20 anni senza #Corrado


L’8 giugno di venti anni fa ci lasciava Corrado. “Lo scognomato” come lo definiva Totò. Un protagonista della mia infanzia e dell’adolescenza attraverso bei programmi come Il pranzo è servito e La Corrida. Corrado è stato anche molto altro, da l’amico del Giaguaro a Canzonissima passando per tante altre trasmissioni di successo, rimanendo nella storia nel 1945 quando, dai microfoni della radio, annunciò la fine della seconda guerra mondiale.

Uomo mite, ironico, mai volgare ma pungente, con il suo garbo ha rappresentato la tv più bella, sia nelle emittenti pubbliche che in quelle private. Sarà per sempre, assieme a Fabrizio Frizzi, nel cassetto dei ricordi di un piccolo schermo ideale quanto mai difficile da ritrovare nel presente.

Ciao Corrado!

PS: Qui di seguito alcuni articoli di Candido dedicati alle trasmissioni di Corrado:

Sondaggio ‘Novecento80’: vota lo show ‘simbolo’ degli anni ’80!


Nocecento80sondaggio.JPG

In questa estate 2016, con Novecento80, stiamo facendo un salto nel passato parlando dei prigrammi tv degli anni 80. Da Ok, il prezzo è giusto a Il pranzo è servito passando per Pronto Raffaella, TeleMike, Drive in e Bim bum bam. Amici lettori, qual è secondo voi lo show simbolo degli anni’80?

Votate al sondaggio qui di seguito per eleggere la trasmissione del decennio!

Poll: Quale e lo show simbolo degli 80?

Risultati:

Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui

Novecento TV: Fantastico


NOVECENTO 2013

fantastico-2

Oggi non parliamo di una singola trasmissione ma di un programma andato in onda, in varie formule, per oltre un decennio. Sto parlando di Fantastico. La prima edizione è del 1979, l’ultima nel 91-92 con una ‘appendice’, seppur molto diversa dall’originale, nel 1997.

Perchè ‘Fantastico’? L’idea fu del regista ‘storico’ del programma, Enzo Trapani:

Il titolo era stato scelto dallo stesso Trapani ed era strettamente collegato alla dimensione scenografica e coreografica del programma, in cui il regista miscelava realtà e finzione in un cocktail di suoni e in un caleidoscopio di colori, che evocavano atmosfere contrastanti, spazianti fra la festa paesana, la discoteca, la corsa di cavalli, le majorettes, il luna park, il circo ed il raffinato concerto.

La prima edizione, anno 1979, vide protagonisti nomi importanti della tv. Loretta Goggi come conduttrice, spazi comici in mano a Beppe Grillo con l’ausilio di Antonio Ricci nelle vesti di autore. Heater Parisi, nelle vesti di soubrette, ebbe la sua consacrazione. Un grande successo. 25 milioni di spettatori ed alto gradimento del pubblico.

182879_183593268344807_320604_n

Dopo un anno di pausa, Fantastico torna nel 1981  con un’altra edizione di successo. Protagonista sempre la Parisi che con Cicale raggiunse vette di successo anche in ambito musicale. Walter Chiari alla conduzione, Claudio Cecchetto ai Quiz e poi Romina Power, Gigi Sabani e tanti altri si alternarono sul piccolo schermo nei sabato sera di quella stagione. Dal 1981 il programma venne riproposto stabilmente ogni anno, in autunno, abbinato alla Lotteria Italia, sino al 1991-1992.

Fantastico ’82. Torna la coppia Corrado-Carrà

copertina_fantastico3

Una delle edizioni di maggior successo. 26 milioni di ascolto per la puntata finale del 6 gennaio. Il ritorno della coppia storica di Canzonissima 70 ovvero Corrado e Raffella Carrà. Per il presentatore romano questa fu l’ultima conduzione in Rai prima di passare definitivamente su Canale5, dove già era approdato da qualche anno. Renato Zero e Gigi Sabani completavano il cast.

