Il giovedì sera torna Moviegoers, su We Want Radio


Moviegoers_Logo

Ci siamo. Domani torna Moviegoers. Solo su We Want Radio! Il comunicato stampa:

Parte giovedì 01 ottobre su We Want Radio, alle ore 21.15, la quinta stagione di “Moviegoers – Il cinema come non l’avete mai sentito”, trasmissione radiofonica via internet ideata e condotta dal giornalista cinematografico Federico Larosa.

Moviegoers è la trasmissione web radiofonica sul cinema in streaming dal 23 marzo 2012. Cuore pulsante della trasmissione saranno anche quest’anno le recensioni dei film in sala, le news, le rubriche, gli ospiti e le interviste. Come di consueto, Moviegoers riserverà un “orecchio” di riguardo nei confronti del cinema indipendente, documentari e cortometraggi, ospitando registi, attori, sceneggiatori e produttori del cinema più giovane e vitale, fuori dai circuiti mainstream. La trasmissione andrà in onda tutti i giovedì dalle 21.15 alle 22.15 su We Want Radio e in replica la domenica alle ore 17 e il lunedì alle ore 15.

A fianco dell’ideatore, autore e conduttore Federico Larosa ritroveremo gli “inviati in sala” Alessia Grasso (direttore responsabile del sito FreNeek.it, il nuovo magazine di informazione ed approfondimento sul mondo dell’entertainment), Keivan Karimi (direttore responsabile del sito JustMovie.it), Luca Iuorio e Lorenzo Lombardi, confermato alla conduzione della rubrica di successo dedicata al Cinema Horror Indipendente

Il gruppo di ragazzi, ogni giovedì sera, accende i riflettori sul mondo di celluloide. Il tutto in un clima amichevole e coinvolgente, anche grazie all’utilizzo dei social network. C’è la pagina facebook dedicata, aggiornata con segnalazioni interessanti e promo delle puntate in preparazione. Attivo anche su twitter, Moviegoers può essere ascoltato in streaming via web sul sito di WeWantRadio oppure tramite la App della radio, scaricabile sia per dispositivi Android che Apple. Appuntamento quindi ogni giovedì alle 21.15 per ‘ascoltare’ il Cinema dal vivo, in ogni sua forma.

E quest’anno, cari lettori del blog, ci sarà una sorpresa. Sintonizzatevi sul programma nelle prossime settimane per capire di cosa si tratta!

In Prima Fila: “Latin Lover”


cover1300

Latin Lover (2015) di Cristina Comencini. Con Virna Lisi, Marisa Paredes, Angela Finocchiaro, Valeria Bruni Tedeschi, Candela Peña, Pihla Viitala, Nadeah Miranda, Cecilia Zingaro, Francesco Scianna, Lluís Homar, Neri Marcorè

Il decimo anniversario dalla morte di Saverio Crispo, un grande attore del Cinema italiano, è occasione per una riunione di famiglia. Da tutto il mondo, per le celebrazioni organizzate nel paese natio (San Vito dei Normanni), tornano le cinque figlie che Crispo ha avuto da altrettante donne diverse.

maxresdefault

Ed allora ecco arrivare dalla Francia la fragile ed insicura Stephanie, interpretata da Valeria Bruni Tedeschi. Segunda, a cui da volto Candela Peña, spagnola solare e spontanea che torna in Puglia assieme alla mamma Ramona, ovvero la consorte iberica del divo defunto. Ed ancora Solveig, la giovane ed algida figlia ‘nordica’. Susanna, l’italiana Angela Finocchiaro, curatrice dell’immagine e della memoria del padre e figlia della prima moglie Rita, una splendida Virna Lisi, alla sua ultima interpretazione. Ed infine l’americana Shelley. Tante donne, di età diverse con storie differenti ed alcuni ‘scheletri’ negli armadi che, puntualmente, saltano fuori durante lo sviluppo del film.

image

Una commedia corale, al femminile, quella diretta da Cristina Comencini. Il tutto omaggiando il cinema maschile del Belpaese. Saverio Crispo è Gian Maria Volontè, è Marcello Mastroianni ma soprattutto è il ‘mattatore’ Vittorio Gassman. Con sorpresa finale. Attrici brave, una menzione particolare per Valeria Bruni Tedeschi e soprattutto per Marisa Parede, una grande ‘Ramona’, la seconda moglie spagnola.

tre stelle su cinque

*3/5*

 

‘Moviegoers’: il Cinema in Radio, ogni giovedì sera


10423669_877858705599060_6029293195436313549_n

Tra voi lettori, ne sono certo, non mancano gli appassionati di Cinema, quello con la C maiuscola. Eccovi quindi una segnalazione di sicuro gradimento. Mi riferisco a Moviegoers, programma trasmesso su WeWantRadio, network web-radiofonico romano.

Un gruppo di ragazzi, guidato da Federico Larosa, conduttore ed autore del programma, ogni giovedì sera accende i riflettori sul mondo di celluloide. Recensioni sui film nelle sale, notizie a tema, focus approfonditi attraverso interviste, anche con il contributo di ospiti in studio. Non solo box office comunque, nella trasmissione è sempre presente ‘un “orecchio” di riguardo nei confronti del cinema indipendente, documentari e corti’, come scrivono gli stessi autori.

10593203_785053864879545_9163439264115428338_n
Il team di ‘Moviegoers’. Da sinistra, Luca Iuorio, Alessia Grasso, Federico Larosa, Viviana Spagnolo e Keivan Karimi

Il tutto in un clima amichevole e coinvolgente, anche grazie all’ausilio dei social network. Esiste infatti una pagina facebook dedicata, aggiornata quotidianamente con segnalazioni interessanti e promo delle puntate in preparazione. Attivo anche su twitter, Moviegoers può essere ascoltato in streaming via web sul sito di WeWantRadio oppure tramite la App della radio, scaricabile sia per dispositivi Android che Apple. Appuntamento quindi ogni giovedì alle 21.15 ed in replica la domenica alle 17.00 ed il lunedì alle 15.00, per ‘ascoltare’ il Cinema dal vivo, in ogni sua forma.

Prima fila: “L’ultima ruota nel carro”


L’ultima ruota del carro (2013) di Giovanni Veronesi. Con Elio Germano, Ricky Memphis, Alessandra Mastronardi, Virginia Raffaele, Alessandro Haber.

Il protagonista del film è Ernesto Marchetti (Elio Germano), romano, romanista, figlio di un tappezziere. La pellicola ci accompagna lungo tutte le fasi della sua vita. Dall’adolescenza all’età adulta sino alla vecchiaia. Tra un lavoro e l’altro, tra alti e bassi, amici e parenti, Ernesto mette su famiglia, si sposa, ha un figlio, vive la sua esistenza ‘normale’ , assistendo ai fatti salienti di una Italia ferita dal terrorismo delle Brigate Rosse, illusa dal socialismo di Bettino Craxi ed infine conquistata dal nuovo miracolo italiano berlusconiano. In una delle scene ricorrenti del film, Ernesto e sua moglie si ritrovano la sera, nel letto, a guardare la tv. Ed ecco che dal piccolo schermo, nel corso degli anni, si affacciano le prime reti tv private, si intravede un Carmelo Bene d’annata al Maurizio Costanzo Show sino ad arrivare al plastico della ‘casa’ di Cogne a Porta a Porta. Gli ultimi trentanni della nostra storia, ‘letti’ non dal punto di vista critico di uno storico o di un intellettuale ma commentati da due persone qualunque, umili, semplici. In una sola parola, ‘vere’.

Bravo, come al solito, Elio Germano. Spontaneo, naturale, a suo agio. Bella anche l’interpretazione di Alessandro Haber nel ruolo di uno stravagante pittore pop art.

In ‘l’ultima ruota del carro‘, Giovanni Veronesi compie un piccolo ‘salto di qualità’ rispetto ai suoi film precedenti. Sempre rimanendo a contatto con la gente comune, lo spettro d’azione della pellicola si amplia però al contesto storico, raccontando sommariamente, a volte anche banalizzando,  gli ultimi decenni dell’Italia. Dagli anni 70 ai nostri giorni, attraverso la vita di una famiglia ‘normale’ e di un uomo, Ernesto Marchetti, realmente esistente ( l’autista di Veronesi e di altri personaggi dello spettacolo).

Gradevole, a tratti rivelatore dei pregi e dei difetti del nostro essere italiani.

Voto:

quattro stelle su cinque

*4/5*

Prima Fila: “Viva la Libertà”


Viva la Libertà (2013). Di Roberto Andò. Con Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Valeria Bruni Tedeschi, Michela Cescon, Anna Bonaiuto.

Enrico Oliveri (Toni Servillo) è il  leader dell’opposizione di centrosinistra. Timido, inespressivo, silenzioso, schivo, alla vigilia della campagna elettorale e dopo una grave contestazione politica decide di ‘fuggire’ e lascia l’Italia rifugiandosi a Parigi da Danielle (Valeria Bruni Tedeschi) una vecchia amica. Andrea Bottini (Valerio Mastandrea),  suo fedele collaboratore,  inizia così le ricerche e contattando Giovanni, il fratello dell’uomo politico, scopre in realtà che egli è il perfetto gemello di Enrico. L’uomo però, appena uscito da una casa di cura, ha un carattere decisamente diverso. Estroverso, istrionico, vagamente eccentrico.

Quando Giovanni viene scambiato erronamente da un giornalista per suo fratello, nella mente di Bottini nasce l’idea dello scambio di identità. Ben presto il ‘nuovo’ leader si dimostra molto più carismatico dell’originale e ciò attira l’interesse e le simpatie dell’opinione pubblica. Aiutato da una colonna sonora ricca di ‘classica’ vediamo il ‘clone’ di Enrico Oliveri giocare a nascondino con il Capo dello Stato o ballare il tango con la cancelliera tedesca. Un comportamento che sconcerta molti del suo stesso partito ma che affascina sempre più l’ideatore dell’imbroglio, Bottini.

Il ‘vero’ Oliveri nel frattempo, sempre rintanato presso l’amica francese, cerca di ritrovare la voglia di vivere e di tornare alla realtà.

Il film, diretto da Roberto Andò, autore del romanzo da cui è tratta la pellicola, è molto interessante. Toni Servillo e Valerio Mastandrea danno un’ottima prova di se stessi. Il messaggio lanciato da ‘Viva la Libertà‘ è duplice. Da una parte la storica (e cronica) mancanza di leadership della Sinistra italiana, sempre alla ricerca di una persona che possa risvegliare le passioni e riscaldare i cuori. Dall’altra si pone l’accento sulla parte più negativa della politica, quella delle parole, dell’immagine, che tra una citazione colta ed una frase ad affetto, imbonisce gli elettori trascurando i reali problemi del Paese. La ‘politica di plastica‘ insomma, sempre più diffusa nella società occidentale e maggiormente nell’Italia oramai berlusconizzata.

Voto:

quattro stelle su cinque

*4/5*

Classifiche Film, CD, Musica


FILM PIU VISTI Week-end 19 – 21 febbraio 2010

  1. “Avatar” (1) 2.766.999 € (Tot. 58.955.421)
  2. “Wolfman” (NE) 1.987.135 € (Tot. 1.987.135)
  3. “Scusa ma ti voglio sposare” (2) 1.452.281 € (Tot. 5.647.745)
  4. “Il figlio più piccolo” (NE) 958.928 € (Tot. 958.928)
  5. “Che fino hanno fatto i Morgan?” (NE) 812.361 € (Tot. 812.361)
  6. “Alvin superstar 2″ (6) 434.710 € (Tot. 5.504.951)
  7. “Il missionario” (NE) 401.702 € (Tot. 401.702)
  8. “Il concerto” (8) 382.689 € (Tot. 1.765.162)
  9. “Amabili resti” (5) 338.351 € (Tot. 1.532.357)
  10. “Baciami ancora” (4) 289.066 € (Tot. 8.892.500)

CD (ALBUM) PIU VENDUTI

  1. “Soldier of Love”, Sade (1)
  2. “If”, Mario Biondi (6)
  3. “Tracks 2 (Inediti e rarità)”, Vasco Rossi (2)
  4. “Senza nuvole”, Alessandra Amoroso (5)
  5. “Scratch My Back”, Peter Gabriel (NE)
  6. “The Fame Monster”, Lady Gaga (3)
  7. “Heligoland”, Massive Attack (12)
  8. “The E.N.D.”, Black Eyed Peas (10)
  9. “Michael Jackson’s This Is It”, Michael Jackson (8)
  10. “Romantico Rock Show”, Gianluca Grignani (4)

LIBRI PIU VENDUTI

  1. “Le perfezioni provvisorie”, Gianrico Carofiglio (Sellerio) (1)
  2. “La malapianta”, Nicola Gratteri (Mondadori) (NE)
  3. “Cotto e mangiato”, Benedetta Parodi (Vallardi) (3)
  4. “L’ipnotista”, Lars Kepler (Longanesi) (8)
  5. “Il tempo che vorrei”, Fabio Volo (Mondadori) (7)
  6. “La principessa di ghiaccio”, Camilla Läckberg (Marsilio) (4)
  7. “L’eleganza del riccio”, Muriel Barbery (E/O) (6)
  8. “Il giovane Holden”, J.D. Salinger (Einaudi) (9)
  9. “Annus horribilis”, Giorgio Bocca (Feltrinelli) (2)
  10. “Non so che viso avesse”, Francesco Guccini (Mondadori) (NE)

Classifiche Film, CD, Musica


Da antoniogenna.wordpress.com:

FILM:

  1. “Avatar” (1) 3.799.150 € (Tot. 54.230.341)
  2. “Scusa ma ti voglio sposare” (NE) 2.941.383 € (Tot. 2.941.383)
  3. “Paranormal Activity” (2) 1.036.608 € (Tot. 5.894.887)
  4. “Baciami ancora” (3) 874.757 € (Tot. 8.275.064)
  5. “Amabili resti” (NE) 846.194 € (Tot. 846.194)
  6. “Alvin superstar 2″ (4) 718.442 € (Tot. 4.809.635)
  7. “Tra le nuvole” (5) 505.005 € (Tot. 5.018.539)
  8. “Il concerto” (7) 484.063 € (Tot. 1.160.842)
  9. “La prima cosa bella” (6) 320.851 € (Tot. 5.816.808)
  10. “Maga Martina e il libro magico del draghetto” (NE) 296.806 € (Tot. 296.806)

MUSICA:

  1. “Soldier of Love”, Sade (NE)
  2. “Tracks 2 (Inediti e rarità)”, Vasco Rossi (1)
  3. “The Fame Monster”, Lady Gaga (5)
  4. “Romantico Rock Show”, Gianluca Grignani (4)
  5. “Senza nuvole”, Alessandra Amoroso (6)
  6. “If”, Mario Biondi (2)
  7. “Crazy Love”, Michael Bublè (3)
  8. “Michael Jackson’s This Is It”, Michael Jackson (9)
  9. “GiannaDream”, Gianna Nannini (15)
  10. “The E.N.D.”, Black Eyed Peas (10)

LIBRI

  1. “Le perfezioni provvisorie”, Gianrico Carofiglio (Sellerio) (1)
  2. “Annus horribilis”, Giorgio Bocca (Feltrinelli) (NE)
  3. “Cotto e mangiato”, Benedetta Parodi (Vallardi) (3)
  4. “La principessa di ghiaccio”, Camilla Läckberg (Marsilio) (2)
  5. “Il sangue è randagio”, James Ellroy (Mondadori) (NE)
  6. “L’eleganza del riccio”, Muriel Barbery (E/O) (4)
  7. “Il tempo che vorrei”, Fabio Volo (Mondadori) (6)
  8. “L’ipnotista”, Lars Kepler (Longanesi) (5)
  9. “Il giovane Holden”, J.D. Salinger (Einaudi) (10)
  10. “Il peso della farfalla”, Erri De Luca (Feltrinelli) (7)

Film, Classifica Week-end 5 – 7 febbraio 2010


BOX OFFICE ITALIA
Week-end 5 – 7 febbraio 2010

  1. “Avatar” (1) 5.687.902 € (Tot. 47.802.075)
  2. “Paranormal Activity” (NE) 3.668.518 € (Tot. 3.668.518)
  3. “Baciami ancora” (2) 2.143.517 € (Tot. 6.693.285)
  4. “Alvin superstar 2″ (3) 1.415.903 € (Tot. 3.804.057)
  5. “Tra le nuvole” (4) 870.603 € (Tot. 4.243.441)
  6. “La prima cosa bella” (5) 553.684 € (Tot. 5.298.363)
  7. “Il concerto” (NE) 452.768 € (Tot. 452.768)
  8. “Bangkok Dangerous – Il codice dell’assassino” (7) 271.849 € (Tot. 819.010)
  9. “Io, loro e Lara” (6) 265.716 € (Tot. 15.535.140)
  10. “Il quarto tipo” (8) 198.325 € (Tot. 1.596.009)