Tsipras rifiuta (giustamente) il piano UE ma decide (sbagliando) di schierarsi nel referendum

11391785_683966871702952_327232797877564094_n

Un articolo riporta le differenze tra ciò che avrebbe accettato Tsipras (l’età pensionabile a 67 anni, la privatizzazione di porti ed aeroporti, tanto per dire che pur essendo di Sinistra non si è opposto a qualsiasi decisione impopolare) e ciò che era richiesto dalla burocrazia Europea (ovvero l’opposizione alla tassa sui grandi patrimoni, che Tsipras avrebbe voluto reintrodurre ed il ripristino della contrattazione collettiva, eliminato dai governi greci precedenti e ‘filoburocrati’). Tsipras quindi ha fatto bene a rifiutare lo ‘strozzinaggio’ di UE e FMI. Detto questo credo abbia sbagliato a convocare il Referendum e ad esprimere una netta preferenza (per il NO al piano).

Il referendum greco infatti divide i commentatori. C’è chi dice che Tsipras abbia fatto bene a consultare il suo popolo, visto che il piano Ue va contro il programma elettorale con cui ha vinto le elezioni. Altri osservano che un Capo di Governo deve assumersi le proprie responsabilità, accettare o rifiutare senza addossare la responsabilità sulla popolazione, troppo sensibile a sbalzi emozionali e non lucida di fronte a scelte così difficili.

Democrazia rappresentativa vuol dire ‘delegare’ il potere politico a dei rappresentanti e quindi un referendum su temi così importanti sà di deresponsabilizzazione da parte del Premier. E’ anche vero che decisioni ‘epocali’ per un Paese dovrebbero essere prese tenendo presente il popolo.

Tsipras ha invece convocato il referendum. Ha espresso chiaramente indicazione per il NO. Quindi la consultazione assume anche valore politico. Se i greci scelgono il SI al piano, per coerenza Tsipras dovrebbe rassegnare le dimissioni e convocare nuove elezioni. Diverso se non avesse espresso parere. In quel caso avrebbe potuto rimanere in carica anche con la vittoria del Si.

Intanto banche e borsa greche rimarranno chiuse per sei giorni. E domani i mercati europei si annunciano ‘neri’. La speculazione risparmierà i paesi ‘deboli’ come l’Italia e la Spagna? Lo scopriremo nei prossimi giorni

3 pensieri riguardo “Tsipras rifiuta (giustamente) il piano UE ma decide (sbagliando) di schierarsi nel referendum

  1. E’ tutto un gioco al massacro. Il Governo ha dal popolo il mandato di governare. Non può rigettare sul popolo la responsabilità delle sue scelte. Se non riesce a governare una situazione di difficoltà, ammetta il suo errore e si dimetta. Scegliendo la via del referendum e peggio ancora schierandosi, il governo greco ha mostrato la sua incapacità di gestire la crisi. Ma il punto è che non pagheranno i signori che governano, ma il popolo greco (che ha comunque una sua connivenza con anni di pessima gestione della cosa pubblica…e sottolineo che questo discorsetto sulle responsabilità, potrebbe essere fatto anche per i popolo italiota)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...