Skip to content

Novecento80: ‘Giochi senza Frontiere’ (1988)

30 luglio, 2016

NOVECENTO80giochi-senza-frontiere-min

L’estate è tempo di Giochi. Da quelli Olimpici ai Campionati Mondiali o Europei di Calcio. Sino a qualche anno fa però ci si poteva divertire in Tv con uno show che prendeva tutto il buono dello sport traducendolo in un programma da mandare in onda. Mi riferisco a Giochi Senza Frontiere (JSF). Trasmesso da Rai1 dal 1988 al 1999, JSF aveva avuto anche una prima ‘serie’ datata addirittura 1965.

 

Nato da una idea del Presidente francese Charles De Gaulle, per fortificare i rapporti di amicizia tra Francia e Germania, Giochi senza Frontiere ha avuto ben 30 edizioni tra il 1965-1982 e con la seconda serie dal 1988 al 1999. Presentatore ‘storico’ è Ettore Andenna, già alla guida del programma nel 1978 e poi di nuovo dal 1991 al 1996.

budapest_finale_1995-1150x748

Il meccanismo dei giochi:

Si trattava, in sostanza, di una serie di prove di abilità in cui le squadre si affrontavano tra di loro, conquistando dei punti che poi sarebbero andati a comporre la classifica generale. Ogni nazionale poteva giocare un jolly nella prova in cui si sentiva più forte, raddoppiando così il punteggio. Tutte le squadre, a turno, erano costrette a saltare una prova per giocare il fil rouge, una gara individuale affrontata da un unico concorrente per nazione.

4

Un modo per passare una serata divertendosi, ‘tifando’ la propria Nazione ma anche una occasione per promuovere, attraverso il gioco, lo spirito di unità dell’Europa.  Il successo è stato clamoroso. Sia nella prima serie sia in quella andata in onda negli anni 80 e 90. Ad oggi alcune Tv europee stanno cercando di riproporre il progetto, per ora senza successo. Chissà in futuro. L’Europa di oggi appare spesso come un ‘gigante burocratico senza anima’. Avremmo tutti bisogno di un po’ di spirito europeo e magari un programma tv in estate potrebbe aiutare in questo senso.

Curiosità:  negli anni novanta le squadre partecipanti erano tra le altre quelle di Malta, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovenia, tutti paesi successivamente entrati nell’Unione europea. Nel 1992 invece partecipò anche la Tunisia, Nazione non europea.

 

Fonte:

http://www.lettera43.it/gossip/cine-tivu/giochi-senza-frontiere-otto-curiosita-sul-programma_43675232478.htm
https://it.wikipedia.org/wiki/Giochi_senza_frontiere

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Oggi ho scelto di essere felice

Il mio manuale sopravvivenza all'età più turbolenta della vita

Antonella semplicemente natura

In questo blog potete fare un viaggio nella natura per riscoprire pregi, qualità e benefici delle piante benefiche. Capire come sentirsi meglio e in forma giovando dei loro poteri curativi e principi nutritivi per condurre una vita migliore.

Tratti e spunti

#illustrazionidapasseggio - Marco Guzzini blog

Il Blog di GIOVANNI MAINATO

Stupido è chi lo stupido è

Questo non è un blog porno!

Aromadi80

Storie, recensioni e curiosità del decennio più patinato.

ourexcelsior

"La creatività è contagiosa, trasmettila" Albert Einstein

Fiscomania

Consigli utili per districarsi nel labirinto fiscale

Roberto Chessa

live your dream

Raccontare dischi

La passione di leggere tra le canzoni

MIKI-TRAVELLER

PROFUMI E CULTURE DA ALTRI PAESI

Un Artista Minimalista

Italian visual artist, writer and musician

jojovertherainbow

There's no places like home

In compagnia di una penna

Ciò che il mio sguardo cattura, la mia penna libera

Il nuovo mondo di Galatea

Diario ironico dal mitico nordest

cielo e terra

“Realmente amorevole è solo quanto unisce, e quanto unisce è solo quanto sovrastando domina” ; "La fede è ordine e l'ordine è fede" ; “Grande uomo è colui che impone agli altri il suo proprio sogno....” (Pessoa) ; “Cosa mi pesa del fatto che nessuno legga ciò che scrivo? Mi-scrivo per distrarmi dal vivere, e mi-pubblico perché il gioco ha la seguente regola. Se domani si perdessero tutti i miei scritti, ne avrei pena certo, ma, credo bene, non una pena violenta e folle, come sarebbe da supporre, visto che così svanirebbe tutta la mia vita. Ma in fondo non è che come è per una madre che ha perso il figlio, la quale mesi dopo non solo vive ancora ma è anche ancora la stessa” (Pessoa)

sherazade2011

Con te conversando, dimentico ogni tempo e le stagioni e i loro mutamenti: tutte mi piacciono allo stesso modo. (Milton)

annadalfabbro

eyeglass frames blogger

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: