Tra imbonitori e papi stranieri, le elezioni più brutte di sempre


10169174_10202023763698950_1181871424937754823_n

Il selfie tra ‘insetti’ può essere considerato il simbolo di questa campagna elettorale, dove si è detto e fatto tutto ed il contrario di tutto. Da Beppe Grillo, sempre contro la ‘stampa di regime’ che poi va ospite a Porta a Porta confezionando il suo show ed incassando ascolti record (27% in seconda serata) senza peraltro dire mai davvero quali siano i progetti dei 5 Stelle. “Se vinciamo noi il governo si dimette, Napolitano si dimette, faremo noi il governo!” Ecco i messaggi lanciati dal para-guru pentastellato. Che poi siano tutte bugie, pazienza. Renzi non si dimetterà, Napolitano pure. E se si andasse alle elezioni con questa legge proporzionale il M5S non avrebbe mai la maggioranza assoluta nelle Camere e quindi non potrebbe mai sognarsi di guidare l’esecutivo.

RenziAlessandriRunArtis

Poi uno distoglie lo sguardo dal populismo sterile grillino e trova il Presidente del Consiglio su un tapis roulant intento a farsi fotografare. Come Mussolini, ai tempi. L’uomo del fare. 80 euro in busta paga e tutto si aggiusta. A gennaio aveva annunciato un provvedimento al mese. Ne avesse rispettata una, di promessa. La legge elettorale ancora in alto mare, il pacchetto lavoro pure (salvo la legge Poletti che non risolve alcun problema per i precari), tagli alla pubblica amministrazione non pervenuti se non per ‘gli annunci’, miliardi per scuole ed ambiente rimasti solo parole. Però si sono vendute ben 52 autoblu su svariate migliaia, non si vota per le elezioni provinciali, pur rimanendo cariche e relativi costi. Altro venditore di fumo.

1328010481001_3577083597001_vs-537b3eade4b0fca227cec677-767904722001

Non c’è due senza tre. Arriviamo al più ‘anziano’ degli imbonitori. Silvio. Per lui solo le ‘briciole’ mediatiche lasciate dagli altri due contendenti. Attaccato da Grillo risponde “è un assassino”. Altre sue perle? “Bergoglio? sta facendo il Papa come lo avrei fatto io” ” Grillo è’ come Stalin e Hitler” E tra i due ‘comici’ il tema principale è la salute di Dudù.

M5S, PD e Forza Italia. Almeno il 75% dei votanti sceglierà questi tre partiti. C’è da mettersi le mani nei capelli. Anche perchè quali sono le alternative? Il populismo becerorazzista della Lega o nazionalconservatore di Fratelli d’Italia? I Monti-boys di Scelta Europea? I berluschini di Alfano e Casini?

10172663_1497513560464783_8420696467760676162_n

Allora uno si ‘butta’ a Sinistra. E ne rimane deluso. Qualche giorno fa la piazza principale di Bologna si è colorata di rosso. Tante bandiere della lista europea L’Altra Europa con Tsipras. Sul palco, ad infiammare la folla, Alexis Tsipras. Un greco, appunto. Dove c’erano leader come Berlinguer ora c’è un giovane straniero. Segnale che la Sinistra italiana, al momento, non è piu in grado di esprimere alcun progetto politico valido se non quello di riciclare i propri fallimenti dietro una nuova bandiera, sia essa europea o greca.

Fine della sintesi della campagna elettorale più brutta a cui io abbia mai assistito. Nessuna speranza per il futuro. Almeno non oggi. Coraggio però, c’è sempre tempo per peggiorare.

 

Sondaggio, quanto durerà il governo Renzi?


renzisondaggio copia

Il 68% di voi aveva visto giusto. Anzi, Letta non è riuscito neanche ad arrivare a primavera.

sondaggioletta

Ed ora tocca a Renzi. Viste le premesse quanto durerà il nuovo esecutivo?

Poll: Quanto dura Renzi?

Risultati:

Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui

Sondaggi, chi voterai alle Primarie ed alle elezioni 2013?


I sondaggi aperti a luglio mostrano come voi, popolo della rete, non approviate l’operato del Governo Monti, giudicato negativamente dal 70%. Siete favorevoli alle unioni gay (72 contro 28) ma contrari alle adozioni (68 a 32).

Sul Centrosinistra, prevalgono le alleanze centriste (Pd-Sel-Udc o Pd-terzo polo) con il 52% rispetto ai modelli di Centrosinistra classico (Pd-Sel-Idv o Unione) che si fermano al 45,5%.

Per quanto riguarda le intenzioni di voto, successo per il Movimento 5 stelle (piu del 38%) seguito dal Pd (al 23%).

E’ il momento di voltare pagina, vi propongo due nuovi sondaggi. Uno riguardante le primarie del CentroSinistra e l’altro sulle intenzioni di voto per coalizioni.

A voi la scelta!

Chi voterai alle Primarie?

Risultati:

Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui

Elezioni 2013, intenzioni di voto

Risultati:

Anche creare un sondaggio? Fare clic su Qui

Il programma di Renzi? Vicino alle idee conservatrici, cosi dicono quelli di Destra


Il Partito Democratico, dilaniato dalle faide interne, rappresentato da una classe dirigente di sessantenni sulla cresta dell’onda da piu di trentanni, offre come unica principale novità la proposta del Sindaco di Firenze, Matteo Renzi.

Ma cosa dice Renzi? Cosa propone? Quali sono le sue ricette per l’Italia?

Ebbene, un sito italiano di idee conservatrici, Camelotdestraidealeha fatto ‘le pulci’ alle idee dello sfidante di Bersani. Il risultato? Complimenti sperticati verso una piattaforma lontana dalla Sinistra e vicina ai Liberaldemocratici ed ai Conservatori.

Gli estensori dell’articolo arrivano a paragonare Renzi al Premier britannico, il conservatore Cameron. E poi il complimento finale: “Trovano spazio, invece, questioni che, pur affrontate in modo molto “soft”, stanno a cuore alle forze liberal-democratiche e a quelle liberal-conservatrici: la riduzione (almeno in taluni ambiti) del perimetro dello stato; la contrazione del debito pubblico (mediante privatizzazioni, per di più) e della spesa corrente; il contenimento della burocrazia e lo sfoltimento delle leggi; l’apertura al Mercato e alla concorrenza”.

Di seguito alcuni brani dell’articolo:

Una cosa, più di qualunque altra, caratterizza la sinistra ad ogni latitudine: l’anelito “redistributivista”. Perseguire l’obiettivo della “giustizia sociale”, cioè, facendone pagare il conto ai ricchi, con più tasse (acciocché, naturalmente, i poveri abbiano a pagarne meno e, al contempo, possano fruire di maggiori e migliori servizi). Questo è il fil rouge che accomuna, sia pur con differenze a volte non di poco conto, le diverse sinistre in qualunque parte dell’orbe terracqueo.

Ebbene, questo tratto è del tutto assente nel programma di Matteo Renzi.
……

Renzi non ragiona come un “redistributivista” e non propone soluzioni à la Robin Hood. Per dare più soldi in busta paga a chi fa fatica ad arrivare alla fine del mese, egli suggerisce di ridurre la spesa corrente (pagina 11)
….

Non ragiona, insomma, come Fassina e Vendola (e meno male): ragiona da liberal-democratico, più ancora che da persona di sinistra.

Allo stesso modo, e per quanto nel programma proponga comunque di incrementare la spesa per investimenti, Renzi dà prova di non essere uno statolatra, un fanatico ed acritico adoratore del Leviatano. Anzi. Lascia intendere, e in più di un passaggio, ch’esso, lungi dall’essere la soluzione, rappresenti, a suo avviso e almeno talvolta, il Problema (pagina 7):

«La nostra proposta ha invece l’obiettivo di ripensare sostanzialmente il modello di sviluppo fin qui seguito, riallocando risorse verso i ceti produttivi, riducendo in modo sostanziale l’area dell’intermediazione politica delle risorse dello Stato. Più mercato e più solidarietà, riducendo la spesa intermediata. Riteniamo realistici i seguenti obiettivi:

1. Una riduzione del 10% dei consumi intermedi (cioè acquisti di beni e servizi) per la spesa corrente. Base aggredibile: 120 miliardi. Obiettivo di risparmio: 12 miliardi all’anno

2. Una riduzione del 20-25% degli investimenti e dei trasferimenti alle imprese. Base aggredibile: 60-70 miliardi. Obiettivo di risparmio: 12-16 miliardi

3. Una riallocazione produttiva di 50% dei fondi europei. Base aggredibile: 15-20 miliardi. Obiettivo risparmio: 7-10 miliardi

4. Una riduzione dell’area del pubblico impiego, senza licenziamenti e senza esuberi, ma con estensione del part time, riduzione del numero dei dirigenti e limitazione del turn over, con esclusione della scuola, e migliore mobilità territoriale del dipendente pubblico. Obiettivo di risparmio 4 miliardi (…)».

A pagina 14, poi, pare fare capolino la cameroniana “Big Society”, addirittura:

«Le forme di welfare pubblico dovranno essere integrate dalle esperienze più virtuose provenienti dal mondo del welfare privato (senza che quest’ultimo vada a sostituire il welfare pubblico). Sono ormai estremamente diffuse soprattutto nelle regioni del Nord forme di complementarità al welfare pubblico sviluppate, da parte delle imprese, delle cooperative, delle associazioni del non-profit (cd. “welfare aziendale, sindacale, cooperativo”).
….

Mancano, all’interno di questo documento, e per fortuna, tutte le parole d’ordine della sinistra tradizionale e polverosa: non c’è riferimento alcuno alla lotta di classe (e ai suoi surrogati contemporanei e socialdemocratici); non si paventano, nemmeno lontanamente, provvedimenti punitivi nei confronti di chi guadagni abbastanza (si legga alla voce: patrimoniale); non si suggerisce, come soluzione alla crisi economica, l’intervento dello stato secondo i precetti keynesiani. Trovano spazio, invece, questioni che, pur affrontate in modo molto “soft”, stanno a cuore alle forze liberal-democratiche e a quelle liberal-conservatrici:la riduzione (almeno in taluni ambiti) del perimetro dello stato; la contrazione del debito pubblico (mediante privatizzazioni, per di più) e della spesa corrente; il contenimento della burocrazia e lo sfoltimento delle leggi; l’apertura al Mercato e alla concorrenza. Sono presenti, poi, temi che, benché rappresentino “bandiere” storiche della sinistra tradizionale, oggi sono inclusi anche nei programmi delle destre liberali europee: dalla cittadinanza ai figli degli immigrati al “divorzio breve” e al riconoscimento delle coppie gay.

Su quest’ultimo punto, in verità, il programma di Renzi è un po’ deludente. E per una ragione: inspiegabilmente, contempla due distinti istituti giuridici per disciplinare le convivenze gay e quelle etero (pagina 25). Non si capisce il perché di tale discriminazione.

Amici del CentroSinistra e del Partito Democratico sappiate che votando Matteo Renzi premierete le idee della Destra Europea. E’ questo il ‘cambiamento’ che volete per il PD e per la nostra Società?