Skip to content

La Sinistra morirà Liberale per mancanza di modelli alternativi al Capitalismo?

16 agosto, 2015

expo-2015-la-porta-di-milano-arte-per-l-umanita-4

Qualche settimana fa, conversando con un amico, è venuta fuori una teoria interessante sul welfare europeo e sul concetto stesso della Sinistra, come modello politico di riferimento. Lui sostiene sia esistito in Europa nei decenni scorsi un Sistema Sociale forte solo grazie ai “dollari” americani, nella logica dei due blocchi, della Guerra Fredda. Diritti sociali quindi non sostenibili se non in quella particolare condizione politica,  con i finanziamenti proveniente da oltre oceano.

Caduto il Comunismo, crollata la natalità, aumentata la crisi economica, i partiti della sinistra Socialista tradizionali si sono sempre più spostati verso un liberalismo lasciando spazio ai movimenti populisti che inseguono un passato di diritti sociali non più sostenibile.

Se si guardano i profili ‘storici’ dei grandi Paesi europei c’è in effetti una corrispondenza con questa teoria.  Tra metà Ottocento ed inizio Novecento, in piena ‘Rivoluzione industriale’, si alternavano governi Conservatori e Liberali. Poi, anche grazie al consolidarsi di una nuova classe ‘sociale’, quella operaia, vennero fondati i Partiti Socialisti, Comunisti e Socialdemocratici. Poi vennero le proteste sociali e la Rivoluzione Sovietica. Ed i liberali furono ‘schiacciati’ dai Socialdemocratici, che ne sostituirono il ruolo in alternanza con i Conservatori. Facendo concessioni importanti alle classi meno abbienti, scardinando possibili rivoluzioni proletarie.

Oggi, morta l’URSS, con il sistema Capitalista unico modello di riferimento, gradualmente i partiti Socialdemocratici stanno tornando ad occupare la zona Liberale. Limitando quei diritti concessi nei decenni passati e lasciando spazio (a Sinistra e non) a nuovi movimenti che si battono invece per mantenerli o ampliarli.

Da qui una domanda, se si vuole ‘provocatoria’, è possibile che quei diritti sociali conquistati con battaglie dure nei decenni passati siano stati solo una illusione, in quanto il sistema capitalista non può permetterselo e perchè un sistema alternativo non esiste o ha dimostrato di non resistere? Oppure un mondo ‘diverso’ e sostenibile è davvero realizzabile?

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

mastrobyte

words are important

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Officina benessere

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

Carta, inchiostro e fantasia. Illustrazioni e storie da passeggio.

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

bloggiob.wordpress.com/

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: