Stato.

Laureato in Scienze Economiche e Commerciali, nel 1922 aderisce al Partito Socialista più che per convinzione ideologica per vicinanza alle classi economiche deboli e per rivalsa contro i ‘figli di papà’, come sostenne egli stesso.

Torinese, 67 anni, figlio di immigrati sardi, socialista riformista turatiano fin dal 1922, esiliato in Svizzera, Austria e Francia durante il fascismo, rientrato e arrestato dai nazisti nel 1943, presidente della Costituente nel 1946, ha avuto il coraggio di opporsi al fronte socialcomunista e a promuovere nel 1947 la scissione del Psi a Palazzo Barberini, appoggiando l’adesione dell’Italia alla Nato e al Piano Marshall.

Ma come si arrivò alla elezione del ‘socialfascista’ Saragat, così come veniva etichettato dai comunisti dal giorno della scissione socialdemocratica del 1947? Le posizioni strategiche, al momento delle dimissioni dell’infermo Antonio Segni, erano le seguenti.

La DC aveva pensato a Giovanni Leone, ex Presidente del Consiglio ed esponente della parte conservatrice del partito. La Sinistra socialista, socialdemocratica e repubblicana propose invece Giuseppe Saragat, già in corsa per l’elezione del 1962. Saragat era gradito anche all’ala ‘destra’ del PCI, capitanata da Giorgio Amendola.

Iniziate le votazioni per l’elezione, si capì subito che la candidatura Leone avrebbe avuto difficoltà. I franchi tiratori provenienti dalla ‘sinistra dc’ di Fanfani e Donat Cattin fecero mancare i numeri. Dopo quindici scrutini e l’interessamento ‘disperato’ del Vaticano, non ascoltato dai ‘sabotatori’, Giovanni Leone decise di sottrarsi al ‘supplizio cinese’ da lui stesso così definito e si ritirò dalla corsa al Quirinale.

Mentre le Sinistre sostenevano il candidato di bandiera Pietro Nenni, lo scontro era ancora una volta tutto interno alla DC. Destra contro Sinistra armate:

Nella notte, all’ennesima riunione di partito, volano parole grosse: da una parte i fanfaniani e forzanovisti di Donat-Cattin, che puntano a un’intesa con le sinistre; dall’altra i centristi di Scelba e la destra di Andreotti, che si oppongono a ogni cedimento verso i comunisti. La battaglia si chiude con un fumoso documento che pare orientato verso Saragat, ma non lo nomina mai, e men che meno indica la maggioranza che lo dovrà sostenere.

Saragat

Alla fine, grazie al lavoro del segretario PDSI Tanassi, alle convergenze non ufficiali di PCI e DC e grazie alla dichiarazione ‘capolavoro’ dello stesso Saragat (“Ho posto per la seconda volta la mia candidatura a presidente della Repubblica e mi auguro che sul mio nome vi sia la confluenza dei voti di tutti i partiti democratici e antifascisti) l’elezione è cosa fatta. Al 21esimo scrutinio, con 646 preferenze, votato da tutti i partiti tranne liberali e missini, Giuseppe Saragat venne eletto quinto Presidente della Repubblica. Il Time commentò : “Hanno scelto l’uomo migliore nel peggiore dei modi”

600full-giuseppe-saragat

Fedele alla sua dichiarazione ‘antifascista’ pre elezione, la Presidenza Saragat fu caratterizzata dalla valorizzazione della Resistenza, come elemento fondante della Repubblica. Egli cercò anche di favorire l’alleanza tra le sinistre socialiste e la Democrazia Cristiana ed appoggiò, fallendo, il tentativo di riunificazione tra PSI e PSDI.

Fedele all’alleanza occidentale, non risparmiò critiche agli Stati Uniti per “questa guerra del Vietnam che dura troppo a lungo e che dovete chiudere” , male accolta dalla Presidenza JohnsonSul fronte interno dovette poi affrontare il ‘Sessantotto’, l’inizio della strategia della tensione con attentati, morti e feriti.

Si dirà che, nei giorni burrascosi della contestazione e degli scontri di piazza , Saragat accarezzasse addirittura il proposito di improvvisarsi come “il De Gaulle italiano” con un pronunciamento per la Repubblica presidenziale, sul modello appena adottato in Francia dal generale suo idolo. Ma che i consiglieri l’avessero convinto a soprassedere

Grazie a Giuseppe Saragat il discorso di fine anno assunse  il significato del ‘bilancio annuale’ della stagione politica.

Le statistiche della Presidenza Saragat:

stat saragat

Morì a Roma nel 1988. L’Unità, come estremo e forse tardivo riconoscimento, titolò “Oggi è morto un compagno!”

Fonti:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/04/13/quirinale-11-presidenti-saragat-chiamavano-barbera-voleva/561855/
http://www.polisblog.it/post/75691/i-presidenti-della-repubblica-giuseppe-saragat
http://cronologia.leonardo.it/storia/biografie/saragat.htm
Statistiche tratte da Repubblica.it

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BalconeFiorito

Giardinaggio: idee, consigli e fotografie di Francesco Diliddo

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Fiscalità internazionale e pianificazione fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In Compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera...

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: