Risultati primo turno: il PD cresce al Nord, calano Pdl e Lega


La sintesi sui risultati della settimana scorsa, proposta da Roberto D’Alimonte, politologo e docente della Università Luiss:

“Possiamo fare un raffronto tra le regionali del 2010 e le comunali del 2011 prendendo in esame i 23 Comuni capoluogo nei quali si è votato – ha spiegato D’Alimonte –. Dall’analisi del voto si vede chiaramente che rispetto a un anno fa la Lega ha perso un elettore su tre. Anche il Pdl ha perso e non si è trattato di uno spostamento di voti tra schieramenti ma del fatto che i moderati hanno scelto l’astensionismo: a Milano, ad esempio, la sinistra ha portato i suoi elettori, Pisapia questo è riuscito a farlo benissimo, mentre la destra non c’è riuscita”. Perché? “La Moratti era un candidato debole che non piaceva – ha risposto D’Alimonte – ma si è trattato anche di una protesta contro il governo nazionale: sono elettori delusi dalla Moratti e anche da Berlusconi. Se è vero che Berlusconi non farà campagna elettorale a Milano per i ballottaggi è perché ha capito che Milano è persa e invece la farà a Napoli dove la situazione è per lui più favorevole. Certo non può rischiare di essere sconfitto da Pisapia”.

Il PD cresce, soprattutto al Nord, mentre il PDL cala:

“il Pd, rispetto al voto regionale dello scorso anno, ha guadagnato circa 39.000 voti, mentre il Pdl ne ha persi 144.000. Anche estendendo l’analisi al complesso dei ventitré capoluoghi di Provincia ove si è votato quest’anno e l’anno scorso, si rileva un declino del Pdl di circa 118.000 voti, a fronte di una crescita del Pd di circa 54.000 voti. Questa tendenza positiva del Pd è però concentrata (e questa è una delle novità di queste consultazioni), come ha osservato anche Roberto D’Alimonte (sulle cui elaborazioni, pubblicate sul Sole 24 Ore, basiamo questi conteggi), specialmente nelle Regioni del settentrione: al Sud il Pd – ma anche il Pdl – perde. Si conferma, in altre parole, la tradizionale differenziazione delle modalità di scelta elettorale tra il settentrione e il meridione del Paese.”

Anche la Lega cala rispetto allo scorso anno:

Nei Comuni più urbanizzati – dove però tradizionalmente è meno forte – il Carroccio perde rispetto all’anno scorso circa 25.000 voti. Un andamento analogo si rileva anche se si considera l’insieme dei capoluoghi di Provincia, ove il declino è maggiore e pari a 33.000 voti. È vero che rispetto alle Comunali precedenti la Lega, diversamente dal Pdl, ha incrementato (nei Comuni più urbanizzati con 78.000 voti in più) i suoi consensi. Ma è vero al tempo stesso che queste elezioni hanno interrotto il ciclo di crescita del Carroccio che perdurava da allora. Insomma, nel complesso il Pd guadagna in queste elezioni, specie al Nord, e le forze di centrodestra appaiono invece calanti. Alcuni hanno proposto, tuttavia, di distinguere nell’analisi il caso milanese da quello del resto del territorio, per verificare eventuali andamenti distinti. Ma i dati non confermano questa ipotesi. Anche escludendo Milano, troviamo una crescita, sia pure molto più modesta, del Pd (che si incrementa di poco meno di 4.000 voti nel resto dei Comuni più urbanizzati e di circa 19.000 voti nel resto delle Province) e una diminuzione di Pdl e Lega. Nell’insieme, dunque, il trend non appare disomogeneo. L’incremento del Pd e il calo del Pdl sono, più o meno, sempre confermati dal quadro d’insieme di queste consultazioni. Anche se bisogna tenere presente il caso di Napoli, ove il Pd diminuisce, e quello di Bologna, in cui il partito di Bersani mantiene, senza incrementarlo, il seguito del 2010, ma decresce rispetto alle ultime Comunali.

Elezioni, analisi del voto :”contro la Paura può solo la Speranza”


E’ oramai passato qualche giorno dai risultati delle elezioni europee ed amministrative. Possiamo quindi tracciare un bilancio delle consultazioni. Il Centrodestra vince nettamente le elezioni locali ma non stravince le consultazioni europee. Il centrosinistra esce sconfitto da ambedue gli appuntamenti. Il Partito democratico, pur recuperando qualche punto rispetto ai sondaggi dei mesi scorsi, si attesta al 26% perdendo piu di 7 punti rispetto ad un anno fa. Va però sottolineato come nelle politiche 2008 all’interno delle liste democratiche fossero presenti i radicali, presentatisi invece da soli in questa tornata, raccogliendo poco piu del 2%.

Per le elezioni amministrative è giusto fare una premessa. Nel 2004, quando il centrosinistra fece l’en-plein in molte zone del nord, la Lega si presentò da sola al primo turno costringendo al ballotaggio molti candidati del centrodestra e storicamente il ballottaggio viene quasi sempre snobbato dagli elettori del carroccio. In questa tornata invece Lega e PDL si presentavano compatti già dal primo turno e quindi logicamente molte amministrazioni locali del settentrione sono state appannaggio del centrodestra anche per questo motivo.

Non va però sottovalutato il calo del centrosinistra che, se nella sua forma “classica”, sinistra riformista piu sinistra radicale, si mantiene su percentuali dignitose e comunque al disopra del 40%, nella versione 2008, Pd piu Idv, vede un vero e proprio travaso di voti dai democratici al partito di Antonio Di Pietro, tutto questo anche nelle regioni rosse. Il PDL diviene il primo partito sia in Umbria che nelle Marche. Ma le sorprese non finiscono qui.

La Lega Nord attraversa il “rubicone” ed ottiene risultati sorprendenti in regioni come Emilia Romagna, Umbria, Marche ed anche nel Lazio supera l’1%. La politica razzista portata avanti da Bossi,che è gradualmente passato dall’odio verso i meridionali all’odio verso gli immigrati, sta avendo successo .

Il fenomeno immigrazione, assieme alla crisi economica ed all’aumento della povertà, è la chiave di volta per poter leggere i risultati elettorali anche a livello europeo. I partiti nazionalisti xenofobi avanzano in tutta europa, dal British National Party inglese ai neonazisti tedeschi, dalla Lega Nord ai partiti xenofobi olandesi. In tutto il continente poi la Sinistra appare in crisi. Cede Zapatero in Spagna, ridotti ai minimi termini il Partito Socialista Francese (al 16%), l’SPD tedesca (20%) ed i Laburisti inglesi (16%), tanto che il risultato del PD non appare poi cosi negativo se confrontato con i grandi partiti progressisti europei.

La sintesi è breve, crisi delle sinistre, boom per la destra xenofoba, stabile il fronte conservatore. D’altronde il vecchio continente da anni fa i conti con un diffuso aumento della povertà, con la diminuzione dei diritti sociali, sempre piu a rischio in un sistema capitalistico cosi orientato al liberismo. Allo stesso tempo sono in continuo aumento le ondate migratorie delle popolazioni africane, asiatiche e dell’est europeo. Gli immigrati poi, avendo spesso un basso reddito, fanno “concorrenza” nella cosiddetta “guerra dei poveri” alle popolazioni autoctone nella richiesta di tutele sociali, spesso usufruendone a spese dei nativi, che avendo un reddito maggiore non riescono ad accedere a tali risorse. Se a questo aggiungiamo un fisiologico incremento della criminalità, che cresce esponenzialmente al degrado sociale il quale, nelle situazioni appena descritte, non puo non lievitare, ed ecco che si spiega bene il risultato di queste consultazioni.

La destra populista, addossando la maggior parte delle colpe di tutto questo all’immgrazione,  trova terreno fertile per la propria crescita. La Sinistra d’altro canto, che basa i suoi valori sulla solidarietà e la tolleranza, non puo non entrare in crisi.

In una situazione come questa, nel vecchio continente, sarà difficile poter ritrovare una Sinistra vincente prima di qualche lustro. In Europa ora domina la Paura, sentimento utilissimo alle destre. Contro la Paura, a mio avviso, la Sinistra puo rispondere solo con un altro sentimento: la Speranza.

La speranza di poter migliorare la situazione delle persone in difficoltà, di poter controllare il fenomeno della immigrazione in modo da renderlo utile al paese, di dare maggiori diritti a tutti. Prima di fare questo però la Sinistra, nelle sue varie realtà, dovrà necessariamente farsi un esame di coscienza, adattando alcuni suoi principi alla società odierna, senza snaturarsi, senza “diventare una copia della destra” perche questo non sarebbe utile a nessuno. Il compito della Sinistra del futuro sarà quello di dare Speranza ai cittadini, lanciando messaggi semplici, chiari, non ambigui e che sappiano parlare al cuore delle persone. Dovrà tornare tra la gente, riconquistandosi con sudore e fatica quel ruolo di “collegamento diretto” tra popolo e rappresentanti che in questi anni è sempre piu appannaggio delle destre populiste. Solo cosi si potrà invertire la rotta, altrimenti dovremo prepararci al peggio. Perche dalla Paura nasce l’Intolleranza e l’intolleranza produce dei risultati orribili, come abbiamo già visto in Germania piu di sessantanni fa.

Europee, il PDL non sfonda, il PD non crolla


risultati

IL PDL non sfonda, anzi cala di due punti rispetto al 2008, il PD non crolla attestandosi attorno al 26% e perdendo quindi un 7% rispetto alle politiche dello scorso anno, quando i radicali, oggi al 2,4, si erano presentati nelle liste democratiche. Boom per l’Italia dei valori e Lega.

In tutta europa crolla la sinistra ed avanza la destra xenofoba, ora attendiamo i risultati delle amministrative per poter fare un bilancio globale.