Sondaggio, quanto durerà il governo Renzi?


renzisondaggio copia

Il 68% di voi aveva visto giusto. Anzi, Letta non è riuscito neanche ad arrivare a primavera.

sondaggioletta

Ed ora tocca a Renzi. Viste le premesse quanto durerà il nuovo esecutivo?

Poll: Quanto dura Renzi?

Risultati:

Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui

Letta in bilico, Renzi a Palazzo Chigi?


lettarenzi5 lettarenzi6

Ma davvero Renzi va a Palazzo Chigi senza passare dalle elezioni? Davvero sta per commettere l’errore fatale che lo porterà alla sconfitta? Vuole fare la fine di D’Alema? Pensa sinceramente di far approvare qualcosa di ‘suo‘ da una maggioranza Alfano-Monti-Pd bersanian-delamian-lettiano? Vuol farsi ‘incastrare’ sul serio dal progetto di Napolitano?

I giornali spingono per quella ipotesi, io non voglio crederci. Non sostengo Renzi e mai credo lo sosterrò ma penso sia una persona intelligente. Se accetta si rivela uno stupido come tanti

Su Renzi aleggiano i ‘fantasmi’ di D’Alema e Veltroni


lettarenzi4

Letta e Renzi. Il due democristiani che fanno impazzire il Pd. Il Governo, dopo 10 mesi di attività, è in piena crisi. I pasticci su Iva, Imu ed altro, l’uscita di Forza Italia ad ottobre, le dimissioni di Fassina, le fibrillazioni all’interno dei democratici dopo l’elezione di Renzi alla segreteria, lo hanno fortemente indebolito. Letta è alle strette. Si fanno sempre più forti le voci di un avvicendamento a Palazzo Chigi proprio con il Sindaco di Firenze.

Nei prossimi giorni si deciderà il fututo dell’esecutivo. Alla Camera è in votazione la legge elettorale, partorita dal patto tra Democratici e  Berlusconi. Non pochi vedono possibili agguati, nel segreto dell’urna, per affossare la legge. Ciò comporterebbe la fine del Governo e possibili nuove elezioni anticipate.

lettarenzi3

Su Renzi aleggiano però due ‘fantasmi’. D’Alema e Veltroni. Il primo salì alla Presidenza del Consiglio tramite manovre di palazzo, senza passare per le urne. In breve fu logorato da beghe di coalizione e la sua stella si eclissò. Il secondo, nel tentativo di riformare la legge elettorale con Berlusconi, accelerò la fine del governo Prodi per essere poi sonoramente sconfitto dal Cavaliere nelle successive elezioni anticipate.

Se Renzi arriverà a Palazzo Chigi nei prossimi mesi, succedendo a Letta, si troverà nel ruolo di D’Alema e dovrà gestire una maggioranza quanto mai eterogenea e poco prevedibile. Cosa potrà mai combinare con Alfano, Casini, Mauro e forse anche Berlusconi? Difficile portare a casa qualche risultato. Più probabile che il Cavaliere, Udc ed alfaniani favoriscano un suo logoramento per poi batterlo alle elezioni.

Nel caso in cui, invece, l’Italicum venisse killerato in Parlamento e si andasse ad elezioni anticipate con la legge vigente, ovvero un sistema proporzionale puro, Renzi non potrà mai vincere e quindi si ritroverà a dover fare un governo di ‘grossa coalizione’ con il Centrodestra berlusconiano, con profonda soddisfazione di Grillo, il quale ne beneficerà sicuramente in termini di consenso.

Un bel dilemma. Napolitano permettendo…

Il Concerto finale


l43-berlusconi-palazzo-chigi-121024184830_big

La Tv stava trasmettendo la diretta dalla Camera dei Deputati. In sottofondo si udivano gli applausi dell’aula. Il nuovo Presidente, appena eletto, si apprestava al giuramento ed al discorso inaugurale.

Lui invece se ne stava lì, in poltrona, nel suo studio. Molti lo attorniavano. Collaboratori, amici fedeli, vecchi e nuovi cortigiani. Si sperticavano in complimenti e segni di approvazione. Li ascoltava, annuiva, sorrideva ma il suo sguardo era proiettato verso il televisore.

Eccolo, il Capo dello Stato. Arrivato nello scranno della Presidenza della Camera, prendeva la parola e prestava il sacro giuramento. Come da articolo 91 della Carta Costituzionale, il Presidente pronunciava, con voce pacata e sottile, le parole magiche : « Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione ». La pacatezza, il suo marchio di fabbrica. Da sempre. Assieme alle innate capacità strategiche.

“Potevo esserci io al suo posto” pensava tra se, mentre il nuovo Presidente della Repubblica formulava il suo breve discorso. Al Quirinale ora c’era un uomo di sua fiducia. Da sempre fidato consigliere. Mai infedele, anche nei momenti di maggiore distanza. Lo aveva portato con se a Palazzo Chigi, gli aveva affidato la guida dei Servizi segreti. Il suo ruolo era stato spesso determinante per sedare beghe di partito e tra alleati di governo. Adesso avrebbe occupato la poltrona più alta. Ed avrebbe ‘vegliato’ su di lui, sui suoi interessi, sulla sua futura libertà.

Già, la libertà. Quella formale sarebbe tornata tra pochi giorni, allo scadere della pena. Ma non bastava. Alcuni magistrati rischiavano di regalare altri problemi in futuro. Problemi che sabbero stati presto risolti.

Entro poche settimane un nuovo Governo avrebbe visto la luce. Un Governo amico. Un volto nuovo alla guida. Una squadra rinnovata. La coalizione con cui era riuscito a vincere le elezioni, seppur ampia e rissosa, gli aveva assicurato di poter sistemare presto ogni cosa. Leggi, decreti e provvedimenti quasi immediati per bloccare le sentenze in arrivo, ridiscutere la condanna già scontata e modificare i regolamenti per permettere un suo eventuale ritorno a Palazzo Chigi.

Tempo. Era solo questione di tempo. Da sempre suo amico, gli avrebbe presto regalato la riabilitazione finale. Gli si inumidirono gli occhi, per un attimo.

Mentre il Capo dello Stato terminava di parlare ed un nuovo applauso copriva i commenti dei giornalisti presenti alla diretta parlamentare, il suo pensiero volgeva al futuro. Un futuro fatto di rivalse. Verso chi lo aveva dato per ‘finito’. La stampa nazionale ed internazionale, gli avversari politici, persino non pochi dei ‘suoi’.

Nella tv, sempre accesa, veniva ora inquadrato il leader dell’opposizione mentre stringeva la mano del capogruppo del suo partito. Eccolo lì. Giovane, carismatico, mediaticamente spendibile ma puntualmente sconfitto. Dalle beghe interne al proprio partito, dalla ampia ‘offerta politica’ fornita dalla coalizione vincitrice, dalla legge elettorale concordata e che lo aveva rilanciato politicamente.

Si alzò dalla poltrona e si diresse verso la finestra dello studio. La spalancò. Un caldo tepore primaverile lo avvolse. Guardò fuori. La vita caotica procedeva regolarmente. Traffico, persone indaffarate che correvano qua e la verso direzioni ignote. Alzò lo sguardo dalla strada verso il cielo. Il sole illuminava Roma. Ed anche il suo futuro. L’Italia si affidava di nuovo a Lui. Allo chansonnier. Per il concerto finale. Il suo e quello del suo Paese.

Renzi, Berlusconi, Alfano, Letta, Sharon, la settimana n.7


candidosettimana

 

  • Sintonia canaglia. Un pregiudicato nella sede del PD. Come inizio del nuovo corso renziano non c’è male eh?
  • Clamoroso coming-out. Alfano: ‘Renzi non ci costringerà a tornare all’ovile’. E ci voleva tanto ad ammettere di essere stati delle pecore per vent’anni?
  • Incontri. Berlusconi va ad un incontro con Renzi. Ma non doveva andare incontro alla Giustizia, scontando la pena per cui è stato condannato?
  • Dc 2.0 Renzi: ‘Letta non si fida di me’. È un democristiano, non si fida nemmeno della sua ombra.
  • La versione di Renzi. La cosa bella è che Renzi sbatterà la porta in faccia a SEL e si alleerà con quel che resta di Scelta Civica. A nulla saranno serviti i corteggiamenti di Vendola e soci, in atto da prima che il Sindaco divenisse segretario PD.
  • Frattocche 1! Toti, direttore di Studio Aperto, volto nuovo di Forza Italia. Gori, ex responsabile di rete, candidato sindaco a Bergamo per il Pd. Tiraboschi, attuale direttore, possibile sfidante alle comunali bergamasche per il centrodestra. Italia 1, altro che Frattocchie….
  • Una poltrona per 2. Comunque è più facile che duri il governo Letta-Alfano che la co-direzione Barbara B-Galliani
  • Il passato non si dimentica. Il rispetto dei morti è doveroso, come pure quello per la Storia. Non si dipinga Sharon come un uomo di pace. Non lo è stato mai se non nell’ultima parte della sua vita politica. La morte non può riabilitare tutto e tutti.
  • Papa Francesco confessa “da giovane ho fumato marijuana”. Fumata ‘bianca’!

Renzi attacca Letta: ‘non si fida di me’


letta

Come volevasi dimostrare. Anno nuovo, tensioni in arrivo per il governo. Renzi incalza Letta, sulla legge elettorale, sulla riforma del lavoro e non solo. Il ‘patto’ 2014 dovrebbe essere siglato a breve e potrebbe prevedere un nuovo governo Letta. Alcuni ministri rischiano il posto:

A scamparla sarebbero quasi certamente i centristi Lupi e Mauro, così come Cancellieri, blindata più dal Colle che dalla fiducia del Parlamento. I due tecnici, Giovannini e Saccomanni, potrebbero invece essere destinati ad altro incarico (ancor oggi Renzi ripeteva: “Compito dei ministri però non è dare giudizi o opinioni, come i professori o gli ospiti dei talk show. Compito dei ministri è fare le cose. Che abbiamo fatto in questi mesi? Perché la disoccupazione è cresciuta? Giovannini dovrebbe rispondere su questo“); fuori anche la De Girolamo, non tanto (non solo) per l’inchiesta Asl di Benevento (non è indagata), quanto per la considerazione della necessità di un riequilibrio numerico dopo l’uscita di Forza Italia dalla maggioranza; a casa anche Zanonato e Carrozza, che pagherebbero la loro distanza dagli ambienti renziani. Mosse che però non garantirebbero il futuro di un esecutivo che resta sempre in bilico. O meglio, aggrappato alle strategie di Renzi. (Fanpage)

Intanto il segretario PD ‘flirta’ con Verdini. Renzi fa lo stesso errore di Veltroni e di D’Alema. Berlusconi non ha intenzione di trattare per il bene del Paese, vuol solo perdere tempo per salvarsi dalla esecuzione della sentenza e poi rovescerà il tavolo al primo momento utile

legge elettorale

Sondaggio: quanto durerà il Governo Letta?


sondaggio letta copia

L’ultimo sondaggio del 2013 si è concluso con l’opinione che Berlusconi sia davvero finito politicamente. Più del 58% di voi lettori si è espresso in questo senso. Le ultime notizie raccontano ahimè di un epilogo diverso. Anno nuovo sondaggio nuovo. E’ il momento di Letta. Quanto durerà il suo governo? A voi la parola:

Poll: Quanto durera il governo Letta?

Risultati:

Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui