Skip to content

Libia nel caos, l’ISIS avanza, gli occidentali lasciano il Paese

16 febbraio, 2015

libia2

La situazione in Libia sta rapidamente precipitando. I miliziani dello Stato Islamico avanzano, gli occidentali fuggono, il Paese è nel caos. Il Post riassume in 9 punti cosa sta accadendo:

1. Come è fatta la Libia
La Libia ha sei milioni di abitanti e un territorio sei volte l’Italia. La maggior parte dei libici vive sulla costa, il resto del territorio è praticamente desertico. Ci sono due grosse regioni, divise dal Golfo della Sirte: la Tripolitania a ovest e la Cirenaica a est. Le riserve di gas e petrolio sono soprattutto all’interno.

2. Riepilogo delle puntate precedenti
Dopo la caduta del regime di Mu’ammar Gheddafi, nel 2011, è successo un po’ di tutto. Di elezioni parlamentari ce ne sono state due, nel 2012 e nel 2014. La Libia è rimasta però sotto il controllo di moltissime milizie: alcune non hanno riconosciuto le elezioni del 2014 e hanno formato a Tripoli, in Tripolitania, un governo e un parlamento alternativi a quelli “ufficiali”.

3. Chi sta combattendo?
Semplificando, gli schieramenti sono due. A Tubruq, nell’est della Libia, si è insediato il governo uscito delle elezioni 2014, riconosciuto dalla comunità internazionale e il cui primo ministro è Abdullah al Thinni. A ovest governano le milizie islamiste – la coalizione si chiama “Alba della Libia”: Tripoli, la capitale della Libia, è sotto il loro controllo.

4. Chi è il generale Haftar
Khalifa Haftar è un generale dell’esercito libico: all’inizio sembrava intenzionato a compiere un colpo di stato contro al Thinni. Oggi è “alleato” – o per meglio dire è fedele – al governo “ufficiale” con sede a Tubruq e combatte le milizie islamiche (nei mesi scorsi le forze di Haftar hanno anche compiuto dei bombardamenti).

5. Cosa c’entra lo Stato Islamico
Attualmente ci sono due città controllate almeno in parte da milizie considerate vicine allo Stato Islamico: Derna, nell’est del paese non troppo lontano da Tubruq, e Sirte, di cui si è parlato negli ultimi giorni (qui fino a poche settimane fa c’erano uomini di Alba della Libia). Sembra che l’IS in Libia sia formato soprattutto da libici tornati dalla guerra in Siria: secondo alcune conta circa un migliaio di miliziani.

6. Cos’è successo con i copti
Pochi giorni fa una milizia libica affiliata allo Stato Islamico ha rapito 21 cittadini egiziani di religione copta nella zona di Sirte: una loro foto mentre sono ostaggi dell’IS è stata pubblicata nell’ultimo numero della rivista dell’IS, “Dabiq”. Domenica 15 gennaio l’IS ha diffuso un video in cui sostiene venga mostrata la decapitazione dei 21 ostaggi egiziani. L’Egitto appoggia apertamente il generale Haftar e il governo legittimo.

7. Cosa ha detto il governo italiano sulla Libia
Il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni ha detto che in Libia «l’Italia è pronta a combattere nel quadro della legalità internazionale». In un’intervista pubblicata domenica 15 febbraio sul Messaggero, il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha detto che l’Italia «immagina» di guidare un’eventuale coalizione internazionale e che il suo impegno potrebbe essere “numericamente significativo” come quello compiuto in Afghanistan (si parla di circa 5mila militari).

8. Gli interessi dell’Italia in Libia
L’Italia è il paese europeo più vicino alla Libia: il 21 per cento del petrolio acquistato dall’Italia e circa il 10 per cento del gas arriva dal territorio libico (anche se negli ultimi due anni le forniture sono state incostanti). La situazione che c’è ora in Libia è anche considerata tra le principali cause dell’aumento degli arrivi di immigrati tramite il Mediterraneo centrale (più di centomila nel corso del 2014, il doppio del 2013).

9. Ma alla fine, l’Italia può intervenire in Libia?
Le dichiarazioni di Gentiloni e Pinotti lasciano intendere che l’Italia è disposta ad intervenire soltanto con il “consenso internazionale”, cioè con una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU che autorizzi l’intervento militare. Quindi una risoluzione in cui nessuno dei membri permanenti con diritto di voto usi il veto

 

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

BalconeFiorito

Giardinaggio: idee, consigli e fotografie di Francesco Diliddo

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Marco Guzzini - Tratti e Spunti

Storie, Inchiostro e Illustrazioni

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: