Ballottaggio Primarie, vince Bersani con più del 60%


Ho votato in mattinata. Al seggio ho incontrato una signora anziana, aveva più di cento anni. Accompagnata dalla figlia, ha voluto ugualmente partecipare alle primarie portando il proprio contributo. Staffetta partigiana in tempo di guerra, era li davanti a me, fragile nel corpo ma testarda ed ancora vispa nella voglia di partecipazione.

Buone primarie a tutti!

le dirette:

Il Post

Huffington Post

Repubblica.it

La nostra diretta

22.30
Bersani: “Senza profumo di sinistra non sarei io”. “Devo ringraziare la mia famiglia e gli oltre 100mila volontarie. E subito dopo i socialisti e Vendola. A lui va un saluto particolarissimo. Mi ha invitato a far sentire un profumo di sinistra, francamente se non me lo sentissi addosso non riconoscerei il mio odorato”. Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani durante la conferenza stampa dopo la sua vittoria alle primarie.

bersani2

22.15
“Le primarie sono una vicenda positiva in una fase cruciale per il Paese, adesso ci attendono le elezioni e non è una elezione normale, ma un terremoto”. Così Massimo D’Alema parlando con i giornalisti al teatro Capranica dove è atteso a minuti l’arrivo di Pierluigi Bersani. “Il Pd ha dimostrato di essere una forza solida. Si è voltata pagina rispetto all’idea che i partiti sono il male del Paese”. Poi annuncia che non si ricandiderà.

la72

22.10
“A questo punto Bersani è fortissimo. Ora usi il potere che ha”. Lo afferma a Skytg24 Romano Prodi, che non rende noto il suo voto alle primarie. Prodi aggiunge: “Le polemiche degli ultimi giorni non hanno giovato a Renzi”.

sky3

21.55

Renzi in diretta su La7 da Mentana: ” no agli accordi vecchia maniera, ho perso e non voglio posti”

la7

21.40
Da Huffington Post, il discorso dello sconfitto: Renzi: “Mi scuso per i miei errori” #primarie #pday

“Noi non volevamo fare una battaglia di testimonianza, noi volevamo prendere in mano il governo del paese e non ce l’abbiamo fatta. Siamo rammaricati per aver perso, e io ho commesso qualche errore, e per questo chiedo scusa”. Lo ha detto Matteo Renzi, parlando alla Fortezza da Basso, a Firenze, come mostrato in diretta da Sky TG24.

renzi2

21.00
Palazzo Chigi diventa ‘palazzopigi’.
Un tweet di Teresa Scherillo si spinge oltre e battezza anche l’avvento del leader democratico al governo. Palazzo Chigi diventa #palazzopigi.

20.55
Su Radio2Rai, nello speciale Un giorno da pecora sulle primarie, si parla di alcuni elettori respinti ai seggi per mancanza di certificato elettorale.

radio2

20.50
Su SkyTg24 i risultati di metà scrutinio. Bersani conduce con più del 60%.

sky2

20.40
Su La7, ad In Onda, i risultati delle votazioni nel resto del Mondo. Bersani al 62% nelle circoscrizioni estere.

esteri

20.30

Renzi ‘ammette’ la sconfitta.

renzi

20.25
Il comitato Renzi ha altri dati. I dati parziali forniti in questo momento dal sito di Renzi: Bersani 57,52 per cento, Renzi 42,48 per cento.

20.20
TgCom24 da notizia del sondaggio di Piepoli sul ballottaggio. Bersani conduce con il 61,5%

Tgcom24

20.00
Huffington Post. Puglia: “-22% di votanti” #primarie E’ in calo del 22% in Puglia, alle 17, l’affluenza dei votanti al ballottaggio delle primarie del centrosinistra dove l’uscita di scena al primo turno del governatore, Nichi Vendola, potrebbe aver avuto un peso per tenere alcune migliaia di persone lontano dai seggi. Alle 17, e quando mancano i dati di cinque sezioni della provincia di Foggia, hanno votato 85770 persone contro le 110.544 di domenica scorsa.
Vendola ha votato Bersani, cosi come pubblicizza lo stesso Governatore su twitter

primarie vendola

19.30
Alle 17.30 l’affluenza era di 2 milioni e 300 mila votanti, un calo del 7% rispetto al primo turno. Su SkyTg24 è gia attiva la diretta sulle Primarie. Io vedrei bene Franceschini come nuovo segretario del dopo Bersani.

