#Santoro lascia, chiude Servizio Pubblico: termina un’epoca


Ascolti-tv-di-giovedì-18-giugno-2015-Rosso-di-sera-770x498

Ieri Santoro ha chiuso Servizio Pubblico. Ultima puntata. Fine della collaborazione con La7. Ricordo ancora i miei primi approcci alla politica, la puntate di Samarcanda, quella ‘simbolo’, in coabitazione con Costanzo, subito dopo l’omicidio di Grassi. E poi il Rosso il Nero, Temporeale e via via sino ad arrivare ad AnnoZero.

In questi venticinque anni l’Italia è cambiata, sono arrivati Bossi, Berlusconi, Grillo ed infine Renzi. Si sono aperte e chiuse diverse stagioni politiche. Ecco. Credo sia arrivata anche la fine della stagione televisiva di Santoro. Del tribuno del popolo. Se nella stagione di mani pulite e dell’inizio dell’era berlusconiana poteva avere un senso, oggi è diventata solo una caricatura del passato. Una messa cantanta con i suoi riti ed i suoi fedeli.

È arrivato il momento di fare altro. Ciò che si vedeva il giovedì sera, ultimamente, non era più credibile e guardabile. Salvo rare eccezioni. Volti pagina, non solo canale. Se può. Davvero però.

Il ritorno di Santoro, da stasera ‘Servizio Pubblico’ su La7


Michele Santoro approda su La7. Questa sera inizia la nuova stagione di Servizio Pubblico. I principali ospiti della serata saranno Matteo Renzi, Gianfranco Fini e Diego Della Valle.

Alla squadra di collaboratori già confermata, ovvero Travaglio, Vauro, Ruotolo ed Innocenzi, si aggiunge un ‘ritorno’, quello di Luisella Costamagna.

Il programma sfrutterà molto l’interattività, usando anche la piattaforma LiquidFeedback:

HP . Ci saranno grandi novità nel programma, ma senza dubbio l’innovazione sarà quella di LiquidFeedback. Liquidfeedback è una piattaforma web trasparente e facile da utilizzare che ha come scopo quello di formare opinioni politiche. La sua caratteristica più importante è l’implementazione di un sistema di voto delegato (“democrazia liquida”), che prende in considerazione la disparità di conoscenza dei suoi partecipanti. E’ la prima volta che un programma TV si affida ad una piattaforma web di questo genere. Liquidfeedback è ormai nota al pubblico della rete, soprattutto perché utilizzata dal Partito Pirata Tedesco che la utilizza tutt’oggi per prendere decisioni ed ascoltare i propri elettori.

Quali saranno gli ascolti del programma? Piazzapulita del ‘pupillo’ Formigli lascia una eredità pesante, il 7% di share, trasmissione piu vista delle rete. Riuscirà Santoro ad andare in ‘doppia cifra’? Lo scopriremo domani mattina.

Aggiornamento:

I risultati di ascolto? Dignitosi, 13,00% di share media (12,99%) con quasi 3 milioni di telespettatori (2.985.947)

Palinsesti Rai, Mediaset e La7 per la stagione 2012-2013


Rai, Mediaset e La7 negli giorni scorsi hanno reso noti i palinsesti per la stagione 2012-2013. Eccovi una sintesi, dal sito davidemaggio.it:

Per quanto riguarda la Rai vi sono pochissime novità. Torna ‘Per tutta la vita’ come show in prima serata su Rai1. Rai 2 si affida ai telefilm. Rai3 vedrà Fazio in prima serata il lunedi assieme a Roberto Saviano, in una trasmissione che somma Che tempo che fa a Vieni via con me (o Quello che non ho). Poi tante conferme, nuova fiction per Rai1 ed informazione per la terza rete. Rai2 appare invece davvero ‘debole’ dal punto di vista della programmazione.

RAI1

Prima serata, varietà e show:

Ti lascio di una Canzone 6  dall’8 settembre, novità di Elisabetta Canalis in giuria e il torneo dei campioni con i talenti delle scorse edizioni.

Al venerdì dal 14 settembre Carlo Conti presenta la seconda edizione di Tale e Quale show

Dal 2 novembre Fatti Valere, che sembra molto simile a Italia’s Got Talent. Si tratta di un people talent show grazie al quale chiunque potrà salire sul palco ed esprimere il proprio talento, non solo artistico. Conduce Carlo Conti.

il 19 settembre torna Per tutta la vita condotto da Fabrizio Frizzi e Natasha Stefanenko

Miniserie e Fiction:

Il grande Caruso con Gianluca Terranova, Vanessa Incontrada e Martina Stella, Cesare Mori – Il prefetto di ferro sulla lotta contro la mafia, Dove eravamo rimasti? – Il caso Tortora con Ricky Tognazzi e Bianca Guaccero, K2 – La montagna degli italiani con Massimo Poggio e Marco Bocci, Né con te né senza di te con Sabrina Ferilli e Francesco Testi. Più tardi arriveranno anche Un matrimonio con la regia di Pupi Avati, Un medico in famiglia 8, Che Dio ci Aiuti 2, Terra Ribelle 2, Paura di amare 2 e Rossella Andrei 2. A questi si aggiungono anche Tutta la musica del cuore, la fiction ambientata tra i ragazzi di un Conservatorio della costa pugliese, e Rosso San Valentino. Tornerà anche Il Commissario Montalbano con due nuovi film tv e quattro repliche, poi la biografia di Santa Barbara con Vanessa Hessler e Il paese delle piccole piogge girata in Kenya.

Daytime:

La programmazione del daytime riparte dal 10 settembre e vede confermato l’allungamento fino a mezzogiorno di Uno Mattina che ingloba Alessandro Di Pietro nello spazio UnoMattina in Verde nel quale si occuperà dei consumi degli italiani mentre la seconda parte diventa UnoMattina in Rosa, un talk tutto al femminile. Confermato Storie Vere come terza parte. Seguirà La prova del cuoco con Antonella Clerici e dopo il telegiornale Verdetto Finale con Veronica Maya. Nel pomeriggio per il 19esimo anno torna La vita in diretta con Mara Venier e Marco Liorni. Il preserale sarà ancora una volta occupato da L’Eredità con Carlo Conti dal 9 settembre, mentre in access Giuliano Ferrara con Qui Radio Londra dal 17 settembre a cui seguirà Affari Tuoi con Max Giusti, in onda tutti i giorni. In seconda serata dal lunedì al giovedì è confermato Bruno Vespa con Porta a Porta dall’11 settembre, al venerdì TV7, al sabato Cinematografo e alla domenica lo Speciale TG1.

Nel weekend dall’8 settembre torna Uno Mattina in Famiglia con Tiberio Timperi e Miriam Leone, dal 9 settembre Mixitalia, dal 15 settembre Easy Driver, Le amiche del sabato con Lorella Landi e Passaggio a Nord Ovest con Alberto Angela, dal 30 settembre Linea Verde e dal 7 ottobre Domenica In L’arena con Massimo Giletti e Domenica In Così è la vita con Lorella Cuccarini.

Rai2:

Daytime:

il nuovo programma comico di Enrico Bertolino a partire da lunedì 17 settembre in seconda serata (per il quale è già stata prevista la promozione in prime time dal 12 novembre) e il reality-game Pechino Express condotto da Emanuele Filiberto al martedì sera mentre il sabato pomeriggio sarà dedicato alla sperimentazione con la messa in onda alle 14 del factual Teen-Manag€r nel quale gli adolescenti si misureranno con la gestione del budget familiare e alle 16 di Catastrofi, dove verranno trasmessi filmati ad alto contenuto emozionale. Non si può parlare di novità ma di programmi rivisitatati per le nuove edizioni di Quelli che… (scompare dal titolo la parola ‘calcio’), in partenza domenica 16 settembre spogliato dai diritti della Serie, e per il contenitore Una settimana in famiglia, che da lunedì 24 settembre prende il posto de L’Italia sul due ma mantiene la conduzione di Lorena Bianchetti (senza Infante però).

Rai3, all’insegna dell’informazione e del talk:

l’arrivo di Fabio Fazio nella prima serata del lunedì. Il conduttore, che è stato anche designato timoniere del prossimo Sanremo, esporterà dal weekend il suo Che tempo che fa, inaugurando la settimana con una versione estesa del programma. Lo show non cambierà nella formula ma si arricchirà di nuovi spazi e vedrà la partecipazione di vari ospiti, tra i quali spicca già il nome di Roberto Saviano.

La domenica rivedremo in onda Milena Gabanelli con le inchieste di Report, e anche Carlo Lucarelli farà capolino per un breve periodo con le interessanti narrazioni di Lucarelli Racconta. Il lunedì – come detto – ci sarà Fabio Fazio, ma sono in programma anche 4 puntate de “Il Viaggio” di Pippo Baudo nelle regioni italiane. Il martedì resterà riservato a Ballarò di Giovanni Floris. Il mercoledì torneranno le inchieste di Chi l’ha visto, il giovedì sarà invece il giorno dei film e dei seriali: in particolare vedremo in onda Game change, la pellicola americana che ricostruisce il ruolo di Sarah Palin nella corsa alla Casa Bianca del 2008. Nel prime time del venerdì, Rai3 proporrà una serie di Amore Criminale, il programma sulla violenza contro le donne guidato da Luisa Ranieri. Lo stesso giorno sarà però riservato anche al grande cinema, con Red Carpet Italia e la proiezione di alcuni importanti film italiani. Al sabato ritroveremo Ulisse, la trasmissione di divulgazione scientifica curata da Piero e Alberto Angela.

Seconda serata e daytime:

Per tre giorni alla settimana tornerà Fabio Volo con il suo Volo in diretta. Il lunedì, dopo Fazio, ci sarà Sfide e sei puntate di 2112, un nuovo programma culturale condotto dallo scrittore Sandro Veronesi. Nella seconda serata del venerdì vedremo invece La Superstoria, riflessione ironica sul passato, e al sabato riprenderà il ciclo di Oggi come ieri, con Oliviero Beha. Lo stesso giorno sarà anche riservato ad una nuova edizione di Un giorno in pretura. Alla domenica, verranno trasmesse la seconda e terza stagione della fiction Boris interpretata da Francesco Pannofino.

Nel palinsesto autunnale della terza rete rivedremo anche Andrea Vianello con il suo fortunato Agorà, Codice a Barre di Elsa Di Gati e Le storie di Corrado Augias. Al pomeriggio, confermati Cose dell’altro Geo e Geo&Geo con Sveva Sagramola e Massimiliano Ossini. In programma anche il ritorno di Michele Mirabella con il suo Elisir.

Nel weekend resterà l’appuntamento fisso con le interviste domenicali di Lucia Annunziata a In mezz’ora, torneranno Philippe Daverio con Il capitale e Licia Colò con le escursioni del suo Alle Falde del Kilimangiaro.

Anche Mediaset, vista la crisi del settore, è costretta al risparmio. Tante conferme e poche novità per le reti di Silvio Berlusconi. Canale 5 si affida a show, qualche film e le solite fiction, Italia1 investe nel calcio e Rete4 si affida a Salvo Sottile con Quarto Grado:

Canale 5

Prima serata, show, film e fiction:

Quattro i nuovi show per Canale 5:   Extreme Makeover Home Edition Italia e La grande magia, a The Winner Is con Gerry Scotti e Grandi contro Piccoli. A questi si aggiunge la certezza di C’è posta per Te e il ritorno de Lo show dei record con la conduzione di Teo Mammucari. Quattro prime serate a settimana saranno invece dedicate alle fiction con Ultimo 4, Squadra antimafia 4, Ris 3, I Cesaroni 5 e L’onore e il rispetto 3. La rete ammiraglia proporrà in prima serata la nuova stagione di Dallas mentre tra i titoli cinematografici spiccano Avatar, Harry Potter – Tutto finisce, La peggior settimana della mia vita e Benvenuti al Sud. L’evento di punta di Canale 5 saranno le due serate live di Adriano Celentano dell’8 e 9 ottobre all’Arena di Verona. Il direttore generale contenuti Mediaset, Alessandro Salem, ha annunciato che si tratterà di uno spettacolo che racconta la storia musicale di Celentano

Daytime:

tornerà Striscia la Notizia ma con un cambio della guardia: la coppia Ezio Greggio-Michelle Hunziker aprirà la stagione a settembre mentre Enzo Iacchetti tornerà dietro al bancone solo a gennaio, al fianco di Greggio. In preserale torna Paolo Bonolis affiancato da Luca Laurenti con Avanti un altro e in seconda serata è confermato l’appuntamento con Matrix per tre volte alla settimana mentre Terra! trasloca su Rete4. In daytime sono confermati Mattino Cinque, Forum, Uomini e Donne e Pomeriggio Cinque, e Verissimo al sabato.

Le novità riguardano Amici che tornerà in onda a fine novembre mentre il daytime partirà solo a gennaio per poi sbarcare in prima serata in primavera

Ancora incertezze invece per Domenica Cinque

Italia1:

Il calcio sarà invece il piatto forte di Italia 1 che conferma la partita di Champions League in esclusiva assoluta al mercoledì . Al giovedì la rete diretta da Luca Tiraboschi avrà in esclusiva free la partita di Europa League. Confermato l’appuntamento con Le Iene per cui si cerca un nuovo conduttore da affiancare ad Ilary Blasi (tra i preferiti dei vertici Mediaset ci sarebbe Piero Chiambretti), tornerà Colorado condotto da Paolo Ruffini e Belen Rodriguez, Archimede con Niccolò Torielli e l’appuntamento con CSI. In seconda serata torna Zelig Off per otto puntate con la conduzione di Katia Follesa e Davide Paniate mentre Piero Chiambretti sta studiando, sempre per la seconda serata, un nuovo show per il 2013.

Rete4

Su Rete4 è confermato l’appuntamento settimanale con Quarto Grado, arriverà la seconda stagione di Downton Abbey, la nuova serie spagnola Tierra de lobos e poi tre nuove produzioni: North America, serie evento prodotta da Mediaset e Discovery Channel, Lo spettacolo della natura, sei puntate con il meglio dei documentari internazionali e I sopravvissuti. In daytime spunta una nuova edizione del TG4 alle 14.

Qualche novità in più la offre La7. Con l’arrivo di Michele Santoro e di Servizio Pubblico la rete di Telecom si aggiudica una buona fetta di audience futura. Cancellati i programma di Serena Dandini e Sabina Guzzanti il prime time sarà affidato ancora una volta a Maurizio Crozza e, novità, anche a Geppi Cucciari. Previsto uno spettacolo comico per Teresa Mannino. Torneranno poi anche Daria Bignardi, Lilly Gruber e Corrado Formigli.  Gli Intoccabili, il programma di Nuzzi su scandali e dossier, viene invece cancellato e ‘ridotto’ ad un segmento de l’Infedele di Lerner (Chi tocca il Vaticano…):

ACCESS PRIME TIME – Nell’access prime time di La7, è stato confermato il programma Otto e Mezzo di Lilli Gruber, che si occuperà dei temi più salienti del campo politico e culturale del nostro Paese.

PRIMA SERATA– In merito all’approfondimento in prima serata, ritroveremo la trasmissione di Gad Lerner, L’Infedele, in onda il lunedì e che prevede nuove scottanti inchieste di inchieste di Gianluigi Nuzzi. Al giovedì, sarà dato invece spazio a Servizio Pubblico di Santoro, che andrà ad alternarsi a Piazzapulita di Formigli.

Su La7 arriva anche la comicità con Teresa Mannino ed il suo nuovo show, in onda nella prima serata del venerdì, Se stasera sono qui, con la partecipazione di giornalisti, opinionisti, artisti e politici oltre che di una nutrita squadra di giovani comici. L’intrattenimento proseguirà poi con Maurizio Crozza, con un nuovo programma della durata di un’ora e che andrà in onda sia in inverno che in primavera ed anche Geppi Cucciari sarà alla guida di un nuovo format. Da gennaio, invece, assisteremo al ritorno di Daria Bignardi.

La prima serata del martedì sarà invece dedicata a due importanti prime visioni nell’ambito fiction con Prime Suspect, mentre a novembre arriverà Saving Hope il nuovo medical drama che nel network NBC ha preso il posto di Dr. House.

Nella prima serata del sabato l’appuntamento sarà con In Onda con Luca Telese e Nicola Porro, che di domenica andrà in onda nell’access prime time lasciando poi il posto ad Atlantide con Mario Tozzi.

In autunno ritroveremo anche Corrado Guzzanti con alcune serate evento; su La7, arriverà poi anche il teatro civile con Marco Paolini. Dopo il successo di Quello che (non) ho, anche Roberto Saviano potrebbe tornare con un nuovo progetto.

WEEK END – Infine, in merito alla programmazione del week end, sono stati confermati il programma L’Erba del vicino con Lucia Loffredo, Ti ci porto io con Michela Rocco e Gianfranco Vissani, e Bookstore, trasmissione dedicata ai libri.

Santoro a La7, è ufficiale: lo annuncia Mentana in diretta al Tg


Santoro a La7, è ufficiale. Lo ha annunciato Enrico Mentana in diretta al TgLa7:

Dalla prossima stagione, “Servizio Pubblico” andrà in onda sulla rete di proprietà della  Telecom. La notizia arriva alla vigilia della presentazione dei palinsesti dell’emittente, in programma domani a Milano, dove potrebbe intervenire anche lo stesso giornalista

Santoro su La7, è quasi ufficiale


Dal prossimo autunno vedremo Santoro su La7, è quasi ufficiale:

Il matrimonio fra Michele Santoro e La7 è vicino al concretizzarsi. Il 5 luglio verranno presentati i palinsesti della rete di Telecom Italia Media (ufficialmente in vendita da qualche mese ormai), per quella data dovrebbe essere arrivata l’ufficialità di un accordo con il conduttore (e produttore) di Servizio Pubblico, ma le voci riportate anche dall’Ansa parlano di un’intesa “verbale già raggiunta”. La 7 avrebbe messo sul piatto una cifra importante e avrebbe accordato a Santoro tutto quanto richiesto dal giornalista in termini di libertà editoriale.

Santoro dovrebbe andare in onda al giovedì sera alternandosi con il Piazzapulita di Corrado Formigli, che aveva già commentato positivamente la possibilità di lasciare spazio al suo mentore, ma rispetto alle prime indiscrezioni sul tema questa alternanza non dovrebbe essere stagionale. Un mese a testa? 4 settimane? Non è ancora chiaro, bisogna attendere l’ufficialità. [Tvblog]

La 7: arriva Santoro, rimane Formigli, via Dandini e Guzzanti


Sembra quasi certo l’arrivo di Michele Santoro e della sua squadra sulla rete di Telecom Italia. Santoro dovrebbe alternarsi con Corrado Formigli. In autunno potrebbe partire il programma del conduttore di Servizio Pubblico, in primavere invece dovrebbe tornare Piazzapulita, sempre al giovedi sera quindi. Sulla falsa di riga di ciò che ora fanno Report e Presadiretta, passandosi il testimone a metà stagione.

Una soluzione di questo tipo non mi vede molto convinto. Un ‘talk politico’ necessita della messa in onda per tutta la stagione televisiva, cosi come è previsto per Ballarò, Porta a Porta e l’Ultimaparola.

Su La7 altre novità in arrivo, Serena Dandini e Sabina Guzzanti non dovrebbero essere riconfermate. Eppure The Show Must Go Off e Un due tre Stella, seppur troppo lunghi ed articolati, avevano raggranellato un share del 3% circa, non ottimo ma neanche un flop.

Santoro di nuovo in trattativa con La7?


Santoro di nuovo in trattativa con La7? Le voci si rincorrono sul web:

le trattative per portare il giornalista a La7 sono sono ritornate sulle pagine del Giornale. Dopo il fallimento dello scorso settembre per via delle richieste di elevata autonomia non gradite al delegato di TMedia, sembra che fra Stella e il presentatore di Servizio Pubblico ci sia stato un ulteriore avvicinamento. Anche il direttore di rete, Paolo Ruffini, ha accennato alle trattative con il giornalista pugliese: ‘Non nego che ci siano tentativi di contatti e che possano essercene in futuro. Ma parlare di trattative è fuori luogo‘, ha detto al Corriere della Sera. Se Servizio Pubblico dovesse traslocare su La 7, ci si chiede che fine farebbe Corrado Formigli e il suo Piazzapulita che quest’anno ha fatto degli ottimi risultati. Su La 7 è invece certo l’arrivo di Cristina Parodi, la giornalista dovrebbe presentare un rotocalco in stile Verissimo, il contenitore dedicato a tutti i colori della cronaca che ha condotto da lei per nove anni.

Sembra invece che Maria De Filippi stia pensando ad ‘salto’ su Sky. Mah…

Salta la trattativa Santoro-La7, in cambio il governo salva Telecom?


Santoro lo aveva detto. Guzzanti lo aveva predetto. Anche questo blog aveva ventilato qualche ‘numero’ per impedire lo sviluppo del terzo polo. Ora sembrano esserci le ‘prove’. Su Il fatto Quotidiano si apprende la notizia di una norma ‘contro’ Telecom prevista in finanziaria e poi cancellata.

Il governo, se vuole, può fare male a Telecom, la multinazionale proprietaria di La7. E con una norma, infilata di soppiatto, Palazzo Chigi ha dimostrato come può farle male. La bozza prevedeva un progetto del ministero per lo Sviluppo economico di Paolo Romani: “Un piano di interesse nazionale per il diritto di accesso a Internet”. E come? “Mediante la razionalizzazione, la modernizzazione e l’ammodernamento delle strutture esistenti”. Parole astruse e verbi incrociati per sottrarre a Telecom l’ultimo bene invidiato da tutti i concorrenti: la rete fisica, quella che porta il cavo telefonico in tutte le case e gli uffici, eredità del monopolio pubblico. Il governo pensava di aprire il mercato e le connessioni veloci imponendo “obblighi di servizio universale”.

Tradotto: Telecom investe per migliorare la sua struttura e poi deve metterla a disposizione dei concorrenti. Il governo di lievi e dure sforbiciate, che spinge all’infinito una correzione nel bilancio statale da 47 miliardi di euro, sentiva l’urgenza di ricorrere ai soldi della Cassa depositi e prestiti per “finanziare il piano nazionale su Internet”. Poche righe nascondevano un possibile esproprio del tesoro più sensibile per i vertici di Telecom.

Quarda caso, dopo l’interruzione delle trattative tra Santoro e La7, la norma di liberalizzazione della rete viene cancellata dalla manovra:

L’ipotesi dura due giorni, esattamente 48 ore, fin quando ieri accadono due fatti all’apparenza distanti ma forse strettamente legati: La7 annuncia la fine di qualsiasi negoziato con Santoro, azzoppando così l’ipotesi terzo polo televisivo; e, in contemporanea, il governo cambia la norma, stravolge il suo “piano di interesse nazionale per il diritto di accesso a Internet” e cancella dal testo della manovra quei passaggi – “la razionalizzazione, l’obbligo di diritto universale” – che minavano la stabilità patrimoniale di Telecom e preoccupavano i suoi azionisti (anche stranieri)

Sono veramente sfiduciato. In questo paese non si puo davvero cambiare. Ad ogni piccola vittoria si susseguono pesanti sconfitte ed arretramenti. Sono stufo di questa Italia, dove ogni giorno c’è uno scandalo. Coinvolti membri del csm, della magistratura, della finanza, oltre ai soliti politici arrivisti ed imprenditori faccendieri. Affondiamo e non ce ne rendiamo conto con quel tizio che elegge il suo portaborse a segretario mentre, chiuso in un teatro pieno di comparse, recita il solito monologo dipingendo un paese che non c’è….