La legge di stabilità riassunta in 20 punti


finanziaria2013

da Il Post

legge-stabilita-infografica-governo-2  legge-stabilita-infografica-governo-3

 

1. La legge di stabilità prevede interventi per 11,6 miliardi di euro nel 2014, complessivamente per 27,3 miliardi di euro nel triennio che termina nel 2016.

 

2. Il governo prevede per il 2014 sgravi fiscali complessivi per 3,7 miliardi di euro.

 

3. È previsto il recupero di circa 8,6 miliardi di euro attraverso tagli alla spesa e nuovi interventi fiscali.

 

4. Non sono previsti tagli alla sanità.

 

5. Taglio del cuneo fiscale a partire dal 2014 con 2,5 miliardi di euro: 1,5 miliardi attraverso la riduzione dell’IRPEF per le fasce medie e basse, 40 milioni per la riduzione dell’IRAP e 1 miliardo per ridurre i contributi sociali aziendali. Le detrazioni IRPEF per i lavoratori si fermano a 1.510 euro e non più al previsto aumento di 1.600 euro.

 

6. TARES (Tassa Rifiuti e Servizi) e IMU (Imposta Municipale Unica) sulle prime case non di lusso sono sostituite con la TRISE (Tributo sui Servizi), che a sua volta si divide in due parti e cioè la TARI per i rifiuti e la TASI sui cosiddetti “servizi indivisibili” (le attività comunali offerte a tutti e non individualmente, come la polizia locale, gli uffici tecnici, l’anagrafe, eccetera).

 

7. L’importo della TARI sarà determinato sulla base della superficie delle proprietà come avveniva già per la TARSU, la TASI avrà un’aliquota di partenza pari all’1 per mille con stessa base imponibile dell’IMU.

 

8. Tra il 2014 e il 2016 riduzione delle tasse per le imprese di 5,6 miliardi di euro e di 5 miliardi per i lavoratori.

 

9. L’imposta di bollo per le comunicazioni relative ai prodotti finanziari aumenta, passando dall’1,5 per mille di quest’anno al 2 per mille per il 2014. Il bollo non si paga per le comunicazioni legate ai fondi sanitari e a quelli pensionistici. In questo modo il governo confida di recuperare 900 milioni di euro.

 

10. Sono prorogati di un anno gli incentivi per le ristrutturazioni che prevedono un bonus del 65 per cento sulle spese per il risparmio energetico (“ecobonus”) e del 50 per cento per quelle semplici. Dal 2015 le aliquote scenderanno.

 

11. Entro fine anno saranno venduti a Cassa Depositi e Prestiti Spa, la società finanziaria partecipata al 70 per cento dal ministero dell’Economia, immobili per circa 500 milioni di euro. L’operazione servirà per ridurre in parte il debito pubblico, ritoccando il rapporto tra deficit e Prodotto Interno Lordo (PIL) per il 2013. L’operazione sarà ripetuta nei prossimi due anni e le dismissioni dovrebbero fruttare 1,5 miliardi di euro.

 

12. Viene rivisto il sistema di calcolo del “patto di stabilità” interno degli enti locali, quello che devono rispettare i comuni e che è stato spesso criticato dai sindaci per essere rigido al punto da impedire nuovi investimenti. Ai comuni dovrebbero arrivare circa 1,5 miliardi di euro in seguito allo sblocco di diverse risorse.

 

13. Saranno aumentate le deduzioni dell’ACE (Aiuto alla Crescita Economica), il meccanismo introdotto dal governo Monti per incentivare la capitalizzazione delle società. Nel 2014 la deduzione passerà dal 3 per cento al 4,2 per cento.

 

14. Sono messi a disposizione 250 milioni di euro per la social card, che potrà essere usata anche dagli immigrati con permesso di soggiorno per lungo periodo. Previsti 250 milioni di euro per il fondo per i non autosufficienti.

 

15. È previsto un “contributo di solidarietà” per gli esodati, che sarà ottenuto attraverso un prelievo (ripetuto per tre anni) del 5 per cento dalle pensioni nella fascia tra i 100mila e i 150mila euro lordi l’anno, del 10 per cento per le pensioni sopra i 150mila euro lordi e del 15 per cento per le pensioni sopra i 200mila euro.

 

16. Blocco della contrattazione per gli impiegati pubblici per tutto il prossimo anno. Viene progressivamente modificato il turn over (la sostituzione degli impiegati che vanno in pensione con nuovi assunti): nel 2015 ci saranno assunzioni per il 40 per cento dei ritiri, nel 2016 per il 60 per cento e nel 2017 per l’80 per cento.

 

17. Al Piano nazionale per la banda larga sono destinati 20,75 milioni di euro.

 

18. Il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, quello che serve per ottenere con meno difficoltà un prestito, prevede fondi per 1,6 miliardi di euro spalmati sui prossimi tre anni.

 

19. Per trasporti e infrastrutture sono previsti 400 milioni per le Ferrovie, 335 milioni per l’ANAS e 400 milioni di finanziamento per il MOSE, il sistema di paratie per proteggere Venezia dall’acqua alta.

 

20. Alle università andranno 230 milioni di euro ed è previsto per il 2014 un aggiustamento della spesa per le scuole paritarie con nuove risorse per 220 milioni di euro.

 

legge-stabilita-infografica-governo-1  

Aumenti Iva ed accise benzina, Letta vai a casa!


LETTA IVA copia

Iva, l’aumento slitta da ottobre a gennaio
Incremento delle accise sulla benzina

Spostato da ottobre a gennaio l’aumento dal 21% al 22% dell’Iva

Quindi, da ottobre aumenta la benzina di 2 centesimi/litro e da gennaio di altri 2,5 centesimi. Questo per non far aumentare l’Iva ad ottobre. Aumento che però ci sarà a gennaio.

In sintesi. AUMENTO ACCISE di 2 centesimi ora è di ulteriori 2,5 centesimi da gennaio, assieme all’aumento iva che, di fatto, darà un ulteriore aumento del prezzo dei carburanti.

Tutto questo per non far pagare l’IMu ai supericchi come Berlusconi, Brunetta, Grillo e soci.

Ci stanno prendendo per il culo?

Letta ai militanti PD: “Ce lo ha chiesto Napolitano”


Letta sul governo con il PDL “Ai militanti dico, ce lo ha chiesto Napolitano”

I militanti rispondono “e sti gran cazzi!”

E continua:  “mi dimetterò se vi saranno tagli alla cultura ed alla ricerca”.

Ma aver nominato Biancofiore sottosegretario non è già un taglio netto alla cultura? (ed all’intelligenza umana aggiungerei).

Bene, allora enrichetto dimettiti va.

Tutti gli errori di Bersani che hanno portato alla sconfitta


Come siamo arrivati al Governissimo PD-PDL-Scelta Civica? Tutto inizia a novembre, con la vittoria di Bersani alle primarie. Poi tanti errori strategici nella campagna elettorale, l’ambiguità del rapporto con Monti che non ha convinto alcuni elettori e li ha ‘spinti’ a votare Grillo. Ancora peggiore il dopo-elezioni. La strategia ondivaga, poco incisiva con i grillini, tesa a prendere tempo, ha esteso le spaccature all’interno del Partito Democratico. La scelta scellerata di candidare Marini al Quirinale ha fatto il resto, l’affossamento di Prodi è stato conseguente. La richiesta di rielezione di Napolitano ha sancito la debacle completa di Bersani e del Partito stesso.

Se vi va, seguite il riepilogo seguente, con brani tratti da alcuni miei articoli a partire da novembre 2012, i quali purtroppo si sono rivelati tragicamente esatti:

Perchè votai Bersani alle primarie di novembre? Per mancanza di alternative:

24.11.2012 Non sono un elettore entusiasta, non vado a votare alle primarie spinto da profonda convinzione….

Con tutte le riserve verso il Partito Democratico, ancora alla ricerca di una identità politica e programmatica, e verso il carisma del leader democraticoritengo la proposta di Bersani quella più credibile e soprattutto realizzabile. Sui temi dei diritti sociali e del Welfare appare rassicurante la piattaforma di Fassina con maggiori tutele sul lavoro.

Infine la vittoria del segretario del PD rappresenterebbe il giusto compromesso tra la ‘destra’ renziana a e la ‘sinistra’ vendoliana, capace di tenere unita la coalizione trasformando le differenze in occasioni di confronto e di apertura verso un incremento del consenso.

Berlusconi torna in campo, facile prevedere quello che poi sarebbe accaduto:

7.12.2012 Insistendo sulla deriva anti-Monti forse il Pdl riuscirà a recuperare qualche indeciso o deluso. Vincere le elezioni è impossibile, impedire a Bersani e soci di vincere è fattibile. Bastano pochi punti percentuali in più per il Centrodestra e qualcuno in meno per il CentroSinistra e probabilmente il prossimo Parlamento non avrà una maggioranza chiara. Il centro di Casini, Fini e Montezemolo potrebbe ottenere pochi senatori, tali da far tornare il pallino in mano al Cavaliere, pronto a barattare un eventuale sostegno al prossimo esecutivo (Monti bis, Passera o chissà chi altro) in cambio delle solite garanzie su Giustizia e Televisione.

Non era neanche impossibile da prevedere il risultato della sua coalizione, il 30%:

10.12.2012 Chi mai si affiderebbe ad un uomo invischiato in guai giudiziari, sempre pronto a difendere solo i suoi .interessi? Un pericolo per il Paese e per l’Europa intera, un personaggio senza la minima credibilità politica nazionale ed internazionale. Una vergogna per la nostra Storia insomma..

Eppure uno zoccolo duro c’è. Tra dipendenti delle sue aziende, collaboratori, miracolati ,servitori ed ammiratori viscerali almeno il 15% dell’Italia è con Lui. Se saprà giocare bene le sue carte, unendo tutto il possibile, potrebbe arrivare anche ad avere dietro di se una coalizione dal 30%. Dio (o la Natura) ce ne scampi e liberi.

Ad inizio anno i primi grandi dubbi sulla strategia mediatica del CentroSinistra:

15.01.2013“Il suo problema è che non dà mai un titolo’. Scrive bene il buon Gramellini oggi su La Stampa. Il Partito Democratico inizia ad apparire in difficoltà a causa della mancanza di leadership. Stretto tra il presenzialismo berlusconiano e quello montiano, Bersani non riesce  a comunicare idee e proposte concrete capaci di attirare gli elettori.

Che il leader PD non abbia carisma lo sappiamo tutti ma per vincere basta avere un programma chiaro e facile da comprendere…

….Al tutto aggiungiamo l’atteggiamento ‘dimesso’ verso Monti e si capisce perche la coalizione progressista inizi a perdere elettori. Non molti sono contenti di una possibile collaborazione con i centristi, dire ai quattro venti ‘dobbiamo dialogare con Monti dopo le elezioni‘ non aiuta di certo, anzi fa perdere consensi.

Tale modo di fare potrà costare caro, la gioiosa macchina da guerra occhettiana è dietro l’angolo.

Il recupero di Berlusconi appariva evidente, già a quattro settimane dal voto, dopo un solo mese di campagna elettorale:

20.01.2013 Il bombardamento mediatico in atto da due settimane, i colpi ad effetto come l’annuncio dell’abolizione IMU e l’incandidabilità di personaggi compromessi come Dell’Utri, Cosentino e Scajola, la pochezza politica del fronte progressista che si divide sulla crisi in Mali e litiga sulle possibili alleanze post-elettorali, il rafforzamento del terzo polo centrista, la presenza di Ingroia che erode consensi a Vendola, tutti questi fattori stanno provocando qualcosa di inimmaginabile solo un mese fa ovvero il recupero del Centrodestra.

Un mese prima delle elezioni era già chiaro il grande errore strategico commesso da Bersani in campagna elettorale:

23.01.2013 Bersani ha scelto di non andare in tv e la strategia si sta rivelando suicida. Servono messaggi chiari, semplici, attraenti. Lo scandalo Mps potrebbe rappresentare la crepa che travolgerà il Centrosinistra consegnando l’Italia a Berlusconi o permettendogli di essere ancora determinante.

Ad inizio febbraio era lampante che Berlusconi aveva vinto la sua battaglia e che Bersani ne usciva sconfitto.:

6.02.2013Ha già vinto. Non ci sono dubbi. Sino a qualche settimana fa il CentroSinistra aveva la via spianata verso una larga vittoria alla Camera con possibilità di ottenere una maggioranza anche al Senato. Oggi lo scarto tra Centrodestra e CentroSinistra è inferiore ai 4-5 punti.

Berlusconi si è già assicurato come uno dei probabili vincitori delle prossime elezioni. Anche in caso di sconfitta. Il leader del Pdl è comunque riuscito a recuperare consenso in modo da non concedere una maggioranza netta a Bersani ….

In tutto questo spicca la pochezza di Bersani a livello comunicativo. Berlusconi detta oramai da settimane l’agenda politica, è riuscito a lasciar passare l’equivalenza Monti=Bersani anche grazie alla connivenza del PD che non ha mai preso veramente le distanze dal Professore. Tale comportamento ha provocato anche una emorragia a sinistra con voti in uscita da SEL per Grillo ed Ingroia. Strategia suicida. Incomunicabilità. In caso di sconfitta spero Bersani si dimettà un minuto dopo la comunicazione dei risultati perche la responsabilità sarà solo e soltanto sua. Renzi era invotabile perche aveva una piattaforma politica troppo tendente al centro, Bersani però è inguardabile

Dopo le elezioni non vinte, l’unico scenario possibile per me era un governo ‘civico’ ma già era chiaro che sarebbe finita diversamente:

26.02.2013 Bersani dovrebbe fare un passo indietro rinunciando a formare un governo ed anticipando il Congresso del PD per cedere la segreteria politica. La sua strategia non ha funzionato purtroppo. La Sinistra Democratica è stata sconfitta, la palla ora passerà probabilmente a Renzi che sposterà al ‘centro’ il partito.

Dal punto di vista del Governo, il PD dovrebbe (e dico dovrebbe) evitare esecutivi bipartisan con montiani e berlusconiani. Dovrebbe presentarsi al Senato con un programma di 6 mesi che preveda una riforma elettorale ed il taglio di parlamentari e sprechi della politica per andare al voto a settembre, dopo le elezioni del Capo dello Stato. Lo dovrà fare cercando una convergenza con le altre forze presenti, grillini compresi, ad iniziare dal dialogo per l’elezione del Presidente della Repubblica. E’ l’unica ipotesi ragionevole per dare una chance al CentroSinistra nel prossimo futuro.

In realtà non andrà così. Il PD sosterrà un governo (Passera?) con parti del Pdl e Monti, cosi facendo porrà fine alla alleanza con Vendola e regalerà l’elettorato di Sinistra a Beppe Grillo. Non hanno coraggio, non lo hanno mai avuto e difficilmente lo tireranno fuori ora.

Buona fortuna a tutti, ne avremo bisogno.

Cosa sarebbe dovuto accadere e come invece era probabile finisse, 26 febbraio, due mesi fa:

Bersani dovrebbe fare un passo indietroed aprire ad un governo ‘civico’ di area CentroSinistra con dentro personalità della cultura, delle professioni e delle istituzioni. Niente politici, niente ‘tecnocrati’. Società Civile, di questo ha bisogno il Paese, dopo il segnale chiaro lanciato con le elezioni….
…In cuor mio spero i vertici democratici decidano in questo senso. Dubito però sarà cosi.Temo un ‘governissimo’ in nome dell’Europa, tenuto sotto scacco da Berlusconi. Un esecutivo che distruggerà il CentroSinistra regalando definitivamente l’elettorato progressista a Beppe Grillo.

Nel frattempo si arrivava all’elezione del Capo dello Stato. Ben 10 giorni prima delle ‘quirinarie’ grilline qui su Candido si era proposto Stefano Rodotà come Presidente maledicendo l’eventuale elezione di Marini e dando per scontato il killeraggio riservato poi a Prodi:

4.04.2013 Si fanno vari nomi. I democratici dialoganti con il PDL propongono Marini, Amato e D’Alema. Tre persone, a mio avviso, indigeribili. Rappresentanti della peggiore specie di ‘inciucisti’ o comunque simboli di un periodo politico da archiviare nel più breve tempo possibile.

I fedelissimi di Bersani vorrebbero Romano Prodi, candidato temuto da Berlusconi. Eppure più di 100 parlamentari del PD mal vedono la sua candidatura e poco importa la simpatia di qualche grillino verso una ipotesi del Professore al Quirinale.

A questo punto serve un vero atto di coraggio. Bersani deve fare un passo indietro, anzi due. Il primo per la Presidenza della Repubblica. il secondo per Palazzo Chigi. Prima che il PDL si insinui nelle crepe democratiche proponendo un nome spiazzante, è il caso che venga candidata una figura esterna ai partiti e che sia portatrice di cambiamento. Stefano Rodotà, un nome su tutti.

Al tempo stesso, con lo stesso criterio, andrebbe proposto Gustavo Zagrebelsky alla Presidenza del Consiglio.

…. Due possibilità per provare a cambiare. Ai singoli partiti, grillini e montiani in testa, la responsabilità di coglierla

Il resto è cronaca dei nostri giorni. Letta si appresta a varare un governo PD-PDL-Monti. La Sinistra è a pezzi, cosi come il PD. Grillo si appresta ad intercettare i voti in uscita dal PD, forse drenati in parte da SEL. Berlusconi fa un balzo del 10% rispetto a due mesi fa ed il PDL tocca quota 30%. Ed è solo l’inizio.