M5S, iniziano i malumori


m5s

A un certo punto Beppe è sbottato: «Se vogliono Renzi se lo tengano, si vede che è questo che desiderano. Io con la politica chiudo». Nelle lunghissime ore di riunione sotto la Madonnina alla fine il proposito è stato fermato. Da Casaleggio e anche da alcuni dei fedelissimi, terrorizzati dall’idea di un movimento acefalo e sulla via della dissoluzione. «Il Movimento non è ancora pronto per camminare sulle proprie gambe- dice una deputata molto vicina ai vertici – Se Grillo lasciasse, sarebbe l’inizio della fine».

Alla fine la soluzione tampone è stata quella del video sul blog, con lo scopo di rassicurare lo zoccolo duro dai fantasmi della dissoluzione: «Restiamo qui a fare l’opposizione». Dietro le quinte non manca un certo vittimismo: «Il risultato di Renzi è dopato. Berlusconi gli ha trasferito interi pacchetti di voti, soprattutto nel Sud», spiegano fonti dello staff grillino. «Il Cavaliere ha speso gli ultimi giorni solo per buttare fango su di noi, regalando questi numeri al Pd». I numeri delle amministrative sono un’altra doccia fredda: terzi in Piemonte e Abruzzo, sotto il 10% a Firenze e Bari. Un’altra debacle. (L’Unità)

Sembra che Grillo, dopo la sconfitta di domenica, sia stato sul punto di lasciare, fermato solo da Casaleggio e da altri fedelissimi.
Non so quanto sia attendibile la fonte ma, fosse vero, denoterebbe l’immaturità della persona. Se sei convinto delle tue idee, le porti avanti comunque, anche quando perdi. Sarebbero comprensibili le dimissioni se fosse un leader eletto. Ma essendo un leader ‘morale‘ non se ne può andare perché la.gente.non gli ha dato retta. È come il bimbo che se ne va perché ha perso portandosi via il pallone ed impedendo agli altri di giocare.

Abbassare i toni, proporre progetti realizzabili e farsi paladini della buona politica, possibilmente eliminando la ‘spocchia’ tipica di tutti gli eletti nel movimento. Solo così i 5 stelle potranno ‘durare’, altrimenti faranno la fine di una Idv qualsiasi.

Europee, in diretta con il blog


EURODIRETTA
Seguite le elezioni europee ed amministrative nella diretta del blog. Exit poll, dati, sondaggi sul voto. Da questa sera alle 18 a domani sera alle 23.00. Fonti: Termometro Politico, Il Post, Repubblica.it, Polisblog, Ansa, elections2014.eu, Lettera43

23.15. Spagna: crollano Popolari e Socialisti. eldiario.es @eldiarioes RESULTADOS: Derrumbe del bipartidismo PP 26,03% (42,1%) / PSOE 23,04% (38,7%

23.00 Primo exit poll in Italia: primo Pd, secondo M5s, terzo Forza Italia. Secondo l’istituto EMG La7 dai primi exit poll il Pd sarebbe al 33%, M5S al 26.5, Forza Italia 18%, Lega Nord 6%, L’Altra Europa con Tsipras 4,2%, Ncd-Udc-Ppe 4%, Fdi 3,8%, Sc 1,3%, Verdi 1-1,5%.

Secondo invece gli Secondo gli intention poll realizzati dall’Istituto Piepoli-Coesis Research per l’ANSA il Pd è al 29,5-32,5%, M5s al 25-28%, Forza Italia al 18-20%. Ndc-Udc al 5-7%, Lega Nord 4,5-5,5%, L’altra Europa con Tsipras al 3,5-4,5%, Fratelli d’Italia-An al 3-4%, Scelta Europea al 2-3%, a

 22.40 I Popolari dovrebbero essere maggioranza relativa in Parlamento UE. electionista         @electionista @TNS_opinion estimate of seats: EPP 211 S&D 193 ALDE 74 GN/EFA 58 GUE/NGE 47 ECR 39 EFD 33 Others 96

Visualizza l'immagine su Twitter

22.20 Portogallo, in testa i socialisti
Secondo gli exit poll delle elezioni europee in Portogallo, il Partito socialista ottiene tra il 32% e il 37% delle preferenze, arrivando così ad avere tra otto e 10 eurodeputati. L’Alleanza Portogallo (composta da Centro democratico e sociale e da Partito popolare), conservatrice e cristianodemocratica e sostenitrice del governo del primo ministro socialdemocratico Pedro Passos Coelho, registra tra il 26% e il 30%, ottenendo tra sette e otto deputati.

22.00 L’estrema destra avanza in mezza Europa. 10% en Grecia 13% en Finlandia 25% en Francia 22% en Reino Unido 20% Austria 15% Hungria

21.50 In Danimarca in testa gli euroscettici del Danish People Party. Secondo i primi exit poll diffusi, quello che si prefigura è un vero e proprio boom degli Euroscettici che otterrebbero il 23,1% delle preferenze.

21.15 Romania, exit poll: centrosinistra avanti al 42%. (Repubblica.it) Nelle Europee in Romania la coalizione di centrosinistra che attualmente guida il governo, e che è formata da Socialdemocratici, Unione nazionale per la Romania e Partito conservatore, è al 42% delle preferenze, secondo i primi exit poll pubblicati da Mediafax. Al secondo posto il Partito liberale, è distaccato di quasi 30 punti percentuali avendo raccolto tra il 13% e il 15%. Seguono i democratici-liberali tra il 10% e il 12%. Il partito movimento popolare, sempre di centrodestra, si attesta attorno al 6%.

20.15 Francia: Front National primo partito, crollo dei Socialisti. expansioncom         @expansioncom El Frente Nacional gana en Francia según los últimos sondeos, con el 25,4%. (vía @lemondefr) pic.twitter.com/XPB2qhgtAu

Visualizza l'immagine su Twitter

19.30 (Lettera43) IRLANDA: INDIPENDENTI IN TESTA. Secondo un exit poll pubblicato dalla televisione irlandese Rte, l’unica e parziale indicazione disponibile al momento per il voto in Irlanda, segnala che lo Sinn Fein è diretto verso la conquista di un seggio europeo eletto nella circoscrizione di Dublino e calcola per le europee un’affermazione al 17% in crescita rispetto al 10% registrato nelle ultime elezioni politiche.
Gli indipendenti sarebbero in testa con il 27%, seguito da Fine Gael (centro-destra) al 22%, il partito laburista in calo al 6%. In aumento i Verdi al 6%.

19.30 +++ Europee: affluenza ore 19, si profila intorno al 43% +++

19.25. Ucraina, il ‘re del cioccolato’ vince al primo turno. +++Presidenziali Ucraina, exit poll: Poroshenko al 55,9%, Tymoshenko al 12,9%+++ .

19.20. I neonazisti (NPD) in Germania potrebbero ottenere un seggio Guillaume Duval @gduval_altereco résultats en sièges en Allemagne et evol depuis 2009 pic.twitter.com/kkcAcREElw

Visualizza l'immagine su Twitter

18.35.  – ARD comparison 2009 vs 2014: SPD +6.8%, FDP -7.9%.  Open Europe @OpenEurope German exit poll: CDU/CSU 36%, SPD 27.5%, Greens 10.5%, Die Linke 7.5%, AfD 6.5%, FDP 3%. Turnout = 47%

18.31: Syriza prima in Grecia #Greece #ep2014 exit poll (@NeritNetwork): Syriza 26-30% ND 23-27% Elia 7-9% Golden Dawn 8-10% To Potami: 5-7% KKE 5-7% Ind Greeks 4-5%

18.30 Amministrative 2014. Non solo europee. Si vota anche in Piemonte ed Abruzzo per le Regionali ed in tantissime città medio-piccole per le Comunali. Eccone alcune: Pescara, Potenza, Bergamo, Cremona, Ascoli, Bari, Foggia, Sassari, Caltanissetta, Firenze, Livorno, Prato, Perugia, Padova.

18.20: Austria: Guadagnano gli euroscettici del Fpoe. (Fonte TP) Prime proiezioni del voto per le europee in Austria:i popolari Oevp restano al primo posto con il 27,8% (-2,2%), i socialdemocratici Spoe stabili al 23,7%, mentre il grande vincitore sarebbe il partito di destra euroscettico Fpoe, terzo con il 19,9% (+7,2%). I seggi hanno chiuso alle 17 e le proiezioni sono sul 18% delle schede, secondo l’agenzia Apa.

18.00
Alcuni dati sulle elezioni europee:

– 400 milioni: gli aventi diritto al voto nei 28 Paesi Ue
– 16.351: i candidati
– 948: le liste presentate
– 751: i componenti del nuovo Parlamento
– 25 eurodeputati da 7 Paesi: requisiti minimi per formare un gruppo parlamentare
– 8: i gruppi in cui è suddiviso il Parlamento uscente
– 43%: la quota degli aventi diritto che ha votato nel 2009