Tv, Serie e Cinema: Top e Flop del 2019


Risultato immagini per viva raiplay"

Il 2019 è appena terminato ed è tempo di bilanci. Quale è stato il successo televisivo dell’anno? Ed il flop più clamoroso al Cinema? Ecco a voi alcune classifiche relative a Cinema, Serie e TV

Iniziamo proprio dal piccolo schermo. Il 2019 sarà ricordato nella storia tv come l’anno del clamoroso flop di Adrian. Il programma voluto da Adriano Celentano, in elaborazione da anni, non ha superato l’esame dell’auditel. Sospeso e poi ripreso, non è riuscito ad interessare abbastanza il pubblico.

Tra i Top ricordiamo invece il trionfo di Alberto Angela con Ulisse-il piacere della scoperta che, ad inizio stagione 2019-2020, ha battuto varie volte il più quotato Amici Celebrities di Maria De Filippi. Una menzione speciale per VivaRaiPlay, esperimento televisivo di Fiorello che, attraverso RaiUno, ha lanciato il nuovo sito di RaiPlay con uno spettacolo in esclusiva sulla piattaforma della tv pubblica. Un grande successo.

Risultato immagini per sex education"

Rimanendo in tema televisivo, passiamo ad analizzare cosa è accaduto nel mondo dei Serial. Tra le produzioni inedite più interessanti è da citare Sex Education, una serie divertente e ben scritta che analizza il tema della sessualità dal punto di vista degli adolescenti. Netflix eccelle anche per altri titoli. Da The Umbrella Academy, un superhero tratto da un fumetto che vede protagonisti dei ragazzi con superpoteri a The Witcher, serie tratta da una serie di romanzi che parla di un mondo immaginario fatto di elfi, streghe, esseri umani e specie magiche.

Da vedere, su Prime Video, The Boys. Una serie anti-superhero in cui appunto i supereroi non sono affatto buoni ed usano i poteri non certo per nobili fini. Sky centra invece l’obiettivo con Chernobyl, in cui viene raccontato dettagliatamente l’incidente nucleare avvenuto nella centrale russa nel 1986.

Per quanto riguarda le serie già in produzione, una menzione speciale per The Crown 3, serial sempre più interessante con il passare delle stagioni.

Una serie che invece non ha convinto molto è The I-Land, una brutta copia di Lost made in Netflix, in cui dieci sconosciuti si risvegliano su un’isola deserta senza memoria e cercano poi scoprire cosa è accaduto. Poca creatività.

Risultato immagini per marvel disney 2019"

Infine uno sguardo al Cinema. Nella Top 5 degli incassi mondiali è monopolio Disney. Avengers: Endgame, Il Re Leone, Frozen II, Spider-man: Far from Home e Captain Marvel. Ben piazzato Joker, settimo.

Tra i flop più disastrosi ricordiamo Hellboy, Terminator: Destino Oscuro, Captive State e X Men: Dark Phoenix, tutte pellicole che non sono riuscite ad incassare tanto quanto sono costate.

Addio ad #AntonelloFalqui, l’uomo che inventò il #Varietà


Risultati immagini per antonello falqui

A 94 anni è scomparso Antonello Falqui, ideatore di tanti programmi televisivi del passato. Il Musichiere, Canzonissima, Teatro 10, Milleluci, Studio Uno, Dove Sta Zazà: Antonello Falqui è stato il Varietà, quello che molti ricordano con malinconia, una tv gentile, garbata e “colorata” (malgrado il bianco e nero).

Qui di seguito le puntate della mia rubrica Novecento dedicate ad alcuni programmi di Falqui:

Il successo di #VivaRaiPlay, di #Fiorello di #RaiPlay


Risultati immagini per viva raiplay fiorello

E’ stata la settimana di Fiorello. Con ViVaRaiPlay, mini-show in prima serata su Rai1, il conduttore siciliano ha ‘lanciato’ il nuovo sito della tv di Stato dedicato ai programmi tv, di oggi e di ieri. Un successo di ascolti, ovviamente.

Andando a vedere il nuovo RaiPlay si rimane incantati. Scorrendo ad esempio la sezione #teche, troviamo tutta la storia della #Rai, i grandi sceneggiati del passato, trasmissioni mitologiche, report giornalistici cult. Meraviglia!!!

NovecentoTV: #Festivalbar, l’estate in musica!


Risultati immagini per festivalbar

Siamo in piena estate e nelle radio scorrono i classici ‘tormentoni’, i brani più ‘gettonati‘. Non molti sapranno che il termine ‘gettonato’ deriva da un programma tv, una trasmissione storica che, ahimè, manca da qualche anno sul piccolo schermo. Sto parlando del FESTIVALBAR!

Il concorso canoro ideato da Vittorio Salvetti nel 1964 fu concepito come una gara tra le canzone dell’estate, la misurazione delle preferenze del pubblico veniva effettuata tramite gli ascolti rilevati dai gloriosi Jukebox, diffusi nei bar di tutto il belpaese. Da lì il nome ‘festival-bar’. Ad ogni jukebox era applicato un contatore che segnalava quante volte un brano veniva suonato. A fine estate veniva effettuato il conteggio delle preferenze, delle cosiddette ‘gettonature’ (visto che l’apparecchio faceva partire i brani tramite l’immissione di un gettone) e veniva decretato il vincitore. Solo la serata finale veniva trasmessa in TV, su Rai2. La location ‘storica’ è stata per anni l’Arena di Verona.

Il Festivalbar è anche altro, ovviamente. Gli anni ’60 e ’70 scorrono veloci ed il rilancio avviene con il passaggio della kermesse alla Fininvest. Con l’arrivo a Canale 5 prima ed Italia1 poi, viene modificato il regolamento, piegandolo maggiormente alle esigenze degli sponsor e quindi la kermesse, diventato un festival itinerante nelle piazze d’Italia, premia i brani con maggiore passaggio nelle radio e nelle tv ed in base alle vendite.

Gli anni ’80 e ’90 segnano il grande successo del Festivalbar, dando popolarità a molti cantanti e lanciando conduttori come Amadeus, Fiorello, Gerry Scotti, Alessia Marcuzzi e Michelle Hunziker.

Il primo vincitore è stato Bobby Solo con Credi in me, 1964. Gli ultimi i Negramaro con Parlami d’amore, 2007. In mezzo Perdono di Caterina Caselli, Stasera mi butto di Rocky Roberts, Acqua Azzurra, Acqua Chiara di Battisti, Piccolo Uomo di Mia Martini, Ti Amo di Umberto Tozzi, Non sono una signora di Loredana Bertè, l’Estate sta finendo dei Righeira, Ti pretendo di Raf , Mare Mare di Luca Carboni e tanti altri.

Risultati immagini per festivalbar

Oggi, in estate, ci sono i Music Award di Rai1 o i Battiti Live ripresi da Italia 1 ma 12 anni senza il Festivalbar sono sinceramente troppi. A quando un revival?

Storia della TV: 1995


1995 def

Nuovo numero de ‘La Storia della TV’. Facciamo un passo indietro esattamente di ventanni. Il 1995 si apre all’insegna della crisi politica. Silvio Berlusconi si era dimesso sul finire del 1994 e ad inizio gennaio il Presidente Scalfaro affida la guida del governo a Lamberto Dini, ministro del Tesoro uscente. E proprio a gennaio, su Rai1, dopo il TG delle 20, fa il suo esordio il Fatto, trasmissione condotta da uno dei maestri del giornalismo, Enzo Biagi.

Il_Fatto_di_Enzo_Biagi

5 minuti al giorno per raccontare il fatto di maggiore interesse. Politica, economia, cronaca. In poco tempo il programma ottiene un grande successo, con punte di oltre sette milioni di spettatori. Il Fatto chiuderà nel 2002, dopo i duri attacchi di Berlusconi, tornato da poco a Palazzo Chigi.

Arriviamo quindi ad uno dei grandi eventi dell’anno. Dal 21 febbraio al 25 febbraio si svolge il 45° Festival di Sanremo.

15_koll_falchi-kUt--587x419@IlSecoloXIXWEB

Condotto da Pippo Baudo, già direttore artistico, assieme ad Anna Falchi e Claudia Koll, questa edizione ha un boom di ascolti senza precedenti. Forte di un cast notevole, da Gianni Morandi a Toto Cutugno passando per gli idoli dei giovani come Fiorello e gli 883, Sanremo 1995 decolla. Vincerà Giorgia con ‘Come Saprei’. Con più del 66% di share rimane ad oggi il Festival più visto degli ultimi 25 anni. Record per la puntata del mercoledì 22 febbraio, anche grazie alla presenza dei Take That, con 18 389 000 telespettatori.

generazione_x_001_jpg_ymwb

Tornando al ‘day time’, Ambra rimane protagonista per tutto l’anno. Se nella prima parte del 1995 si assiste alla conclusione del teen-show ‘Non è la Rai’, alla giovane conduttrice romana viene affidato un programma tutto suo. A partire da ottobre, nel primo pomeriggio di Italia1, è la padrona di casa di ‘Generazione X‘. Un talk in cui Ambra si confronta con una platea di decine di ragazzi e ragazze trattando temi più disparati. Non mancano momenti divertenti con quiz e spazi musicali.

non_dimenticate_lo_spazzolino_da_denti_004_jpg_rbvm

E da Ambra passiamo a Fiorello, reduce dal successo di Sanremo, su idea di Amadeus, in base ad un format francese, è l’animatore di ‘Non dimenticate lo spazzolino da denti‘, one-man-show del sabato sera di Canale 5, da aprile a giugno, che vede mister ‘Karaoke’ impegnato in show, balli e canti. L’energia del presentatore siciliano non riuscirà però a battere la concorrenza di Rai1 che ,con i Cervelloni di Paolo Bonolis , vincerà la sfida degli ascolti.

Parlando di emittenti tv, Vittorio Cecchi Gori acquista dalla famiglia Marcucci il canale Videomusic al prezzo di circa 80 miliardi. Pochi mesi dopo comprerà anche Telemontecarlo dalla Montedison per circa 75 miliardi di lire. Nasce il ‘terzo polo’ televisivo. Avrà vita breve, schiacciato dalle corazzate Rai-Fininvest/Mediaset.

E mentre ad agosto, a Redmond, negli Stati Uniti, la Microsoft lancia Windows 95, che rivoluzionerà il mondo dell’informatica, l’estate 1995 scorre con un sottofondo musicale decisamente ricco. Da  Missing di Everything but the Girl passando per Corona con Baby Baby e La Bouche con Be My Lover. Da ricordare anche il primo grande successo di Irene Grandi, Bum Bum e Tieni il tempo degli 883.

 I singoli più veduti 1995

  • Boombastic – Shaggy [#1, 1995/96]
  • The Colour inside – Ti.Pi.Cal. & Josh [#1]
  • Missing – Everything But The Girl [#1]
  • Hideaway – De’Lacy [#1]
  • Be my lover – La Bnouche [#2]
  • Sure – Take That [#4, 1994/95]
  • Scatman’s world – Scatman John [#2]
  • Baby baby – Corona [#1]
  • All I need is love – Indiana [#1, 1994/95]
  • Me and you – Alexia & Double You [#1]

Ad ottobre esce poi (What’s the Story) Morning Glory? ad oggi il disco più venduto degli Oasis nonché uno dei più venduti in assoluto in Gran Bretagna.

