La Roma esonera Zeman


E’ finita nel peggiore dei modi l’avventura di Zeman alla Roma. D’altronde non si poteva fare altrimenti, una squadra senz’anima per colpa di una dirigenza scadente e di un allenatore che non ha saputo darle un gioco. Ora via Zeman, domani spero spariranno Sabatini e Baldini.

La societa’ ringrazia il Signor Zeman e i suoi collaboratori per la professionalita’ e la dedizione con cui hanno svolto il loro lavoro. La squadra e’ stata temporaneamente affidata al Signor Aurelio Andreazzoli’.

Ranieri si è dimesso, colpa della squadra?


Una squadra di bambini. Alla fine ci sono riusciti, hanno cacciato l’allenatore. Ranieri si è dimesso stasera, dopo la sconfitta clamorosa (da 3-0 a 3-4) con il Genoa. Come può una squadra passare dai fasti di dicembre al disastro odierno non è dato sapere. O meglio, probabilmente è una questione “ambientale”. Si sà delle frizioni tra Ranieri ed alcuni giocatori ed ecco l’involuzione tipica dei “bambini” che vogliono cacciare il “maestro antipatico”. Gente strapagata, che dovrebbe dare l’anima in campo e che invece si permette certe sconcezze…

Fossi negli Americani, scapperei a gambe levate. QUESTA squadra non merita nulla. Oppure appena arrivati, dovrebbero allontanare subito i responsabili di tale situazione, anche in caso essi siano idoli della tifoseria. La Roma non è di nessuno se non di chi la ama. E chi la ama non si comporta da bambino di terza elementare.

Roma: “finti” debiti lasciati da Veltroni e la giustificazione del taglio ICI


Sono giorni che Alemanno parla dei debiti del Comune di Roma, debiti accumulati , secondo lui, durante le stagioni di governo del CentroSinistra di Veltroni e Rutelli. Il Sindaco annuncia la cancellazione della Notte Bianca, il depotenziamento dell’Estate Romana, tutti eventi culturali gratuiti che avevano prodotto in questi anni un notevole beneficio per chi, non avendo grandi disponibilità economiche, aveva la possibilità di vedere concerti o eventi culturali gratis.

Il PD romano e Veltroni non hanno dato risposte esaurienti in merito a queste accuse, sono quindi andato a “spigolare” su vari siti cercando di capire quanto ci fosse di vero nelle dichiarazioni del Sindaco.

Su 06BLOG ho trovato questi dati:

 Dei circa 8-9 miliardi di debito, però, almeno 6,2/6,8 sono di vecchia data, essendo stati ereditati da Rutelli e Veltroni e generati negli anni 80.
Ed 1,4 miliardi è invece la somma che la Regione Lazio deve al comune e che verrà restituita entro la prossima settimana. Inoltre nella cifra totale di 9,7 miliardi sarebbero stati inseriti, giustamente per Alemanno, in maniera del tutto arbitraria ed erronea per il Centro-sinistra, anche i debiti fuori bilancio relativi a mancate riscossioni da parte del comune ma che dovrebbero entrare in cassa nei prossimi tempi. Si parla, in questo caso, di contenziosi con sentenze che dovrebbero essere definitive a breve (circa 0,4 miliardi) e mancata riscossione dell’Ici per il 2008 (0,3). Facendo due calcoli, quindi, la somma che fa gridare allo scandalo, ovvero quella presunta generata da Veltroni, sarebbe poco meno di 1 miliardo.

Il miliardo di debito “effettivo” accumulato dalla giunta Veltroni è stato creato in gran parte per finanziare le opere di costruzione della metropolitana B1 e C. Opere pubbliche quindi.

E poi l’ex assessore al comune Causi ci spiega che parte del debito è dovuto al rialzo dei tassi di interesse (come colpisce le famiglie con i mutui, colpisce anche il comune che ha un debito gran parte risalente agli anni 80). Se ci aggiungiamo che Roma riceve dallo Stato meno finanziamenti rispetto a città come Milano e che deve avere 1,7 miliardi di euro dalla Regione Lazio (la quale ad oggi non puo versarglieli in quanto indebitata sino al collo grazie alla allegra gestione della Sanità operata dalla giunta Storace) ecco spiegato il debito.

Debito che ora sta per esplodere grazie alla abolizione dell’ICI da parte di Berlusconi e al blocco dei parcometri, ora attivi solo nel I° Municipio. In definitiva Alemanno SPECULA su debiti gia esistenti e NON PARLA di quelli che ne deriveranno dal TAGLIO ICI e dallo STOP ai PARCOMETRI.

Ecco alcuni dettagli riguardo al debito del comune: da notizie.alice

A ciò si aggiunga la storica sperequazione a svantaggio di Roma nei trasferimenti erariali (286 euro per abitante contro 321 a Milano) e nei trasferimenti regionali per il trasporto pubblico, la contrazione dei trasferimenti dallo Stato e dalla Regione, il fardello di uno stock di debito molto elevato (che risale agli anni ’80 e ’90). “L’amministrazione Veltroni ha ereditato uno stock di debito di 6,2 miliardi nel 2002, ribadisce Causi, e ha aumentato il debito fino a 6,7 miliardi nel 2007: un aumento inferiore a quello del debito pubblico nazionale.

…..

L’amministrazione comunale inoltre deve oggi fronteggiare nuovi fattori aggiuntivi di difficoltà. La crisi finanziaria della Regione Lazio e gli enormi ritardi con cui vengono trasferiti al Comune i contributi regionali. Il Campidoglio deve ricevere dalla Regione 1,7 miliardi, e ormai ha esaurito la sua disponibilità. A livello generale il rialzo dei tassi d’interesse colpisce il Comune come soggetto fortemente indebitato, mentre fra il 2002 e il 2006 la discesa dei tassi aveva creato consistenti vantaggi. L’abolizione dell’Ici sulla prima casa toglie al Comune un gettito autonomo e direttamente riscosso di quasi 400 milioni, e annulla gli effetti positivi previsti nel bilancio 2008 dall’operazione di adeguamento delle rendite catastali scandalosamente basse, con una perdita potenziale di circa 30 milioni. Infine il piano investimenti in corso di attuazione, ingessato dai cantieri delle metropolitane e dalle opere per l’emergenza traffico.

Concludendo non posso che condannare il comportamento del Sindaco ma anche la debole reazione della opposizione piddina. Per tutti i cittadini che non hanno internet e che non intendono andare  scandagliare i meandri del WEB alla ricerca delle verità… passerà il messaggio di Alemanno che vuole accollare a Veltroni i tagli futuri che saranno invece frutto della decisione di Berlusconi di togliere l’ICI.

PD SVEGLIATIIIIII!