Al via AnnoUno, il nuovo talk di La7 ‘erede’ di Servizio Pubblico


announo

Il mio articolo pubblicato su Termometro Politico.

Il palinsesto di La7 si arricchisce di un nuovo programma informativo. Il giovedì sera Michele Santoro cede ‘il testimone’ alla sua pupilla Giulia Innocenzi. Sarà lei la conduttrice di AnnoUno, il talk politico in onda da giovedì 8 maggio sulla rete di Urbano Cairo.

Nato come una sorta di spin- off di Servizio Pubblico, il titolo è chiaramente ispirato ad Annozero, programma di successo che segnò il ritorno in Rai di Santoro dopo l’editto bulgaro berlusconiano. Nella trasmissione saranno ospiti due esponenti del mondo della politica, rappresentanti di due visioni diametralmente opposte sul tema della puntata. I commenti saranno affidati ai giovani, ospiti fissi che oltre ad interloquire con i politici esprimeranno la loro opinione sugli argomenti di attualità del momento.

announo santoro

Innocenzi conferma l’impostazione del format, “sarà un talk e un esperimento con i ragazzi al centro che si confronteranno su temi come immigrazione o lavoro, ci sarà il confronto con il politico e i reportage della squadra di Servizio Pubblico che stimoleranno dibattito in studio”

Sui ragazzi presenti in studio la giornalista precisa “saranno giovani provenienti da tutta Italia e da realtà assai diverse: chi è un piccolo imprenditore e chi fa il venditore ambulante di calzini a Napoli, chi è impegnato in politica e chi si batte contro il passaggio delle grandi navi nella laguna di Venezia”.

L’ospite della prima serata sarà il premier Matteo Renzi . L’idea del programma, spiega sempre Innocenzi, è nata da un format di Mtv, “sono sempre rimasta colpita dall’intervento di Tony Blair ad Mtv durante la guerra in Iraq che rispondeva alle domande dei giovani in studio. Il dialogo tra il presidente del Consiglio ed i giovani in un momento del genere è un rafforzamento della democrazia. Sarà un momento per il premier di confronto sulle sue parole d’ordine ‘giovani’ e ‘rinnovamento’, i suoi temi portanti”.

La scelta di affidare un nuovo talk ad una ‘novizia’ delle conduzioni tv risulterà un azzardo? Servizio Pubblico ha sempre garantito ascolti vicini al 7-8% di share e comunque superiori a quelli della media di rete. Riuscirà l’allieva a superare il maestro o comunque a tenergli testa? Lo scopriremo presto. Appuntamento giovedì prossimo e per quattro settimane, su La7.

Annunci

BOOM! Via Santoro, arriva Innocenzi: Servizio Pubblico diventa ‘announo’


Trasmissione Annozero Rai Due prima puntata

Avvicendamento nel giovedì sera di La7. Santoro lascia il posto ad una sua ‘adepta’. Giulia Innocenzi. Format simile, trasmissione diversa. Parte AnnoUno:

DAW Da maggio, al posto di Servizio Pubblico, debutterà AnnoUno e andrà in onda per quattro giovedì fino al termine della campagna elettorale.

Il programma, ideato da Michele Santoro, sarà condotto da Giulia Innocenzi; la formula prevede la presenza di due politici che la pensano in maniera opposta e un pubblico formato da studenti e lavoratori che potranno interagire direttamente con gli ospiti. AnnoUno avrà una vocazione generazionale ed interattiva.

Santoro introdurrà la prima puntata ma ancora non è chiaro quale sarà il suo ruolo all’interno della trasmissione.

Il ritorno di Santoro, da stasera ‘Servizio Pubblico’ su La7


Michele Santoro approda su La7. Questa sera inizia la nuova stagione di Servizio Pubblico. I principali ospiti della serata saranno Matteo Renzi, Gianfranco Fini e Diego Della Valle.

Alla squadra di collaboratori già confermata, ovvero Travaglio, Vauro, Ruotolo ed Innocenzi, si aggiunge un ‘ritorno’, quello di Luisella Costamagna.

