Ascolti boom di inizio stagione per #La7


Risultati immagini per propaganda live floris

Tutto iniziò dai picchi di ascolto della maratonamentana estiva. Complice la crisi di governo e l’aumento di interesse per la cronaca politica, stiamo assistendo ad un vero e proprio boom di ascolti per i programmi di informazione de La7.

Il ritorno di PropagandaLive è stato premiato con il 6,1% di share, un punto e mezzo in più dello scorso anno. La prima puntata della nuova stagione di DiMartedì, condotta da Giovanni Floris, ha totalizzato quasi 2 milioni di spettatori con il 9,8% di share, 3,5 punti sopra la prima della stagione precedente.

Risultati interessanti anche per L’Aria che tira, il contenitore informativo della mattina. Myrta Merlino ha esordito il 2 settembre con il 6,1%, risultato superiore al 4,8 del settembre 2018. Festeggia anche Lilli Gruber, il suo Otto e Mezzo ha interessato 1.9 milioni di ascoltatori lunedì 9 settembre, l’8,1% di share, contro il 4,9 di dodici mesi fa.

Un successone. Ed all’appello mancano ancora Piazzapulita e non è l’Arena. Bisognerà solo capire se, con la partenza del governo Conte II, l’interesse verso la politica subirà un calo.

La fine del 2019, con le elezioni in Umbria e la Leopolda renziana con annessa probabile scissione piddina, ed il 2020, ricco di appuntamenti elettorali regionali, potranno regalare grandi soddisfazioni ad Urbano Cairo ed al suo team

In&Out: Gazebo e Quinta Colonna, due modi diversi di usare ‘la piazza’


Gazebo e Quinta Colonna. Come rappresentare la ‘piazza’ in due modi diversi. Il primo, in onda la domenica in seconda serata su Rai3, ideato e totalmente gestito dal blogger Diego Bianchi, in arte ‘Zoro’, usa una sorta di ‘documentario’ per analizzare, dal basso, i principali avvenimenti politici.

Bianchi già da anni, con una semplice videocamera, ci mostra ‘la piazza’ confondendosi tra le persone, carpendo commmenti di semplici cittadini, di giornalisti e di personalità politiche. Un modo originale per fare informazione.

Con Gazebo si ha un salto di qualità ovvero ai filmati di Zoro si aggiunge il commento in studio, con lo stesso Bianchi assieme al giornalista dell’espresso Marco Da Milano ed aiutati dalle vignette satiriche di un autore d’eccezione, Makkox. Una delle parti più divertenti del programma è la ‘Top social’, in cui vengono mostrati i principali commenti ‘social’ degli esponenti politici italiani.

Un bel programma, ironico, che usa l’informazione per fare satira (e non solo). Gli ascolti lo danno attorno al 7%.

Ed ora arriviamo a Quinta Colonna. In onda su Rete4, la trasmissione condotta da Paolo Del Debbio incarna invece il peggior format possibile sul modo di utilizzare ‘la gente’. Ospiti politici scadenti, collegamenti frequenti con la ‘piazza’, il trionfo del populismo più becero, una sorta di mix tra Piazza Pulita, Servizio Pubblico e Barbara d’Urso. Un piccolo assaggio:

Roba da far venir voglia di cambiare canale. Eppure ha un discreto successo. Uno share tra il 7 e l’8% garantisce a Rete4 ascolti migliori rispetto alla media di rete, vicina al 6.

‘Tolleranza Zoro’ questa sera su La7


In attesa di rivedere ‘Zoro’ nel prossimo programma di Serena Dandini ‘The Show must go off’, possiamo guardare questa sera ‘Tolleranza Zoro‘, un’ora e venti per riassumere il 2011 attraverso la visione del blogger Diego Bianchi. Ore 23.15, La7.

Il filmato è rintracciabile anche sul suo canale YouTube