sky1

Primarie, domani rischio caos durante il voto


https://i1.wp.com/images.style.it/Storage/Assets/Crops/62143/112/70844/primarie-pd-voto_650x447.jpg

Domani gli elettori delle primarie potrebbero trovarsi di fronte ad un caos generalizzato. Le manovre di Renzi, che ha invitato a presentarsi ai seggi anche i cittadini non in possesso di certificato elettorale, presumibilmente provocheranno un aumento dell’afflusso di votanti.

I funzionari di seggio, i quali dovrebbero avere istruzioni precise di far votare solo gli elettori muniti di documento d’identità, tessera elettorale e certificato elettorale, saranno chiamati a respingere decine di elettori.
A quel punto però subentrerà un altro problema. Non saranno poche le persone che, pur votando al primo turno, avranno dimenticato/perduto il certificato elettorale. Potranno ugualmente votare? Non è dato sapere. I rappresentanti renziani, sguinzagliati in ogni dove, si opporranno al loro voto?

Domani si rischierà davvero il caos, con lunghe file e nervosismo diffuso.

Bersani si commuove in tv mentre Renzi calpesta le regole delle primarie


Eccolo qui Bersani. Un politico navigato ma anche un uomo che si commuove rivedendo i suoi genitori in un video di tanti anni fa. Si può pensare quel che si vuole della politica, delle idee ma a volte bisogna anche soffermarsi sulle persone. Pierluigi Bersani è un uomo per bene. Una brava persona. Semplice, schietta, solida.

Renzi invece passa il tempo a piegare le regole a suo favore, calpestandole in nome della voglia di vincere. Lo ha fatto oggi infrangendo il divieto di pubblicità elettorale, peraltro ingannevole.

Roma, 29 nov. (Adnkronos/Ign) – I Comitati di Pierluigi Bersani, Bruno Tabacci, Nichi Vendola e Laura Puppato hanno presentato un esposto al Collegio dei Garanti per denunciare la “palese violazione del ‘Codice di comportamento dei candidati’ alle primarie del Centrosinistra e dei ‘principi regolamentari’ da parte del candidato Matteo Renzi”.

 I firmatari dell’esposto (Paolo Fontanelli per Bersani, Pino Bicchielli per Tabacci, Gianluca Zuccari per Puppato e Loredana De Petris per Vendola) fanno riferimento alle pagine a pagamento su alcuni quotidiani di oggi sulla registrazione per il ballottaggio di domenica per dire che “tale pubblicazione è in aperta violazione con il Codice di comportamento dei candidati e con i principi regolamentari”.

 L’esposto spiega, tra l’altro, che l’inserto è “riconducibile al candidato Matteo Renzi” perché “specifica che ‘è possibile inviare la richiesta (di registrazione) tramite il sito http://www.domenicavoto.it. Tale sito è creato e gestito dalla Fondazione Big Bang fondata dallo stesso Matteo Renzi e diretta dal Comitato di Matteo Renzi”. I rappresentanti dei Comitati parlano di “pubblicazione ingannevole” e sottolineano: “E’ evidente che il candidato Matteo Renzi sta tentando artatamente di modificare in maniera consistente la base elettorale dei votanti per il turno di ballottaggio”

Indovinate un po’ chi era quello che piegava sempre le regole a proprio favore, calpestando il diritto e la giustizia? Si chiama Silvio.

Se andiamo alla politica vera poi, Bersani ha una piattaforma di Sinistra, Socialdemocratica. Renzi invece parla come un liberaldemocratico, uno di centro che guarda a destra.

Nessuna esitazione domenica. Votiamo Bersani per far vincere il CentroSinistra.

Primarie, si vota: diretta web, Bersani al 44%, Renzi al 36%


Ci siamo, oggi il CentroSinistra sceglie il proprio leader per le prossime elezioni politiche. O meglio, cerca di sceglierlo. Le variabili sono infatti diverse. Una vittoria di Bersani metterebbe d’accordo tutti. Un successo di Vendola distruggerebbe la coalizione, con i centristi in fuga verso Montezemolo, lo stesso PD entrerebbe in una crisi grave. Il trionfo di Renzi cambierebbe tutto. Probabilmente il CentroSinistra ne uscirebbe diverso, maggiormente aperto al centro e con forti emorragie a sinistra.

Peraltro non è affatto detto che il candidato leader dei democratici e dei progressisti, una volta svoltesi le elezioni, possa realmente diventare Premier. Ottenere una maggioranza netta in Parlamento, al momento, è difficile. Si dovrà quindi trattare con le altre forze presenti a Montecitorio e Palazzo Madama.

Comunque oggi si vota. Già un milione e mezzo gli iscritti online, si prevedono tra i tre ed i quattro milioni di elettori alle Primarie 2012. Maggiore sarà l’affluenza, maggiori le speranze per Renzi. Da evitare assolutamente un ballottaggio Renzi-Vendola.

Spoglio in diretta

23.20
Bersani: “Giornata straordinaria, non me la si rubi” “E’ stata una giornata straordinaria, non me la si rubi perché l’ho voluta io”. Lo ha affermato il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, arrivando al suo comitato elettorale nel centro di Piacenza. “Ho sentito Renzi, gli faccio un abbraccio, ma mi ha detto che io ho accettato la sua proposta di fare le primarie. Questo non lo posso accettare…”. E ancora: “Credo che tutti e cinque dovremo fare qualcosa assieme, magari gli offro una birra”.

23.00
In Lombardia Bersani in vantaggio con il 45,76% Con circa metà dei seggi scrutinati, Pier Luigi Bersani è in testa in Lombardia con il 45.76%. Matteo Renzi è al 37.09%, Nichi Vendola al 12,67% e Bruno Tabacci all’1,34%. Speciale Tg3 condotto da Bianca Berlinguer.

22.55
Pier Luigi Bersani in netto vantaggio alle primarie del centrosinistra nelle regioni del Sud. In Sicilia, a metà dello scrutinio, è al 51.32%, contro il 30,35% di Matteo Renzi e il 15,7% di Nichi Vendola. In Campania (un-terzo dello scrutinio), Bersani è al 50,9%, Renzi al 25,36%, Vendola al 18,8%

22.50
Bari, a metà dello spoglio, Vendola è al 50,7%, Bersani 30,4%, Renzi 16,8%. Speciale Primarie anche su Repubblica.it

22.40
Dato nazionale, 3662 seggi su 9232: Bersani 44,6%, Renzi 36,49%, Vendola 14,76%, Puppato 2,96%, Tabacci 1,19%, bianche/nulle 0,22%

22.00
Nico Stumpo (organizzatore Pd) “910405 voti validi, Bersani 44,6%, Tabacci 1,2% Puppato 3% Vendola 14,4% Renzi 36,9% ” (voti scrutinati).

21.25
Su RaiNews Piepoli fornisce i suoi exit poll. Bersani al 44, Renzi al 36

21.15
In diretta su Sky Lorenzo Pregliasco dell’istituto Quorum. Il sondaggio dà Bersani tra il 44 ed il 48%. Conosco Pregliasco, scriveva su un forum di politica che frequentavo. Una volta gli avevo detto che sarebbe andato a finire in Tv!

21.10
E’ partita la diretta di SkyTg24 sulle Primarie. Conduce il giornalista Paolo Fratter. Molti gli inviati nei vari quartier generali.

21.00
Da Il Post apprendiamo dei primi esiti locali. Massimo Mattei, assessore a Firenze, dice che i «primi risultati in città e in provincia sono clamorosi: Renzi in testa alla grande». Nicola Fratoianni, del comitato Vendola, dice che nei primi seggi in Puglia è in vantaggio Vendola.

20.45
Più di 3 milioni e mezzo i votanti. Huffington Post. La prima proiezione sull’affluenza finale alle primarie del centrosinistra è di 3 milioni e 600 mila elettori. La ha fornita l’Istituto Quorum a SkyTg24, sulla base delle rilevazioni sui votanti effettuate alle 16.

20.30
Alle 20 si sono chiusi i seggi. Alle 17.30 avevano votato quasi 2 milioni e mezzo. Si prevede quota 3,5-4 milioni. Sondaggio di Piepoli, con ampio margine di errore: Bersani 44%, Renzi 36%, Vendola 16%, Puppato 3%, Tabacci 1%.

 

la diretta pre voto

10.00
Discussione con amici ieri sera. Su otto persone, quattro voteranno. Tre per Renzi, uno per Bersani (il sottoscritto). Le motivazioni del voto a Renzi sono varie. In generale lo si vede come  rappresentante del ‘cambiamento’.

10.30
Impressioni al seggio. Poca gente, tutti anziani. Nel mio seggio Bersani vincerà facile.

13.00
Ha già votato più di un milione e mezzo di elettori. Si prevede una affluenza boom

15.00
Su twitter si è diffuso l’hashtag #csxsiamo per raccontare le primarie viste dagli elettori

15.30
Secondo Termometro Politico, raffrontando i dati delle Primarie 2009 con quelle di oggi, Bersani appare in netto calo e Renzi potrebbe tallonarlo da vicino nel risultato finale.

16.00
Alcuni siti dove seguire la cronaca dell’evento. Primariecsx.tumblr.com , Huffington Post

16.20
Secondo Termometro Politico, l’alta affluenza sposta la bilancia verso Matteo Renzi. Il sindaco di Firenze è dato al 43%, nettamente dietro Bersani al 34%. Berlusconi può tirare un sospiro di sollievo.

17.00
Comincia a spargersi la paura di una netta affermazione di Renzi. Il Presidente della Toscana Rossi sentenzia: ”Se vincesse Renzi il centrosinistra si spaccherebbe, con lui candidato alla presidenza del Consiglio molti non andrebbero neppure al voto”

18.00
Il Post ricorda dove poter seguire live lo spoglio delle schede delle primarie. Dalle 20.00 di questa sera: “Dalle 20.30 fino a mezzanotte ci sarà uno speciale TG3 su RaiTre, così come su TGCOM24 (dalle 21.30) e su RaiNews24 (dalle 20.30) che avrà come ospite il sondaggista Nicola Piepoli che comunicherà le previsioni dei risultati. Su La7 il risultato del voto sarà seguito dal programma In Onda di Nicola Porro e Luca Telese, a partire dalle 20.30. Tra i canali a pagamento, su Sky ci sarà la diretta continua sul canale 504, Sky Eventi. A partire dalle 22, in attesa del risultato e dopo, ci sarà un dibattito con diversi giornalisti. SkyTg24, che sta seguendo la giornata con diverse interviste e approfondimenti, è visibile online qui.”

18.40
Polisblog
riferisce sul voto di Renzi al suo seggio: Lunga lunga fila quella che sta affrontando Renzi a Firenze. Il sindaco inganna il tempo chiacchierando con i concittadini, tra dati sull’affluenza e telefonate con sostenitori della Puppato.

19.15
Giorgia Meloni, deputata Pdl, si presenta nella sede Pd di Via dei Giubbonari a Roma:

19.30
Termometro Politico fa marcia indietro ed ora pronostica un vantaggio, seppur risicato, per Bersani. “19.10 Una previsione a spanne (non certificata come attendibile) vedrebbe Bersani tra il 37-43% e Renzi tra il 33% e il 39%

Sconfitta Borsellino, fare quadrato su Bersani per arginare la deriva ‘centrista’


Quanto avrà goduto ieri sera Veltroni? E quanto saranno soddisfatti tutti quelli del Pd che puntano a buttare a mare la storica alleanza con Italia dei Valori e Sinistra ecologia e libertà per gettarsi tra le braccia di Raffaele Lombardo e dei cattotalebani dell’Udc?

Che bella coalizione quella tra Pd e Terzo Polo. Ex fascisti come Fini e Bocchino, ora riciclatisi come ‘liberali’; ex radicali come Rutelli fulminati sulla via del Vaticano; i democristiani di Casini e Lombardo. Quali politiche ‘progressiste’ potrebbe fare una coalizione del genere? Quali risposte ai tanti giovani senza diritti sociali e civili? Quali proposte per i tanti temi etici ancora senza soluzione?

Al momento, seppur controvoglia, credo sia dovere di ogni buon democratico fare quadrato attorno a Bersani per impedire che le derive neocentriste di Veltroni, Letta e soci possano distruggere il Partito Democratico relegandolo a ‘portatore d’acqua’ della Nuova Dc di Casini. Dopo Monti, un nuovo Monti sostenuto dall’inedita coalizione Pd-Pdl-terzo Polo? Una immagine ORRIBILE, uno STUPRO per gli ideali di chi si è sempre battuto per la Giustizia Sociale e per la crescita della nostra Società.

Immagino che una delle prime richieste dei ‘centristi’ democratici sarà la ‘testa’ del responsabile della politiche del Lavoro, Stefano Fassina, bersaniano ed ancorato ai valori della Sinistra e dei Progressisti europei. Mi auguro la richiesta venga rispedita al mittente cosi come qualsiasi ipotesi di Congresso straordinario.

Inutile nascondere le differenze che esistono tra la visione politica del Pd e quella di Idv e Sel. I diversi approcci sulla Tav, sulla politica estera etc.  Sappiamo bene però che in un momento in cui i ceti piu deboli aumentano di numero, l’Europa chiede ed impone la ‘mannaia ‘ sui diritti di chi ce li ha per dare ‘le briciole’ agli altri… serve un CentroSInistra forte che bilanci la Sinistra riformista con quella alternativa per trovare la giusta quadra. Un Pd alleato con il centro vuol dire politiche economiche totalmente appiattite sugli imprenditori, politiche sociali e civili blande e la perdita di ogni identità della Sinistra.

Una disgrazia per chi crede in un mondo che non sia solo figlio del Capitale e dell’Individualismo.

PD, Bersani eletto ufficialmente segretario, Bindi Presidente, Franceschini capogruppo alla Camera


bersani

L’Assemblea Nazionale del PD ha eletto Pierluigi Bersani come segretario del partito. Rosy Bindi Presidente, Enrico Letta vicesegretario. Franceschini sarà capogruppo alla Camera, Sereni (mozione Franceschini) e Scalfarotto (mozione Marino) vicepresidenti del PD. Inizia l’era Bersani… auguri segretario!

Pd, c’è l’accordo: Franceschini capogruppo

Dario Franceschini capogruppo alla Camera, uno dei vice alla componente Marino, alla guida dei dipartimenti personalità anche delle due minoranze. La pax democratica è stata siglata. Pier Luigi Bersani nega che con la scusa della «gestione plurale » del Pd punti a neutralizzare il rischio di una opposizione interna

Rosy Bindi eletta presidente del partito

È stato anche il giorno dell’elezione dei nuovi organismi, dal vicesegretario Enrico Letta ai 120 componenti della direzione nazionale. Dalla presidente del partito, Rosy Bindi, ai vicepresidenti Ivan Scalfarotto e Marina Sereni.

Pd: Prodi, “questa e’ la miglior partenza”

 Romano Prodi guarda con favore la nuova fase del Pd guidata da Pierluigi Bersani. “Sono molto contento che i lavori di oggi si siano svolti all’insegna dell’unita’ e della collaborazione. E’ questa la migliore partenza per il futuro del Partito Democratico”. (RCD)

Risultati finali delle primarie:

Ecco nel dettaglio il risultato conseguito dai diversi candidati: Bersani 1.603.531 voti pari al 53,15 %; Franceschini 1.035.026 voti pari al 34,31; Marino 378.211 voti pari al 12,54%. Hanno votato in tutto 3.067.821 persone