Pippo Baudo torna su Rai3, con ‘Il Viaggio’


Pippo Baudo torna in tv, precisamente su Rai3. Nessun programma musiciale, questa volta il ‘Pippo Nazionale’ si cimenta in una trasmissione culturale sulla scia di ‘Linea Verde’, con un tocco di storia, musica e spettacolo. Il Viaggio, ore 21.10, stasera:

davidemaggio.it

Sulle note di “Strada facendo” di Claudio Baglioni, il tour fa tappa in tutte le regioni, a cominciare dalla Toscana, terra che rivedremo anche nella quarta puntata del 24 settembre. Il via è a Cortona (in provincia di Arezzo), dove il conduttore incontrerà Jovanotti, che ormai da anni vive nel bel comune della Val di Chiana. Il camper salirà poi a Prato per ricordare con lo scrittore Edoardo Nesi la vecchia cittadina tessile, arricchita nel corso degli anni dalla manodopera cinese.

Tappa “obbligata” a Vergaio (frazione di Prato), dove Roberto Benigni ha trascorso la sua infanzia, per proseguire poi a Firenze, città “esplosa” di arte, nella quale Pippo Baudo incontrerà a Palazzo Vecchio il sindaco Matteo Renzi. Il camper sosta anche a Vinci (comune fiorentino) per visitare il Museo Leonardiano e “toccare” così il paese che ha dato i natali a Leonardo Da Vinci.

L’obiettivo del conduttore è il 10% di share, credo impossibile da raggiungere. Un  buon successo potrebbe essere uno share tra il 7 e l’8. Vedremo cosa dirà domani l’auditel.

 

Serena Dandini verso La7, addio a ‘Parla con me’


Serena Dandini ad un passo dal lasciare la Rai per La7. Parla con me rischia quindi la chiusura definitiva. Tutto questo per via dei problemi creatisi attorno ai contratti dei collaboratori della conduttrice. Dopo Santoro e Saviano, la Rai  rischia di perdere un altro pezzo importante:

Le trattative fra Dandini e La7 sarebbero infatti alla stretta finale, con la scadenza, per la decisione finale, di martedì prossimo, alla vigilia della prima riunione del Cda di Viale Mazzini di mercoledì 7 nella quale la dg Lorenza Lei si era impegnata a dire l’ultima parola sul contratto con la Fandango, rimasto in sospeso prima della pausa estiva. Ma i giochi potrebbero essere conclusi già questa settimana. Per convincere Dandini e la squadra di Parla con me si è speso in prima persona con grande impegno il neodirettore Ruffini: a La7 la conduttrice si occuperebbe di un nuovo programma, essendo Parla con me di proprietà Rai.

A parole, la Lei ad agosto aveva assicurato al Cda un via libera di massima della direzione generale alla ripresa di Parla con medal prossimo 28 settembre: la trasmissione della Dandini era prevista nei palinsesti autunnali.

 Ma il continuo sollevarsi di obiezioni tecniche alla firma del contratto con la Fandango sono da sempre state accolte con molta preoccupazione da Dandini e dal suo staff, sempre più convinti di una determinazione della direzione generale a ostacolare il più possibile la realizzazione dei programmi indicati come ‘sgraditi’ al premier Berlusconi.

Rai3, svolta moderata con la direzione per Maria Pia Ammirati?


Rai3 è senza direttore da quasi un mese. Paolo Ruffini ha lasciato il suo incarico per approdare a La7. Con l’inizio imminente della nuova stagione tv si rincorrono i nomi dei possibili sostituti.

Carlo Freccero ed Antonio Di Bella su tutti. Il primo guida Rai4 dopo aver diretto per anni Rai2. (Candido sostiene pubblicamente la sua nomina) Il secondo è stato direttore del Tg3 per sette anni e direttore di Rai3 per quasi un anno, prima che Ruffini venisse reintegrato dal giudice del lavoro.

Si parla anche di Lucia Annunziata, già direttrice del Tg3 e volto della rete con la trasmissione ‘In mezz’ora’. I nomi politici sono quelli dei due consiglieri Rai di area ‘democratica’, Van Straten e Rizzo Nervo, quest’ultimo ex direttore del telegiornale della terza rete.

Piano piano, però, si fa largo il nome di Maria Pia Ammirati, al momento vicedirettrice di Ra1. Un nome apparentemente sconosciuto ai più. Ho trovato una piccola biografia su BresciaOggi:

«Lo definisco il mio romanzo più tondo, più classico. Vengo da testi sperimentali; questo invece ha uno svolgimento regolare, mai sperimentato prima». Maria Pia Ammirati, dirigente televisiva, scrittrice e giornalista, che collabora alle pagine culturali di giornali e riviste (oggi scrive per il quotidiano Liberal), parla così di Se tu fossi qui (Cairo editore), che dopo un buon successo di vendite (10 mila copie), figura tra i cinque libri finalisti del Campiello edizione 49. Alle spalle l’autrice ha I cani portano via le donne sole, selezionato allo Strega 2001

La Ammirati scrive per Liberal, quotidiano vicino a Adornato e D’Onofrio, due membri dell’Udc, centrodestra quindi. Che Rai3 stia per svoltare a destra?

Un bel Concertone, schierato e senza ipocrisie


Un bel Concertone, chiaramente ‘schierato‘, senza ipocrisie. Perche la Piazza del Primo Maggio non è certo quella che insegue Bunga Bunga, Nani, Papi (in tutti i sensi) e ballerine. E non è neanche quella del populismo becero di certi movimenti federalisti. E’ la Piazza della Libertà, dei Diritti, delle Coscienze!

Iniziano Neri Marcorè, conduttore, e Luca Barbarossa con una parodia di Felicità, ribattezzata Immunità e dedicata al Re delle leggi ad personam.

Prosegono i Modena City Ramblers con ‘I Cento Passi’ e ‘Bella Ciao”.

Segue Ascanio Celestini che legge una ‘lettera immaginaria’ a Giuseppe Mazzini. Un omaggio alla Repubblica Romana, alla Laicità che essa portò in una Roma oppressa dal Potere Temporale del Papa Re, Pio IX. In tema, vista la beatificazione odierna di Karol Wojtyla, che santificò a sua volta proprio Papa Mastai Ferretti, l’ultimo Papa ‘Sovrano’.

E poi è il turno dell’ex PM Gherardo Colombo che, ricordando l’importanza della nostra Costituzione, invita ad andare a votare ai Referendum di giugno.

E poi ecco Camilleri che spiega il concetto di Patria.

Arriva il turno di Ennio Morricone che dirige un Va’ Pensiero mixato con Fratelli d’Italia precisando di voler ridare il giusto senso al brano del Nabucco, recentemente strumentalizzato  e trasformato in simbolo ‘contro’ l’Unità. Ogni riferimento alla Lega è puramente voluto.


Quanto scommettete che ben presto si faranno vivi i vari Gasparri, Cicchitto, La Russa, Straquadanio, Santanchè con attacchi netti al Concertone ‘strumento della Sinistra’, ‘megafono delle opposizioni’. E magari aggiungeranno qualche bella parolina anche per Rai3, Fazio, Floris e Dandini.

Viva Rai3, Viva il Concertone, Viva la libertà di opinione.

Su Rai3 stasera parte “Potere”, nuovo programma della Annunziata


Stasera, ore 23, arriva su Rai3 la nuova trasmissione di Lucia Annunziata. Potere. Leggiamo dal sito:

“Potere”, la serie di speciali di Lucia Annunziata.

Chi comanda davvero in Italia? La Seconda Repubblica ha portato cambiamenti sostanziali nella struttura di comando del Paese?

Questi gli interrogativi a cui prova a rispondere “Potere”, la serie di sei speciali di Lucia Annunziata, che si apre lunedì 28 marzo 2011 con un’inchiesta live sulla “Ricchezza”, in seconda serata su Rai3.

Fiat, Rcs, Magistratura, Quirinale, Populismo, i temi che verranno trattati nelle altre puntate.

Su Rai3 arriva Cosmo, nuovo programma condotto da Barbara Serra


Da domenica, in seconda serata su Rai3, parte un nuovo programma di divulgazione scientifica. Lo conduce la brava giornalista Barbara Serra, da anni volto di TvTalk. Spero abbia successo.

Dal sito del programma:

Indaghiamo sul passato, scopriamo il futuro: è la missione di COSMO. Una conduttrice: la giornalista Barbara Serra, tre inviate Silvia Bencivelli, Elisabetta Curzel, Alessandra Viola, con un curriculum scientifico, per scoprire nel mondo le tracce del nostro prossimo futuro. Con l’aiuto di scienziati, studiosi e testimoni del nostro tempo. COSMO, una squadra tutta al femminile per il nuovo programma di divulgazione scientifica della seconda serata di Raitre.

Barbara Serra, giornalista italiana con 10 anni di esperienza nei network di news internazionali (BBC e Sky News) e ora conduttrice di Al Jazeera English, è un volto già noto in Italia per aver collaborato come ospite fissa a “TvTalk”, in onda su Raitre. Ma questo è il suo primo impegno di conduzione in Italia.
Le inviate e i video-maker di Cosmo hanno già girato lunghi servizi (più simili a veri e propri documentari che a ”pezzi” televisivi tradizionali) in Italia, in Germania, in Inghilterra, negli Stati Uniti e in Giappone.

Dal Giappone, tra l’altro, le immagini e le testimonianze eccezionali degli studiosi dei terremoti, girate pochi giorni prima dello tsunami, in cui i geologi giapponesi prevedono il terremoto  e riflettono sui rischi sismici in un Paese come l’Italia. Ai due anni dal terremoto dell’Aquila e all’interrogativo di tutti gli scienziati del mondo (“Si possono prevedere i terremoti? E come?”) è dedicata la prima puntata di Cosmo, che va in onda domenica 27 marzo.

Barbara Serra si muove in uno studio per metà virtuale e per metà reale, nel quale avranno spazio ospiti ed esperti, tra cui Luca de Biase, direttore di Nova/Il Sole 24 Ore, e Marco Cattaneo, direttore de “Le Scienze”, ma anche videografiche tridimensionali che aiuteranno a comprendere gli elementi scientifici e la documentazione storica contenuti in ogni puntata.

Ideato da Gregorio Paolini e scritto con Enrico Menduni, Simonetta Martone, Isabella Angius e Daniel Visintin, per la regia di Nicola Prosatore, Cosmo è prodotto da Rai3 in collaborazione con Hangar. Cosmo va in onda per 11 settimane la domenica sera su RaiTre in seconda serata, dopo Report.

Orfani di GLOB….grazie al Caimano


Ricordate “GLOB, l’osceno del villaggio“? Era un bel programma di RaiTre condotto da Enrico Bertolino, in onda la domenica sera dopo le 23.00. Purtroppo da quest’anno, per decisione di Masi e dei suoi amici, la trasmissione è stata cancellata e sostituita da “l’Almanacco del Gene Gnocco”. Con tutto il rispetto per Gnocchi credo che il nuovo spazio satirico lasci molto a desiderare. Una comicità che non “buca il video”, a volte incomprensibile. Davvero poca cosa in confronto al programma di Bertolino, che parlava di comunicazione, tv e satira in modo gradevole e spigliato.

Peccato aver dovuto rinunciare a GLOB. Soprattutto perche il rimpiazzo non è decisamente all’altezza.

PS: Stasera, nella trasmissione Parla con me, dovevano essere mandati in onda i minuti finali de Il Caimano, film di Nanni Moretti. Marano ha detto di no. CensureRAI….

Vieni via con me, ultima puntata. Video ed immagini


Piu di otto milioni e mezzo di ascoltatori, con quasi il 30% di share, hanno salutato la fine di Vieni via con me, programma evento di Rai3. Fabio Fazio e Roberto Saviano sono riusciti a confezionare un ottimo prodotto, di qualità, interessante, non banale. Il direttore di Raitre Ruffini pensa di poter ripetere quanto prima l’esperimento. Credo sarà difficile anche perche nel 2011 scadrà il contratto di Fazio e se per quell’epoca sulla poltrona di direttore generale siederà ancora Masi sarà difficile una riconferma del conduttore ligure. Si accamperanno scuse di danaro, naturalmente. Come per Vieni via con me. Chissà che tra 6 mesi qualcosa sarà cambiato a Viale Mazzini.

Di seguito una sintesi dell’ultima puntata, condite da alcune belle immagini tratte dal sito di facebook del programma:

 

Monologo Saviano su L’Aquila

Piero Grasso, l’elenco delle cose che servono per combattere la Mafia

Dario Fo, l’elenco delle cose che ancora oggi Machiavelli avrebbe da dire a chi governa il popolo italiano

Milena Gabanelli, l’elenco delle cause che incombono su Report

Fazio-Saviano, andarsene o restare perche

Saviano, la Costituzione

Fazio, le cose che ho imparato facendo questa trasmissione

Immagini: