65 anni fa, La finestra sul cortile


4 agosto 1954, esce sugli schermi americani ‘La finestra sul cortile’ (Rear Window) di Alfred #Hitchcock. Il thriller con James Stewart, Grace Kelly e Raymond Burr è entrato a far parte dell’olimpo cinematografico. In Italia arrivò nel 1955.

Due curiosità. Gli appartamenti che di vedono dalla finestra del protagonista, il fotoreporter Jefferies, sono in realtà un set. Creati per il film, alcune abitazioni erano complete di allaccio di luce, gas ed acqua e furono abitate dagli attori che partecipavano alla produzione.

La finestra sul cortile non fu proiettata per trent’anni. Hitchcock acquistò i diritti per cederli alla figlia e si dovette attendere il 1983 per poterlo rivedere in sala.

Uno dei miei film preferiti. Lo metto tra i primi dieci.

Annunci

Prima fila: Mary Poppins Returns (2018), una sfida persa


MARY POPPINS RETURNS: UNA OCCASIONE PERSA

In questi giorni di festa, come molti di voi, ho visto il sequel di Mary Poppins, tratto dal secondo libro della scrittrice P. L. Travers e ne sono rimasto profondamente deluso.

Cast stellare, fotografia e scenografie salvano la pellicola, assieme al simbolo che il film stesso rappresenta ovvero un omaggio alla storica bambinaia magica della nostra infanzia. Il resto è da cestinare.

I brani musicali, complice il pessimo doppiaggio italiano, non rimangono in mente ed anzi, a tratti, restano di difficile comprensione. La sceneggiatura è molto debole ed è facile comprendere perché i libri successivi di PL Travers non abbiano mai raggiunto il successo del primo.

Se Emily Blunt porta a casa il risultato, così non si può dire del suo collega Miranda, bravo si ma non abbastanza espressivo e coinvolgente.

La pellicola di Marshall avrebbe dunque potuto essere assemblata in modo decisamente migliore, il tutto sembra essere stato fatto con troppa fretta ed il risultato è un film scontato, a tratti noioso, poco coinvolgente, in sintesi: una occasione persa.

Si intuisce chiaramente il fine commerciale dell’operazione, sfruttando un marchio di sicuro successo come ‘Mary Poppins’.

In definitiva ciò che è mancato è l’amore. Il sentimento che portò Walt Disney ad insistere per decenni al fine di avere i diritti dalla Travers per poter trasformare il libro tanto amato dalle sue bimbe in un film meraviglioso ed irripetibile.

Peccato.

Voi lo avete visto? Vi è piaciuto?

Primafila #cult: La finestra sul cortile (1954)


​4 agosto 1954, esce sugli schermi americani ‘La finestra sul cortile‘ (Rear Window) di Alfred #Hitchcock. Il thriller con James Stewart, Grace Kelly e Raymond Burr è entrato a far parte dell’olimpo cinematografico. In Italia arrivò nel 1955.

Due curiosità. Gli appartamenti che di vedono dalla finestra del protagonista, il fotoreporter Jefferies, sono in realtà un set. Creati per il film, alcune abitazioni erano complete di allaccio di luce, gas ed acqua e furono abitate dagli attori che partecipavano alla produzione.

La finestra sul cortile non fu proiettata per trent’anni. Hitchcock acquistò i diritti per cederli alla figlia e si dovette attendere il 1983 per poterlo rivedere in sala.

Uno dei miei film preferiti. Lo metto tra i primi dieci.

In prima fila: La Bella e la Bestia, il film


bella

Beauty and the Beast. Genere: drammatico, fantastisco, sentimentale, musical. Regia di Bill Condon. Con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Josh Gad, Ewan McGregor.

Molto fedele al cartone, un viaggio nel mondo incantato di Belle e del Principe trasformato in mostro da un sortilegio. I brani musicali in italiano fanno perdere molto alla pellicola. Emma Watson un po’ fuori luogo, a mio giudizio. Prenderà qualche statuetta ai prossimi Oscar. Nel complesso, un bel film.

Voto *3/5

Prima fila: #LaLaLand


lalaland

(genere: commedia, drammatico, musical, sentimentale) Regia di Damien Chazelle. Con Ryan Gosling, Emma Stone, J. K. Simmons, Finn Wittrock, Sandra Rosko, Sonoya Mizuno

Un inno all’arte ed al sacrificio per ottenere i propri obiettivi. Un musical ispirato alle grandi produzioni hollywoodiane del passato ed ambientato ai nostri giorni. Colorato, divertente al punto giusto, LaLaLand scorre piacevolmente. Emma Stone molto espressiva, scenografia e fotografia da Oscar. 14 nomination per le statuette più preziose del Cinema, premi anche ad Emma Stone, Damien Chazelle, alla colonna sonora ed alla canzone City Of Stars.

Voto *4/5

Prima fila: Il diritto di contare


il-diritto-di-contare

Il diritto di contare (Hidden Figures). Regia di Theodore Melfi. Con Taraji P. Henson, Octavia Spencer, Janelle Monáe, Kevin Costner, Kirsten Dunst

Cosa voleva dire essere donna e nera nell’America segregazionista di inizio anni 60. Tra sessismo, razzismo e voglia di emergere, prendendo il giusto riconoscimento per i propri meriti. Pellicola notevole, un po’ romanzata ma davvero piacevole da vedere. Consigliato.

Voto *4/5

#Oscar2017, sarà dominio per #LaLaLand?


oscar-2017

E’ notte di OSCAR!

L’89ª edizione della cerimonia degli Oscar si terrà al Dolby Theatre di Los Angeles il 26 febbraio 2017. Per condurre la serata è stato scelto Jimmy Kimmel, alla sua prima conduzione degli Oscar, che ha percepito un cachet di 15mila dollari.

