In&Out, buon ritorno di #Santoro su Rai2, flop Rai3 con #Politics e La7 vola


5ott-italia-michele-santoro

Mercoledì è partito Italia, il nuovo talk di Rai2 che segna il rientro di Michele Santoro a Viale Mazzini. Esordio con 1.700.000 spettatori e più dell’8,5% di share. Buon ascolto, non da ‘periodo d’oro’ santoriano ma superiore al 4,5% di media che portava a casa ogni giovedì Virus, il programma di Nicola Porro che a sua volta aveva preso il posto di Santoro nella prima serata ‘politica’ di Rai2.

1473082951-politics-semprini

La direttrice di Rai2 Ilaria Dallatana può ritenersi soddisfatta. Non si può dire la stessa cosa per Daria Bignardi, alla guida di Rai3. Aver svecchiato la rete chiudendo Ballarò e consegnando il martedì sera a Gianluca Semprini non ha pagato. 2, 5% di share nelle ultime settimane, Politics non funziona e regala la vittoria della serata al concorrente DiMartedì su La7, con Floris, che veleggia oltre il 7%. Sempre sulla rete di Urbano Cairo buoni ascolti anche per Otto e mezzo, Piazzapulita ed il programma di approfondimento del venerdì sera con Enrico Mentana. Quasi quasi vien da pensare che il canone sarebbe più giusto pagarlo a La7 piuttosto che a Mamma Rai.

Annunci

Massimo Giannini condurrà Ballarò


Il vicedirettore di Repubblica Massimo Giannini sarà il nuovo conduttore di Ballarò. Cosi dice Tvblog:

Per Massimo Giannini, che lascerà il quotidiano romano, si tratta di una grande avventura personale ed una enorme scommessa per la Rai e per il direttore di Rai3 Andrea Vianello. Il contratto che legherà il giornalista di Repubblica con la Rai, secondo quanto apprendiamo, potrebbe avere la durata di un anno, periodo questo in cui Giannini si prenderà una aspettativa dal quotidiano diretto da Ezio Mauro. Se l’avventura dunque andrà bene, Giannini potrà replicare l’esperienza televisiva su Rai3 l’anno successivo, in caso contrario tornerebbe a Repubblica

Auguri a Blob, 25 anni di Italia sintetizzata in Tv


blob-25-anni-420x320

Uno dei miei programmi preferiti compie 25 anni. Sono cresciuto con Blob, una felice intuizione della Rai3 di Guglielmi. Ed ancora oggi ha il suo perchè. Auguri!

La prima puntata di Blob, 17 aprile 1989

gennaio 1994. L’Italia alla vigilia del ‘Miracolo Italiano’ berlusconiano

Antologia di Emilio Fede, dopo la cacciata dal Tg4

Per un pugno di Libri, la cultura si fa ‘gioco’


cultura tv

Il numero di oggi , pubblicato su Termometro politico, riguarda la ‘cultura in tv’.

In onda su Rai3 dal 1997, diventato ben presto un ‘cult’, Per un pugno di libri è un piccolo ‘gioiellino’ nel panorama televisivo italiano. Un programma in cui convivono cultura e gioco, intrattenimento e divertimento.

Il meccanismo è semplice. Durante la singola puntata si affrontano due squadre di studenti, ognuna delle quali rappresentante un istituto delle scuole superiori italiane. I ragazzi sono chiamati a rispondere a diverse domande inerenti il tema letterario in un vero e proprio ‘quiz’ il cui premio finale sono proprio i libri. La vittoria va alla classe che riesce ad accumularne in maggiore quantità. Inoltre in ogni puntata si parla di un singolo libro in particolare, il quale fa da filo conduttore al gioco.

Quest’anno il testimone della conduzione è passato nelle mani di Geppi Cucciari, che succede a Veronica Pivetti. Con l’arrivo della comica sarda la trasmissione ha subìto alcune modifiche nell’impostazione generale. Il programma le è stato ‘cucito’ addosso dando al tutto una impronta maggiormente comica ed ironica.

Un po’in disparte appare ad esempio il professor Piero Dorfles, uomo di cultura in quanto giornalista e critico letterario, memoria storica presente sin dalla prima edizione. Il suo ruolo è  quello di giudice. Tra un gioco e l’altro con i suoi interventi si analizza il romanzo della puntata e vengono forniti alcuni consigli di lettura agli ascoltatori. I siparietti ‘improvvisati’ tra Cucciari e Dorfles aumentano comunque la godibilità ma fanno perdere in qualche modo lo spirito strettamente culturale dello show.

A giocare non sono solamente gli studenti. Anche da casa gli spettatori possono partecipare telefonando per indovinare il titolo di un libro tramite l’utilizzo degli indizi forniti dagli stessi conduttori.

La nuova stagione ha subìto un leggero calo in termini di ascolti. Il programma si è attestato attorno al 3% di share. Lo scorso anno viaggiava tra il 4 ed 5% ma la messa in onda era alla domenica. Il tempo ci dirà se la scelta di spostare lo spettacolo culturale al sabato sarà stata lungimirante o meno.

The Newsroom, da stasera su Rai3


news

Questa sera un bel telefilm in onda su Rai3. The Newsroom: tratta di giornalismo, quello ‘serio’. Speriamo non floppi.

Da HP:
La redazione dell’Atlantic Cable News, la ACN, tuttavia è impossibile da vedere nella realtà: i giornalisti sono spinti esclusivamente dall’idealismo; si crede ciecamente in quel che si fa (il produttore esecutivo afferma con convinzione nel secondo episodio “Noi non facciamo buona televisione. Noi produciamo notizie”); si pensa che l’informazione non abbia padroni e che la verità, in un modo o nell’altro, riuscirà sempre a emergere. Quindi grandi inchieste, approfondimenti di spessore, interviste scottanti e alto senso del gironalismo.

Nuova stagione tv, ripartono trasmissioni, show e telefilm


L’estate televisiva volge al termine. Domani 9 settembre riparte la nuova stagione Tv, volti noti e nuovi arrivi arricchiranno i palinsesti delle reti televisive italiane.

DAYTIME E PRIME TIME

Iniziamo da Rai1. Uno Mattina si allarga, dalle 6 e mezza sino a mezzogiorno, quando passerà la linea ad Antonella Clerici per La prova del Cuoco.

Elisa Isoardi è in forte ascesa. Confermatissima, sarà lei a condurre il contenitore mattutino, dalle 6.42 di Unomattina con Duillio Gianmaria. A seguire alle 10.00 ecco Unomattina Storie Vere con Eleonora Daniele. Alle 10.30 Unomattina Verde ancora con Elisa Isoardi e Massimiliano Ossini. E infine, alle 11.30 Unomattina Magazine con Lorella Landi.

Il pomeriggio della rete ammiraglia sarà appannaggio del La Vita in Diretta condotta dalla coppia formata dalla da Paola Perego e dal giornalista, inviato speciale del Tg1 Franco Di Mare.

Il 16 settembre tornerà anche l’Eredità di Carlo Conti, programma alla 13esima edizione consecutiva. In onda dal 2002. Stasera poi Flavio Insinna condurrà il nuovo ciclo di Affari Tuoi mentre domani, in seconda serata Bruno Vespa riapre la terza camera con Porta a Porta.

Mattino Cinque torna con Federico Novella dal 9 settembre su Canale5. Anticipazioni e live su TvBlog

Canale 5 non sta a guardare. Mattino Cinque debutta domani alle 8.45 con la nuova coppia alla co-conduzione, formata da Federico Novella e Federica Panicucci.

Forum, da lunedì 9 settembre su Canale5. Anticipazioni e live su TvBlog

Partito la settimana scorsa Pomeriggio 5 con Barbara d’Urso, torna a mezzogiorno Forum, con una edizione completamente rinnovata e con la nuova conduttrice Barbara Palombelli. Il quiz show di Paolo Bonolis, Avanti un altro, debutterà il 16 settembre, in concorrenza con Rai1 e l’Eredità.

Piazzapulita, Corrado Formigli:

La7 risponde con PiazzaPulita, in partenza domani sera con l’affaire decadenza Berlusconi. Il 17 invece toccherà a Salvo Sottile ed al nuovo talk-crime ‘Linea Gialla’. Il concorrente ‘Quarto Grado’, su rete4, condotto da Nuzzi è già iniziato. Vedremo quale dei due sarà peggio.

Infine Rai3. Presadiretta già in attività da una settimana. Marted’ e mercoledì si aggiungono Ballarò e Chi L’ha visto.

E poi arriveranno gli show di prima serata. Io Canto, da stasera su canale5 e Pechino Express su Rai2. Poi a fine settembre l’ennesima trita e ritrita edizione di Ballando.

TELEFILM E SERIE TV

La seconda rete Rai si appresta ad una infornata di Serie tv. Ripartite ieri sera Castle ed Elementary. Arriveranno Criminal Minds, Blue Bloods e poi ancora NCIS e il suo spin off NCIS Los Angeles, oltre poi a The Good Wife. Tanti altri i telefilm in onda sulle varie reti free.

Ma venerdì 13 la scelta è davvero difficile perché su Rai2 parte la primissima stagione di Bates Motel, ispirata a Psycho di Alfred Hitchcock e che racconta l’infanzia di Norman Bates (Freddie Highmore), soffermandosi in particolare sul particolarissimo rapporto con la madre (Vera Farmiga).

Da giovedì 12 settembre su Italia 1 diamo il benvenuto al dottor Hannibal Lecter (protagonista de Il silenzio degli innocenti e qui interpretato Mads Mikkelsen) in versione televisiva con la prima stagione di Hannibal, serie nella quale lo spietato personaggio metterà la sua mente oscura e perversa al servizio dell’FBI.

Novità The Newsroom (Rai3), serie HBO che racconta il dietro le quinte di un tg e che può fregiarsi della creatività dell’apprezzato sceneggiatore Aaron Sorkin (The West Wing) mentre ad ottobre è in arrivo la prima stagione di Scandal con Olivia Pope (la magnetica Kerry Washington) che ci condurrà alla scoperta dei segreti dell’elite americana, dai multimilionari fino alla stanza dei bottoni della Casa Bianca.

Da lunedì 16 settembre su Rai4 si passa dalla barricata dei tutori della legge a quello dei criminali, con la terza stagione di Broadwalk Empire che ci permetterà di scoprire come verrano ridisegnati i rapporti di potere ad Atlantic City dopo la morte di James “Jimmy” Darmody, ucciso proprio nell’ultima puntata dell’annata precedente. Ed a settembre aceneranno in campo altri due pezzi da 90;

su Italia1 sbarca in prima visione free la prima stagione di The Following, con il duello tra l’ex agente dell’FBI Ryan Hardy (Kevin Bacon) e il serial killer Joe Carroll (James Purefoy), spietato criminale che per i suoi delitti si ispira, con i suoi “seguaci”, al maestro del mistero Edgar Allan Poe;

tutt’altra atmosfera su La7 per la nona stagione di Grey’s Anatomy

I militanti 5 stelle contro Milena Gabanelli, come volevasi dimostrare


report2

Lo anticipavamo ieri, puntualmente si è verificato. Report ha espresso perplessità sulla gestione finanziaria del M5S e subito Milena Gabanelli è diventata una traditrice al soldo di PD e PDL. L’arguzia di certi militani 5 stelle è pari a quella dei berlusconiani.

In&Out: Gazebo e Quinta Colonna, due modi diversi di usare ‘la piazza’


Gazebo e Quinta Colonna. Come rappresentare la ‘piazza’ in due modi diversi. Il primo, in onda la domenica in seconda serata su Rai3, ideato e totalmente gestito dal blogger Diego Bianchi, in arte ‘Zoro’, usa una sorta di ‘documentario’ per analizzare, dal basso, i principali avvenimenti politici.

Bianchi già da anni, con una semplice videocamera, ci mostra ‘la piazza’ confondendosi tra le persone, carpendo commmenti di semplici cittadini, di giornalisti e di personalità politiche. Un modo originale per fare informazione.

Con Gazebo si ha un salto di qualità ovvero ai filmati di Zoro si aggiunge il commento in studio, con lo stesso Bianchi assieme al giornalista dell’espresso Marco Da Milano ed aiutati dalle vignette satiriche di un autore d’eccezione, Makkox. Una delle parti più divertenti del programma è la ‘Top social’, in cui vengono mostrati i principali commenti ‘social’ degli esponenti politici italiani.

Un bel programma, ironico, che usa l’informazione per fare satira (e non solo). Gli ascolti lo danno attorno al 7%.

Ed ora arriviamo a Quinta Colonna. In onda su Rete4, la trasmissione condotta da Paolo Del Debbio incarna invece il peggior format possibile sul modo di utilizzare ‘la gente’. Ospiti politici scadenti, collegamenti frequenti con la ‘piazza’, il trionfo del populismo più becero, una sorta di mix tra Piazza Pulita, Servizio Pubblico e Barbara d’Urso. Un piccolo assaggio:

Roba da far venir voglia di cambiare canale. Eppure ha un discreto successo. Uno share tra il 7 e l’8% garantisce a Rete4 ascolti migliori rispetto alla media di rete, vicina al 6.