Toy_Story

Nel grande schermo è il momento della rivoluzione copernicana in tema di animazione. Con Toy Story, è un film d’animazione statunitense, il primo completamente sviluppato in grafica computerizzata.

Ma il 1995 è anche l’anno del ritorno di James Bond, con il volto di Pierce Brosnan. Buon successo per GoldenEye. La cui colonna sonora è affidata ad un mito della musica, Tina Turner. Altro successo al botteghino, Braveheart – Cuore impavido, con Mel Gibson.

Tornando al piccolo schermo. Altri programmi da ricordare sono Linea3, esordio di Lucia Annunziata alla conduzione. Talk d’attualità in onda da giugno. Rai2 lancia ‘Davvero‘, un seriale in 45 puntate che racconta cinque mesi di vita assieme di alcuni ragazzi a Bologna. Un antesignano dei reality di qualche anno dopo. Nessuna diretta però. Le immagini erano montate.

Carramba_che_sorpresa

L’anno si conclude con un altro evento ovvero il ritorno di Raffaella Carrà in Italia. Dopo vari anni in Spagna la showgirl per antonomasia torna su Rai1 con “Carramba che sorpresa”, varietà dei ‘sentimenti’ figlio di un format estero che avrà un successo colossale arrivando ad avere più di 10 milioni di telespettatori. Un ritorno con il botto per la Raffa nazionale.

Appuntamento al prossimo numero. Stay tuned…

Televisione: i momenti piu belli della stagione passata


Per farsi due risate ripensando ad alcune delle ‘perle’ della stagione televisiva appena trascorsa. Il ‘classico’ ovvero Benigni, il nuovo che avanza, Virginia Raffaele.

Roberto Benigni a ‘Il piu grande spettacolo dopo il weekend’ di Fiorello

Virginia Raffaele a ‘Quelli che il calcio’

52° Premio Tv: in lizza Fiorello, Italia’s Got Talent e Ballarò


Questa sera, in diretta, si svolge il Premio Regia Televisiva. Orfani del Telegatto, chiuso a metà anni 2000, l’unico ‘Festival’ della Tv rimane quello ideato piu di cinquantanni fa da Daniele Piombi.

Quest’anno, a fianco di Piombi, torna alla conduzione Carlo Conti.

I 10 programmi tra i quali verrà scelto quello dell’anno:

#ilpiùgrandespettacolodopoilweekend
Ballando con le stelle 8
Ballarò
La storia siamo noi
La Vita in Diretta
L’Eredità
Italia’s Got Talent
Le Iene
Striscia la Notizia
Zelig

Fiorello sarà premiato come personaggio maschile, Geppi Cucciari per quello femminile, Rocco Papaleo per la rivelazione.

In un panorama televisivo povero di varietà, chissà che stasera, grazie anche ai tanti ospiti ‘di caratura’, non si respiri di nuovo un po’ di Televisione con T maiuscola.

‘The Best Of’: il meglio della Tv italiana, secondo Candido


Ad inizio anno è bene fare un primo bilancio della stagione televisiva in corso. Ho quindi pensato di stilare un ‘Best Of’ dei programmi trasmessi negli ultimi mesi.

Questi i programmi preferiti da Candido. Due per ogni categoria. La palma d’oro va alla terza rete Rai che si ‘aggiudica’ ben 5 podii, seguono La7 a 3, Gruppo Sky a 3, Rai1 a 2 ed uno per Rete4.

Show Televisivi:

Italialand
La7

Il piu grande spettacolo dopo il week end
Rai1


Satira:

G Day
La7

Gli Sgommati
SkyUno-Cielo


News:

TgLa7
La7

SkyTg24
SkyTg24-Cielo

Informazione:

Report
Rai3

Presa Diretta
Rai3


Talk:

Che tempo che fa
Rai3

TvTalk
Rai3

 

Cultura

SuperQuark
Rai1

Sostiene Bollani
Rai3

Telefilm

Downtown Abbey
Rete4

Bones
Fox