La cerimonia sarà trasmessa negli Stati Uniti d’America dal network ABC, mentre in Italia andrà in onda sul canale Sky Cinema Oscar ed in chiaro su TV8;[3] l’evento sarà seguito in tutto il mondo, in più di 225 nazioni. (Wikipedia)

Pronostici:

Davanti a tutti La La Land con 14 nomination, seguito da Moonlight e Arrival a quota 8, Manchester by the Sea, Lion e La battaglia di Hacksaw Ridge a quota 6, e poi tutti gli altri.

La La Land è ormai il favorito nelle categorie di miglior film, colonna sonora, canzone (City of Stars) e regia (Damien Chazelle). Anche la sua protagonista Emma Stone è data certa come vincitrice, nonostante le interpretazioni magistrali di Natalie Portman in Jackie e di Isabelle Huppert in Elle. Casey Affleck è ancora in testa ai pronostici come miglior attore protagonista per Manchester by the Sea, ma la vittoria di Denzel Washington ai SAG Awards per Fences ha rimesso in discussione la corsa.

Fra i non protagonisti, vengono date per certe le vittorie di Mahershala Ali per Moonlight e Viola Davis per Fences. Nonostante la candidatura di Fuocoammare come miglior documentario, il favorito sembra essere OJ: Made in America, sulla vita e le battaglie legali di O.J. Simpson.

Il miglior film straniero sarà, secondo tutti, Il Cliente di Asghar Farhadi, soprattutto dopo la decisione del regista di non partecipare alla cerimonia come protesta per il bando di Trump contro i musulmani. Mentre Zootopia dovrebbe portare a casa l’Academy Award alla miglior pellicola di animazione.

(http://www.vanityfair.it/show/cinema/17/02/23/oscar-2017-nomination-vincitori-pronostici-previsioni-la-la-land-emma-watson-casey-affleck)

LE NOMINATION PER LE CATEGORIE PRINCIPALI:
(https://www.comingsoon.it/cinema/news/nomination-oscar-2017-ecco-tutti-i-candidati/n63410/)

Miglior film
Arrival
Barriere
La battaglia di Hacksaw Ridge
Il diritto di contare
Hell or High Water
La La Land
Lion
Manchester by the Sea
Moonlight

Miglior regia
Denis Villeneuve – Arrival
Mel Gibson – La battaglia di Hacksaw Ridge
Damien Chazelle – La La Land
Kenneth Lonergan – Manchester by the Sea –
Barry Jenkins – Moonlight

Miglior attore protagonista
Casey Affleck – Manchester by the Sea
Andrew Garfield – La battaglia di Hacksaw Ridge
Ryan Gosling – La La Land
Viggo MortensenCaptain Fantastic
Denzel Washington – Barriere

Miglior attrice protagonista
Isabelle HuppertElle
Ruth NeggaLoving
Natalie PortmanJackie
Emma Stone – La La Land
Meryl StreepFlorence

Miglior attore non protagonista
Mahershala Ali  – Moonlight
Jeff Bridges – Hell or High Water
Lucas Hedges – Manchester by the Sea
Dev Patel – Lion
Michael ShannonAnimali notturni

Miglior attrice non protagonista
Viola Davis – Barriere
Naomie Harris – Moonlight
Nicole Kidman – Lion
Octavia Spencer – Il diritto di contare
Michelle Williams – Manchester by the Sea

Miglior sceneggiatura originale
Hell or High Water
La La Land
The Lobster
Manchester by the Sea
20th Century Women

Miglior sceneggiatura non originale
Arrival
Barriere
Il diritto di contare
Lion
Moonlight

Miglior film straniero
Land of Mine
A Man Called Ove
Il cliente
Tanna
Vi Presento Toni Erdmann

Miglior film d’animazione
Kubo e la spada magica
Oceania
La mia vita da zucchina
La tartaruga rossa
Zootropolis

Miglior montaggio
Arrival
La battaglia di Hacksaw Ridge
Hell or High Water
La La Land
Moonlight

Miglior scenografia
Arrival
Animali fantastici e dove trovarli
Ave, Cesare!
La La Land
Passengers

Miglior fotografia
Arrival
La La Land
Lion
Moonlight
Silence

Migliori costumi
Allied
Animali fantastici e dove trovarli
Florence
Jackie
La La Land

Miglior trucco e acconciature
A Man Called Ove
Star Trek Beyond
Suicide Squad

Migliori effetti speciali
Deepwater: Inferno sull’oceano
Doctor Strange
Il libro della giungla
Kubo e la spada magica
Rogue One: A Star Wars Story

Miglior sonoro
Arrival
La battaglia di Hacksaw Ridge
La La Land
Rogue One: A Star Wars Story
13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi

Miglior montaggio sonoro
Arrival
Deepwater Horizon
La battaglia di Hacksaw Ridge
La La Land
Sully

Miglior colonna sonora originale
Jackie
La La Land
Lion
Moonlight
Passengers

Miglior canzone
“Audition ( The Fools Who Dream)” – La La Land
“Can’t Stop the Feeling” – Trolls
“City of Stars” – La La Land
“The Empty Chair” – Jim: the James Foley Story
“How Far I’ll Go” – Oceania

Face off #CateBlanchett


carol

Cate Blanchett, attrice australiana. Classe 1969. Due Premi Oscar, tre Screen Actors Guild Awards, tre Golden Globe, tre Premi BAFTA, e una Coppa Volpial Festival di Venezia. Bellezza delicata unita ad innata bravura ne fanno una delle attrici più interessanti del panorama cinematografico.

Qui di seguito alcune immagini tratte dai suoi film:

Questa presentazione richiede JavaScript.