Skip to content

Affonda barcone di migranti, si temono 700 morti

19 aprile, 2015

naufragio

L’immigrazione è un fenomeno non un problema. È irrisolvibile in quanto fenomeno, deve essere governabile per non farlo diventare un problema. Non si può costringere una persona a rimanere nel proprio paese, le nazioni non sono delle immense carceri, i confini sono imposti dalla Storia non dalla Natura. Questo è il primo concetto da capire per poi analizzare tutto il resto.

Si potrebbe anche dire questo. Se in Africa anche i mezzi di produzione, le zappe, sono in mano a multinazionali che sfruttano, se l‘Europa attua dazi pesanti verso i prodotti africani (cosa che non fa per i cinesi) come si può pensare che quei paesi crescano e migliorino le condizioni di vita dei propri abitanti non spingendoli ad andare via?

Non li facciamo crescere ma poi non li vogliamo. E siamo consapevoli che se i loro paesi cresceranno noi automaticamente saremo in po’ meno ricchi? Devono morire poveri e di fame quindi? Possibilmente lontano dai nostri occhi?

La responsabilità dell’ennesima tragedia del mare è dell’Europa. Incapace di decidere qualsiasi cosa all’infuori di imporre rigore ed austerità ai propri popoli. E dell’Italia, incapace di costringere l’UE a decisioni forti in tema immigrazione. Renzi usa la clava solo qui, a Bruxelles solo chiacchiere.
Mare Nostrum va ripristinata immediatamente e con fondi europei, altrimenti si blocchi l’attività delle commissioni. Basta parole, si passi ai fatti. Siamo ad aprile e sono morte già più di mille persone. Cosa accadrà da qui all’estate?

Vi prego infine di non andare a leggere i commenti di utenti Facebook alla notizia della tragedia dei migranti e riportati dai principali siti di informazione. C’è da rimanere nauseati. Non è la prima volta certo ma fa sempre male constatare la crudeltà umana in tutta la sua potenza.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

Carta, inchiostro e fantasia. Illustrazioni e storie da passeggio.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: