Clamoroso recupero di Berlusconi, a pochi punti dal CentroSinistra ed in testa in Lombardia e Sicilia?


ELEZIONI 2013 copia

Un sondaggio di SWG per la trasmissione di Rai 3 Agorà da a soli sei punti la differenza tra la coalizione di Bersani e quella di Berlusconi. 32 a 26 per l’agenzia di Weber.

Anche la Euromedia Risearch di Ghisleri da poco piu di quattro punti di differenza tra CentroSinistra e Centrodestra. I 15 punti di un mese fa sono un ricordo.

s1 s2 s3 s4

Il martellamento mediatico di Berlusconi e la ‘nullità’ politica della campagna elettorale di PD e Sel hanno permesso al Cavaliere di recuperare molto terreno. L’ultimo mese elettorale sarà determinante per evitare una clamorosa (quanto tragica) vittoria finale per Berlusconi e soci. Le strategie politiche future, i probabili colpi di scena del Caimano e una eventuale sua condanna giudiziaria durante le prossime settimane potranno cambiare le carte in tavola in un senso o nell’altro. Una cosa sola è chiara, mai dare Berlusconi per spacciato.

Da segnalare che IPSOS per Ballarò continua a dare un distacco netto, superiore al 10%, tra le due coalizioni:

sondball

Tutto si giocherà comunque al Senato. ISPO ed Euromedia hanno effettuato, per Porta a Porta, alcuni sondaggi sulle ‘regioni in bilico’ . Questa sera vediamo quelli relativi a Lombardia e Sicilia:

In Lombardia, per Euromedia, è in testa il Centrodestra:

gl1 gl2

Anche per ISPO la coalizione di Berlusconi conduce in Lombardia, per il Senato:

ml1 ml2

Nella regione Sicilia l’esito del sondaggio non cambia. Euromedia ed ISPO sono d’accordo, conduce il Centrodestra:

gs1 gs2 ms1

Centrodestra, 11 liste per la rimonta di Berlusconi ed il pareggio al Senato


I sondaggi lo danno in rimonta.L’ultimo (EMG, La7) da il PDL al 18,4 con piu 2 punti% mentre il PD scende al 32.4 perdendone 2. Il CentroSinistra cala al 37, il Centrodestra sale quasi al 28. Da 15 punti di differenza a meno di 10 in un mese. C’è poco da fare, Santoro o no, Berlusconi sta recuperando elettori. Il tour mediatico da i suoi effetti. Rimotiva i suoi, recupera i delusi (facendo calare Grillo) e si avvicina a quel 20% che significherebbe sicura parità al Senato della Repubblica.

Il CentroSinistra è in difficoltà soprattutto in Campania e Sicilia, dove va forte la coalizione di Ingroia. I premi regionali per Palazzo Madama sembrano essere in bilico anche per queste due regioni. In Lombardia e Veneto l’asse PDL-Lega mette in sicurezza il Cavaliere. Senza vittoria in almeno tre di quelle quattro regioni Bersani non avrà maggioranza al Senato. Ed il Cav torna in pista per un accordo politico.

E per provare a vincere, raccattando qualsiasi voto possibile, Berlusconi ha creato una megacoalizione costituita da ben 11 partiti. Oltre a Pdl, Lega e La destra vi sono altri mini partitini atti a prendere lo zero virgola di qua e di la per avere un computo totale più ricco di come potrebbe essere per una coalizione smart di soli 4 partiti.

Il tempo.it Il Cavaliere guiderà una alleanza di centrodestra formata innanzittuto dall’asse Pdl-Lega al Nord mentre per il Sud ci sarà la lista di stampo meridionalista «Grande sud» promossa da Gianfranco Miccichè e sostenuta da alcuni governatori del Pdl, insieme alla formazione politica autonoma di Raffaele Lombardo, Mpa-Pds. Ci saranno inoltre «Fratelli d’Italia-Centrodesta nazionale» del tridente La Russa-Meloni-Crosetto, il «Mir» dell’imprenditore Samorì, «La Destra» di Francesco Storace, «Intesa popolare» di Giampiero Catone, i «Pensionati» di Fatuzzo. «Rinascimento Italia-Lista del merito» di Arturo Artom sarà alleata del Pdl al Senato mentre correrà da sola alla Camera. Tra le new entry, apparentate con il partito di Berlusconi c’è una lista «Anti Equitalia» presentata dal movimento Noi consumatori fondato dall’avvocato napoletano Angelo Pisani, presidente della municipalità di Scampia