Fine Sondaggi. Per i lettori ha ragione Travaglio, parità nella “sfida” tra governi


POLEMICA TRAVAGLIO-SCHIFANI. SECONDO VOI LETTORI DI CANDIDO HA RAGIONE IL GIORNALISTA. BEL PIU DEL 90% DEI LETTORI HAN SCELTO LE DUE OPZIONI FAVOREVOLI A TRAVAGLIO. PER IL 70% HA RAGIONE IN TOTO NELL’AVER RICORDATO LE ACCUSE PASSATE RELATIVE AL PRESIDENTE DEL SENATO. PER PIU DEL 20% SE HA SBAGLIATO CHE PAGHI, MA CHE GLI SIA GARANTITO DI PARLARE.

Poll: Travaglio-Schifani

Status:

PER QUANTO RIGUARDA INVECE LA “SFIDA” TRA I DUE GOVERNI, QUELLO UFFICIALE E QUELLO OMBRA, POSSIAMO DARE CONCLUSA IN PARITA’ LA PARTITA, CON UNA LEGGERA PREVALENZA DEL GOVERNO OMBRA DI VELTRONI 52 A 48. COME POSSIAMO LEGGERE QUESTI RISULTATI? FORSE IL MESSAGGIO DATO DA VOI E’ CHE “FANNO SCHIFO ENTRAMBI”? 😀

Poll: Quale preferite?

Status:

Also want to create a poll? Click here

Governo Berlusconi o Governo Ombra? Votate!


Quale preferite tra il Governo in carica e quello “ombra” proposto dal leader del PD? Leggete… e votate!

Ecco il Governo Berlusconi:

Gianni Letta, il sottosegretario a Palazzo Chigi
Franco Frattini, ministro degli Esteri
Roberto Maroni: ministro dell’Interno
Ignazio La Russa, ministro della Difesa
Giulio Tremonti: ministro dell’Economia
Angelino Alfano: ministro della Giustizia
Maurizio Sacconi: ministro del Welfare
Luca Zaia: ministro delle Politiche Agricole
Altero Matteoli: ministro delle Infrastrutture
Sandro Bondi: ministro per i Beni Culturali
Stefania Prestigiacomo: ministro dell’Ambiente
Mariastella Gelmini: ministro dell’Istruzione
Claudio Scajola: ministro delle Attivita’ Produttive

Umberto Bossi: ministro delle Riforme Federalistiche
Renato Brunetta: il ministro della Funzione Pubblica
Elio Vito: ministro per i Rapporti con il Parlamento
Roberto Calderoli: ministro della Semplificazione
Raffaele Fitto: il ministro per gli Affari Regionali
Andrea Ronchi: ministro per le Politiche Comunitarie
Mara Carfagna: ministro per le Pari Opportunità
Gianfranco Rotondi, ministro dell’Attuazione del Programma
Giorgia Meloni: ministro per le Politiche Giovanili

Questo il Governo Ombra di Veltroni:

   ESTERI – Piero Fassino
   INTERNO – Marco Minniti
   ECONOMIA – Pierluigi Bersani
   INFRASTRUTTURE – Andrea Martella
   BENI CULTURALI – Vicenzo Cerami
   ISTRUZIONE – Mariapia Garavaglia
   RIFORME PER IL FEDERALISMO – Sergio Chiamparino
   AMBIENTE – Ermete Realacci
   AFFARI REGIONALI – Mariangela Bastico
   DIFESA – Roberta Pinotti
   GIUSTIZIA – Lanfranco Tenaglia
   SVILUPPO ECONOMICO – Matteo Colaninno
   POLITICHE COMUNITARIE – Maria Paola Merloni
   COMUNICAZIONI – Giovanna Melandri
   LAVORO – Enrico Letta
   POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI – Alfonso Andria
   PARI OPPORTUNITÀ – Vittoria Franco
   SEMPLIFICAZIONE NORMATIVA – Beatrice Magnolfi
   ATTUAZIONE PROGRAMMA – Michele Ventura
   POLITICHE GIOVANI – Pina Picierno
   PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E INNOVAZIONE – Linda Lanzillotta.

Poll: Quale preferite?

Status:

Also want to create a poll? Click here

Al via il Duello Veltroni-D’Alema?


Come avevo preannunciato un mese fa qui sul blog …D’Alema, seduto sulla riva del fiume, si sta preparando per il passaggio del “cadavere di Veltroni”. Leggiamo infatti da un articolo di Paolo Franchi pubblicato oggi su Corriere.it: “Tra Veltroni e D’Alema un duello déjà vu”.

Gli interessati fieramente lo negano, ma non c’è bisogno di attaccarsi ai più scanzonati dei retroscena giornalistici per prendere atto che la sconfitta elettorale ha riaperto, nel Pd, il più antico e classico dei duelli postcomunisti, quello che, tra una tregua d’armi e l’altra, da vent’anni e passa — ma verrebbe da dire: da una vita — vede protagonisti Massimo D’Alema e Walter Veltroni.

…….

Ma colpisce anche il merito strategico, chiamiamolo così, della contesa: se cioè (tesi D’Alema) si debba ritornare al degasperiano «Mai soli», o alla togliattiana strategia delle alleanze, e quindi aprire tutti i canali possibili, con la sinistra radicale ma pure con l’Udc e anche con la Lega, di nuovo «costola della sinistra », nella speranza che prima o poi il centrodestra ricominci a litigare; o se piuttosto (tesi Veltroni), si debba restare fedeli all’ispirazione originaria del Pd, riassumibile nell’aureo motto «Meglio soli che male accompagnati», senza per questo cedere, ci mancherebbe, alla tentazione dell’autosufficienza.

Siamo arrivati alla resa dei conti all’interno del PD? A questo punto non mi sbilancio sugli esiti del possibile duello. Spero solo che vinca la proposta migliore per il CentroSinistra, per un coalizione di Governo, per una speranza di Vittoria.

VIGNETTA

Ecco il Governo Ombra di Veltroni


Era in uso anche nel vecchio PCI, mutuato dalla piu “democratica” Gran Bretagna. Ecco il primo Governo Ombra del nuovo millennio, targato PD, griffato Walter Veltroni. I Ministri Ombra dovranno incalzare l’esecutivo con proposte ed iniziative.

Ecco la Lista

 

Questa la lista completa dei ministri del governo ombra del Pd, presieduto dal segretario del partito Walter Veltroni:

Piero Fassino (Esteri),

Marco Minniti (Interno),

Lanfranco Tenaglia (Giustizia),

Pier Luigi Bersani (Economia), M

aria Pia Garavaglia (Istruzione),

Matteo Colaninno (Sviluppo Economico),

Enrico Letta (Welfare),

Roberta Pinotti (Difesa),

Alfonso Andria (Politiche Agricole),

Ermete Realacci (Ambiente),

Andrea Martella (Infrastrutture e Trasporti),

Vincenzo Cerami (Beni e Attività Culturali),

Giovanna Melandri (Comunicazione),

Sergio Chiamparino (Riforme),

Mariangela Bastico (Rapporti con le Regioni),

Linda Lanzillotta (Pubblica Amministrazione e Innovazione),

 Vittoria Franco (Pari Opportinità),

Beatrice Magnolfi (Semplificazione normativa),

 Maria Paola Merloni (Politiche Comunitarie),

Michele Ventura (Attuazione del Programma),

Pina Picierno (Politiche Giovanili).
Fanno parte del governo ombra anche il vicesegretario del Pd Dario Franceschini, i capigruppo alla Camera e al Senato Antonello Soro e Anna Finocchiaro, Enrico Morando e Riccardo Franco Levi, che svolgono le funzioni rispettivamente di coordinatore e portavoce.

Leggo alcuni buoni nomi, altri nomi interessanti, altri decisamente scadenti. Vedremo cosa faranno