Il programma sfrutterà molto l’interattività, usando anche la piattaforma LiquidFeedback:

HP . Ci saranno grandi novità nel programma, ma senza dubbio l’innovazione sarà quella di LiquidFeedback. Liquidfeedback è una piattaforma web trasparente e facile da utilizzare che ha come scopo quello di formare opinioni politiche. La sua caratteristica più importante è l’implementazione di un sistema di voto delegato (“democrazia liquida”), che prende in considerazione la disparità di conoscenza dei suoi partecipanti. E’ la prima volta che un programma TV si affida ad una piattaforma web di questo genere. Liquidfeedback è ormai nota al pubblico della rete, soprattutto perché utilizzata dal Partito Pirata Tedesco che la utilizza tutt’oggi per prendere decisioni ed ascoltare i propri elettori.

Quali saranno gli ascolti del programma? Piazzapulita del ‘pupillo’ Formigli lascia una eredità pesante, il 7% di share, trasmissione piu vista delle rete. Riuscirà Santoro ad andare in ‘doppia cifra’? Lo scopriremo domani mattina.

Aggiornamento:

I risultati di ascolto? Dignitosi, 13,00% di share media (12,99%) con quasi 3 milioni di telespettatori (2.985.947)

Ultime di ‘Servizio Pubblico’ e ‘Piazzapulita’, da Santoro si parla di Tv, da Formigli si discute sul futuro


Ultima puntata per Servizio Pubblico di Michele Santoro. La puntata di questa sera è intitolata ‘Lascia o Raddoppia’. Si parlerà quindi di tv, dalla ‘solita’ Rai in mano ai partiti ai nuovi progetti come quello messo appunto dal presentatore campano. Gli ospiti:

 Ospiti della serata saranno Paolo Bonolis, il direttore di Rcs Libri Paolo Mieli, il direttore del Fatto quotidiano Antonio Padellaro, il direttore di Rai 4 Carlo Freccero, Vittorio Sgarbi, la giornalista Luisella Costamagna, gli attori Massimo Ghini, Claudio Santamaria e Neri Marcorè.

Anche Piazzapulita di Corrado Formigli chiude i battenti. L’ultima puntata si chiama ‘ La Scommessa’:

Abbiamo ancora il coraggio di scommettere sull’euro, sui giovani, sulla politica e su Mario Monti?
Martin Schulz, presidente del Parlamento Europeo, il sociologo Luca Ricolfi, il sindaco di Verona Flavio Tosi, il deputato FLI Benedetto Della Vedova, il segretario della FIOM Maurizio Landini, Massimo Giannini, vicedirettore de La Repubblica, il giornalista de Il Fatto Quotidiano Andrea Scanzi e Matteo Orfini, Pd.

 

Santoro parla del ‘popolo dei forconi’ in Sicilia, ‘Piazzapulita’ punta sul naufragio


Da Santoro si parla della crisi economica e delle proteste in Sicilia:

Gli ospiti della puntata saranno il leader della Fiom-Cgil Maurizio Landini, l’onorevole Benedetto Della Vedova (Fli), Alessandra Mussolini (Pdl), Roberto Sommella (Milano Finanza).

Sandro Ruotolo sarà in collegamento dalla Sicilia, da dove il programma (in onda sul consueto network di reti locali, su Sky e, dalla scorsa puntata, su Cielo) intende dare visibilità alla protesta che sta letteralmente bloccando la Sicilia, e sulla quale i media mainstream, presi interamente dal naufragio della Concordia, hanno fatto calare uno strano – forse anche pericoloso? – sipario.

Su La7 invece, da Corrado Formigli, si parla anche del naufragio del Giglio:

“GLI IRRESPONSABILI” Chi è l’irresponsabile? Schettino o chi dà ai comandanti il potere di fare ciò che vogliono con colossi da 150mila tonnellate? E chi è irresponsabile? Le banche o il sistema che ha messo nelle loro mani le sorti dell’economia? Ospiti di Corrado Formigli il Ministro dell’Ambiente Corrado Clini, il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, il Sottosegretario all’Economia Gianfranco Polillo, l’economista Luigi Zingales, il banchiere Claudio Costamagna, il giurista Ugo Mattei, il Presidente della Provincia di Varese Dario Galli, il direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti e l’editorialista del Corriere della Sera Dario Di Vico

Torna stasera ‘Servizio Pubblico’, ospiti Santanchè, Caselli e Visco


Torna Servizio Pubblico di Michele Santoro. Questa sera alle 21 su SkyTg24, tv locali, web ed anche sul digitale terrestre free con Cielo. Gli ospiti:

Tra gli ospiti in studio saranno presenti Michele Emiliano, il sindaco di Bari del Partito democratico, Daniela Santanché del Popolo della Libertà e il procuratore capo della Repubblica di Torino Gian Carlo Caselli. Tra i servizi proposti nel corso della puntata, un’intervista esclusiva a Vincenzo Visco, ex ministro delle Finanze del governo Prodi e a Nicola Cosentino, il coordinatore del Pdl in Campania accusato dai pm di essere il “referente politico” dei Casalesi.

PER VEDERE LA TRASMISSIONE IN DIRETTA CLICCATE QUI

Riprendiamoci la Rai!


Questa sera, ore 21, a Torino si riuniscono alcuni volti noti e meno noti per denunciare la grave situazione presente in Rai. Tra i tanti interverrà anche Luciana Littizzetto:

Il Fatto
Secondo i protagonisti dell’incontro, è proprio il legame troppo stretto con la politica ad avere condannato al declino la più grande azienda culturale del Paese.

Le istantanee di questo declino sono tante e per lo più conosciute: dagli adii eccellenti di trasmissioni come Annozero e Parla con me a quelle più piccole, ma non meno importanti, come Passepartout o Per un pugno di libri, fino alla paventata chiusura di un cult per gli amanti del calcio come Novantesimo minuto e addirittura di alcune sedi di corrispondenza all’estero.

Ma, secondo Verna, la situazione che meglio fotografa l’agonia della Rai è l’emorragia di ascolti del Tg1 di Augusto Minzolini: “E’ stata demolita la reputazione del giornale della rete ammiraglia. Qualsiasi altra azienda avrebbe messo fine a questa pagina nera rappresentata dall’attuale direzione. In Rai no. Non si riesce”.

Per recuperare la credibilità perduta, gli estensori del manifesto a difesa della Radiotelevisione pubblica chiedono alla politica di fare un passo indietro. “A partire dal prossimo marzo, quando l’attuale consiglio d’amministrazione finirà il suo mandato – annuncia Verna – Se verrà rieletto secondo i principi contenuti nella Legge Gasparri, allora vorrà dire che in Cda siederanno altre nove persone che risponderanno solo ai partiti. E se così fosse, allora la Rai esalerà l’ultimo respiro”.

Calo di ascolti per Servizio Pubblico: Santoro in crisi?


Servizio Pubblico non decolla. Anzi, il calo di ascolti si fa piu evidente di puntata in puntata. La trasmissione di giovedì ha interessato 1.164.000 spettatori per uno share del 4,99%. Cifre ben lontane dai 2.800.000 ascoltatori (12% di share) dell’esordio. Piu di un milione di ascoltatori, per un programma che va in onda fuori dalle tv generaliste, rimangono comunque un buon risultato.

Sta di fatto però che, gradualmente, vi è stata una perdita di interesse rispetto al prodotto confezionato da Michele Santoro e dai suoi collaboratori. Servizio Pubblico è stato battuto anche dal diretto concorrente, Piazzapulita dell’ex Corrado Formigli, il quale ha totalizzato piu del 6% nell’ultima puntata.

Le cause del crollo? A mio avviso sono principalmente tre. Servizio pubblico paga 1) la lunga serialità,  difficile da seguire sulle tv locali 2)l’assenza del Nemico Pubblico e della conseguente’ persecuzione’ in stile ‘Masi’ 3) il nuovo format composto da due ospiti principali che non si urlano addosso ma discutono garbatamente.

Diciamo che Santoro non sa fare il Lerner. Nelle ultime trasmissioni abbiamo visto la presenza di ospiti ‘vecchio stile’ come Brunetta e Gasparri. Vedremo se torneranno anche Belpietro, Sallusti, Santanchè e simili. A Santoro manca l’Arena, nel bene e nel male.

[Grafico by NLQB]