Si ebbe l’atteso ritorno di Corrado alla guida del programma di punta del sabato sera, che riformò la storica coppia con Raffaella Carrà con cui aveva già condotto due memorabili edizioni di Canzonissima. Nel cast figurava Renato Zero e, per la seconda volta, Gigi Sabani come imitatore. L’elemento innovativo fu rappresentato dal quiz giocato parzialmente in esterna, con collegamenti in varie località italiane (anche qui ci fu il richiamo ad un altro storico quiz della RAI, Campanile sera), curati da Marina Perzy e Ramona Dell’Abate, dove uno dei concorrenti interagiva con l’altro componente della coppia giocando a giochi popolari come moscacieca, caccia al tesoro, indovinelli. In questa edizione Corrado lanciò la canzone Carletto, che divenne un successo discografico, e per la sua conduzione fu premiato a Chianciano come miglior presentatore ricevendo il Premio della Critica Televisiva. Raffaella Carrà lanciò la canzone Ballo, ballo mentre Renato Zero presentò brani dal suo album Via Tagliamento 1965-1970, tra cui la sigla finale Soldi e la sigla del suo spazio Viva la Rai

La quarta edizione, condotta da Gigi Proietti con Heather Parisi e Teresa De Sio, l’ultima firmata Trapani, dovette scontrarsi contro Premiatissima, il primo grande show proposto dalla ‘concorrente’ Canale5 ed infatti gli ascolti ne risentirono.

Arriva Pippo Baudo e per Fantastico è di nuovo boom!

tv_fantastico7

La crisi del 1983 lascia il segno. Il programma è affidato a Pippo Baudo che lo rivoluziona trasformandolo in un classico varietà. Ed è subito successo.

Nel 1984, Fantastico 5 fu affidato dunque a Pippo Baudo, che ne mutò radicalmente fisionomia e formula, allontanandosi dall’impostazione originale di Enzo Trapani, riprendendo in parte quella di Canzonissima e dei vecchi grandi varietà della RAI come Milleluci e Studio Uno, con scenografie fastose, sketch comici, balletti e grandi ospiti, anche internazionali; da Canzonissima il programma ereditò anche la sua nuova location: infatti a partire da questa edizione, Fantastico andò in onda dallo storico Teatro delle Vittorie di Roma.

Scomparvero anche i quiz: d’ora in poi la Lotteria si basò sulla formula di gare di vario genere, diverse per ogni edizione, la cui vittoria era basata sul verdetto del pubblico che inviava le cartoline allegate ai singoli concorrenti, decretando un vincitore ogni settimana, per poi arrivare alla finale in cui veniva decretato il vincitore assoluto. Altra novità introdotta da Baudo fu quella della diretta, utilizzata per tutte le puntate del programma (mentre nelle edizioni dirette da Trapani, la diretta era riservata solo per la puntata finale). A partire da questa edizione vennero inoltre introdotti anche gli sponsor all’interno del programma (fino ad allora assenti).

Nelle tre edizioni di Baudo si susseguirono soubrette, Heater Parisi, Lorella Cuccarini, Alessandra Martinez e comici, Beppe Grillo (con la famosa battuta polemica su Craxi ed i socialisti) ed il Trio Solenghi-Marchesini-Lopez (una loro gag su Khomeini creò un serio incidente diplomatico con l’Iran).

uno sketch incentrato sull’allora scottante caso Irangate (la vendita di armi all’Iran da parte del governo USA tramite il colonnello dei marines Oliver North). Lo sketch era palesemente assurdo e scanzonato, con Khomeini e signora che si lamentavano presso Reagan della cattiva qualità delle armi ricevute, arrivando a sostenere che i missili una volta montati erano in tutto simili a caffettiere. Tuttavia la reazione di Teheran allo spettacolo fu particolarmente veemente. Per ritorsione l’Iran Air sospende i voli con l’Italia, mentre il governo iraniano richiama l’ambasciatore a Roma e chiude l’Istituto italiano di cultura di Teheran. Nei giorni successivi intorno all’ambasciata italiana a Teheran si registrano disordini, e tre diplomatici sono espulsi. La partecipazione del Trio al programma viene sospesa per qualche tempo e, dopo due mesi di tensione, solo l’intervento della diplomazia italiana (retta da Giulio Andreotti) riesce a far rientrare l’incidente

Nel 1987 Baudo lasciò ‘polemicamente’ la Rai per approdare in Fininvest. Fantastico fu quindi affidato a comici del calibro di Celentano (1987-88) , Montesano (1988-89) e poi al cantante Massimo Ranieri (1989-90). Della conduzione Celentano restano le polemiche sul referendum contro la caccia (invitò in diretta i telespettatori a scrivere sulla scheda elettorale ‘la caccia è contro l’amore’).

DOC_2003_7732_112968_1-656x859

Fantastico 90 segnò invece il ritorno di Baudo nella prima serata di Rai1. Assieme a Marisa Laurito, Jovanotti e Giorgio Faletti. A causa del cambiamento del formato in corso d’opera (l’iniziale gara canora stile Canzonissima fu annullata a causa di contrasti con le case discografiche e sostituita da sfide a quiz) il programma fu quasi un flop.

Nel 1991-92 infine l’ultima vera edizione dello show. Condotto da Raffealla Carrà e Jonny Dorelli. Di quest’anno rimane in mente la scenatta tra Benigni e Carrà. L’infortunio di Dorelli e lo scarso feeling con la conduttrice segnarono l’insuccesso della trasmissione che l’anno successivo lasciò il posto a Scommettiamo Che?

Nel 1997 Enrico Montesano provò a riproporre il programma ma il flop fu tale che il comico fu costretto ad abbandonare lo show, il quale fu concluso da Giancarlo Magalli.  Fine ingloriosa per uno degli spettacoli televisivi di maggior successo degli anni 80, forse l’ultimo grande varietà proposto dalla Rai.

Fonti:

http://it.wikipedia.org/wiki/Fantastico_%28programma_televisivo%29

 

Corrado, un ricordo a 15 anni dalla scomparsa


Corrado_Mantoni_672-458_resize

L’8 giugno 1999 si spegneva Corrado Mantoni, uno dei volti maggiormente noti e simpatici della Tv italiana. Spesso su questo blog non sono mancate parole su di lui. Era impossibile non ricordarlo oggi, a quindici anni dalla scomparsa.

Un mio pensiero, scritto 5 anni fa valido sempre: Corrado resterà sempre uno dei miei punti di riferimento per il piccolo schermo. Il rappresentante di una tv di intrattenimento che non sfociava nel trash, nella volgarità e che si proponeva come un piacevole passatempo condito da ironia e simpatia.

Qui di seguito potrete trovare alcune schede della rubrica NovecentoTV relative a suoi programmi di success:

19 luglio, 2009 Canzonissima ’70. Corrado e Carrà “coppia

8 giugno, 2011 Novecento Tv: Il Pranzo è Servito

13 agosto, 2011 Novecento Tv: Domenica In.. con Corrado

5 agosto, 2010 Novecento Tv: “L’Amico del Giaguaro”

Storia della Tv: 1982


1982

Nuova rubrica, sulla Storia della Tv. Utilizzando come filo conduttore un anno in particolare, ci tufferemo nel passato tra show, trasmissioni e programmi che hanno scritto pagine importanti nel panorama televisivo nostrano.

Iniziamo dal 1982 , anno cruciale per la Televisione Italiana. A gennaio, dalla fusione di alcuni network locali, nascevano due nuove emittenti, Rete 4, proprietà della Mondadori e Italia 1, edita da Rusconi.

Le due reti private si affiancavano a Canale5, creata da Silvio Berlusconi appena due anni prima, nel 1980. Iniziava una vera sfida con la Rai per accaparrarsi il pubblico televisivo.

Italia1 by Rusconi trasmetteva principalmente cartoni animati e telefilm. Lady Oscar, Hello Spank e Kojak  alcuni dei prodotti di maggiore successo.

Da ricordare il varo di Bim bum bam, programma a base di cartoni animati poi entrato nella storia della rete. Già a fine ’82 però l’editore abbandonava vendendo il pacchetto azionario a Berlusconi.

Rete4, la cui direzione era affidata ad Enzo Tortora, lanciò subito un programma di successo, il Maurizio Costanzo Show, che avrebbe accompagnato le serate degli italiani per più di ventanni.  Sempre nel 1982 nasceva Ciao Ciao, la trasmissione per ragazzi fatta da cartoni e telefilm.

Veniamo infine a Canale5. Il palinsesto della rete ammiraglia delle private vedeva una grande novità ovvero la trasmissione di un contenitore mattutino di informazione e costume, Buongiorno Italia, condotto da Marco Columbro ed in onda dal 1980 al 1984.

In tarda mattinata ecco i quiz. Da fine 1981 con BIS, di Mike Bongiorno. A fine ’82 arrivava il programma di Corrado, il Pranzo è servito, uno dei maggiori successi di Canale 5 negli anni 80. La Rai, negli anni successivi, sarà costretta  a rispondere per le rime varando programmi del ‘mezzogiorno’ come Pronto Raffaella e contenitori mattinieri come ‘Uno Mattina’.

Nel palinsesto della Rete1 (la futura Rai1), le trasmissioni iniziavano in tarda mattinata. Nel pomeriggio venivano trasmessi cartoni come Anna dai capelli Rossi. Alle 17 appuntamento con Happy Days.

Sempre nell’82 mentre su Rai1 Mike Bongiorno, il giovedì sera, conduceva il quiz Flash, suo ultimo programma Rai , tra Rete4 e Canale5 andava in onda la ‘disfida dei serial‘. Dynasty vs Dallas. Il secondo, trasmesso su Canale5, prevalse nettamente e contribuì alla vittoria finale della tv di Berlusconi, che riuscì ad acquistare anche Rete4 qualche anno dopo, nel 1984.

Sulla Rete2 (odierna Rai2) da segnalare la partenza di Tandem, programma pomeridiano rivolto ai ragazzi delle scuole superiori, i quali partecipavano in studio come pubblico e come concorrenti nei giochi. Tra i conduttori, Fabrizio Frizzi.

Mentre Rete3 (futura Rai3) nel 1982 trasmetteva solo sei ore al giorno e principalmente produzioni regionali, da qualche anno veniva irradiata Tele Monte Carlo (dal 1974) , tv di proprietà monegasca e che annoverava tra gli altri conduttori anche Gianfranco Funari, pioniere della Telerissa con trasmissioni come Aboccaperta, in onda su TMC dal 1981 e poi passata in Rai, seguendo il suo conduttore. Sempre in quell’anno, con l’acquisto del 10% del pacchetto azionario della rete da parte della Rai, Indro Montanelli e la redazione de Il Giornale,  che realizzava il notiziario di TMC, poneva fine alla collaborazione.

Ricordo infine TeleCapodistria e TeleSvizzeraItaliana, due reti televisive ‘straniere’ per anni irradiate anche sul territorio nazionale. La prima, ad inizio anni 80, era diventata la terza emittente nazionale, dietro le prime due reti Rai. In seguito, con la nascita della Fininvest, perse ascolti, stipulò poi un accordo con Berlusconi che la ‘depotenziò’ ed infine cessò quasi del tutto le trasmissioni in Italia dopo la guerra Jugoslava.

Questo era il 1982, anno di cambiamenti, di nascite e di rinascite. A presto per nuovi appuntamenti con La Storia della Tv. A Presto!

Novecento Tv: Il Pranzo è Servito


Il Pranzo è servito rappresentò la trasmissione di ‘esordio’ di Corrado nelle reti televisive di Silvio Berlusconi. Era il 1982 ed il presentatore romano qualche mese dopo avrebbe condotto Fantastico assieme a Raffaella Carrà, Renato Zero e Gigi Sabani. Il suo ultimo programma Rai, prima del passaggio definitivo a Canale 5.

Corrado fu contattato da Berlusconi per ‘battezzare’ la fascia di mezzogiorno. La reazione del conduttore:

Corrado rimane subito perplesso quando sente l’orario di trasmissione, poiché fino ad allora la Rai non aveva mai utilizzato la fascia meridiana, e i programmi ufficiali partivano con il Tg2 delle ore 13.00, mentre Canale 5 già da un anno praticava la televisione del mattino, con il lancio del contenitore “Buongiorno Italia” e la creazione della cosiddetta fascia di mezzogiorno con “Bis” di Mike Bongiorno. Corrado accetta comunque di buon grado la sfida lanciatagli da Berlusconi, perché pensa che nessuno l’avrebbe visto a quell’ora, e assieme al suo team di autori (ovvero lui stesso sotto lo pseudonimo Corima, suo fratello Riccardo Mantoni, Stefano Jurgens e Iacopo Rizza) ragiona su una domanda: “Cosa fanno gli italiani a mezzogiorno?”, la risposta è quasi scontata: “Mangiano!”, ed ha quindi questa idea: un gioco a quiz che giocasse sulle abitudini alimentari degli italiani. (fonte)

Corrado accettò la sfida e sviluppò assieme ai suoi fedeli autori un programma che giocasse sulle abitudini alimentari degli italiani.

Ad aprile del 1982, venne registrata la puntata numero zero nello studio Cinepalace a Roma, alla presenza di Silvio Berlusconi. La scenografia era molto semplice: una tovaglia imbandita a quadri bianchi e blu, una grande ruota a forma di piatto con tanto di posate ai due lati e con un foro in alto al centro, dal quale sarebbero apparse le portate conquistate dai concorrenti. Le postazioni dei concorrenti erano formate da una pila di dieci piatti su cui erano posizionati due monitor, che sarebbero serviti da supporto per alcune domande.

La trasmissione di prova venne giudicata positivamente e cominciarono le registrazioni delle puntate ufficiali, che andarono in onda a partire dal 13 settembre 1982 su Canale 5 dalle 13:00 alle 13:30

Il contenuto della trasmissione è riassunto dallo stesso conduttore durante la prima puntata de ‘il Pranzo’:

“Abbiamo 2 concorrenti molto simpatici che parteciperanno a “Il Pranzo è Servito”. Molta gente ha scritto, pensando: “Ah si va là, si mangia, e chissà quello che ci daranno…”, invece no, è un pretesto per le nostre domande e per il nostro meccanismo. Adesso vi spiego ma molto in breve: io farò delle domande e naturalmente ci saranno dei pulsanti. Chi risponderà, e bene, avrà il diritto a far girare una ruota che vedete qui alle mie spalle. Questa ruota darà delle portate: un primo, un secondo, formaggio, dolce e frutta e “Il Pranzo è Servito” consiste nel guadagnarsi i 5 piatti diversi, cioè un pranzo vero e proprio”.

Durante gli anni a seguire ‘il Pranzo è servito’ divenne una delle trasmissioni piu seguite della fascia del mezzogiorno e ‘costrinse’ la Rai a controreplicare. Il quiz a mezzogiorno divenne quindi una abitudine per gli italiani.

Il 12 novembre 1988 (in piena settima stagione, 1988-89) andò in onda la puntata n. 1.500. Per l’occasione, venne realizzato uno speciale in prima serata dal Teatro Olimpico di Roma dal titolo “1.500 ma non li dimostra“, dove tutti i volti noti di Canale 5 si contesero delle portate speciali da 5 milioni di lire ciascuna, sotto lo sguardo di un altrettanto speciale giudice di gara: Mike Bongiorno. In platea erano presenti anche tutti i dirigenti Fininvest, Berlusconi in testa.

Per l’ottava stagione (1989-90), vennero apportate nuove modifiche alla scenografia e al regolamento delle domande finali. Ma questa stagione segnò anche l’abbandono della conduzione (dopo ben 1.932 puntate) da parte di Corrado, in seguito ad un delicato intervento ai polmoni subito all’inizio del 1990 che lo costrinse ad abbandonare temporaneamente il video

Dopo l’abbandono di Corrado, ‘il Pranzo è servito’ sopravvisse per altre tre stagioni, due con la conduzione di Claudio Lippi e l’ultima sotto la guida di Davide Mengacci. Inutile dire che la popolarità del programma decrebbe notevolmente in seguito alla dipartita del presentatore romano.

In definitiva il programma è stato un discreto rappresentante della ‘tv semplice ma garbata’ in stile Corrado. Niente di eccezionale, ma un prodotto onesto e simpatico. Manca tanto quel tipo di televisione. Davvero.

Di seguito la Sigla ed alcuni brani della trasmissione:

Sigla

Puntata settembre 1989

Mix

papere Claudio Lippi

Corrado, sempre il migliore!


Come ogni anno mi piace ricordare Corrado Mantoni. Oggi, 8 giugno, ricorrono i 12 anni dalla scomparsa. Nato il 2 agosto 1924, Corrado per me ha rappresentato ‘la televisione’, piu di Mike Bongiorno, Pippo Baudo o di qualunque altro conduttore. Da piccolo mi feci regalare il disco ‘Carletto‘, colonna sonora di Fantastico. Ho passato molte mattine della mia infanzia in compagnia de ‘Il Pranzo è servito‘ e tutte le estati seguivo ‘La Corrida‘.

Garbato, simpatico, ironico, mai volgare, spesso ficcante, Corrado è e sarà sempre l’esempio principe della televisione ‘leggera’ che vorrei.

Album: Corrado Mantoni

Un omaggio del web al Presentatore tv per eccellenza:

“Carletto”, canzone ‘cult’ di Fantastico

Novecento Tv: “Sabato Sera”


SABATO SERA

Il 1967 annovera tra le produzioni piu riuscite della Rai Tv il programma “Sabato Sera“, condotto da Mina. La regia era affidata ad Antonello Falqui, le musiche erano curate da Bruno Canfora. L’edizione , che prendeva in qualche modo il posto di Studio Uno, si componeva di dieci puntate in ognuna delle quali la cantante cremonese veniva affiancata da un conduttore diverso.

Il cast era completato dalla presenza dell’attrice comica Franca Valeri e dalla ballerina Lola Falana.

In ognuna delle puntate , oltre agli spazi comici della Valeri, ai balletti della Falana ed ai medley cantanti da Mina, intervenivano anche alcuni ospiti.

Rimane nella storia del piccolo schermo la puntata in cui si esibirono contemporaneamente i quattro conduttori piu famosi del periodo: Pippo Baudo, Mike Bongiorno, Enzo Tortora ed il grande Corrado.

Alcuni spezzoni del programma:

Mina- Rascel

Mina-Pavone

Mina-Bramieri

Bongiorno-Mina-Valeri