La Roma a Zeman, dopo tredici anni


E Zeman tornò alla Roma. Nell’anno in cui la Juventus torna allo scudetto post-calciopoli, quando il mondo del calcio è sconvolto dall’ennesimo scandalo scommesse, la Roma sceglie di farsi guidare da un tecnico ‘contro’. Contro il sistema. Pagherà a livello politico? Speriamo paghi a livello di qualità del gioco!

 

Roma, ancora all’Annozero ed il futuro è una incognita


A conclusione del Campionato devo esprimere un giudizio sull’Anno Zero della Roma. Ad inizio torneo mi ero ripromesso di seguire costantemente il cammino della squadra giallorossa ma non ce l’ho fatta. La delusione per le prestazioni della Roma è stata  troppo forte ed i principali colpevoli sono stati il Tecnico e la Società. Non ho mai amato Luis Enrique, non ho mai davvero compreso i motivi che hanno spinto Baldini a scegliere il tecnico asturiano.

La Roma ha concluso la stagione in ottava posizione. Deludenti alcuni acquisti voluti da Luis Enrique. Sconfitte nei due Derby, sconfitte vergognose con la Juventus, perse tutte le sfide importanti, buttata fuori da Europa League e Coppa Italia. I giallorossi non sono riusciti a qualificarsi neanche per l’Europa.

Eppure Baldini ha ‘supplicato’ Enrique chiedendogli di rimanere e solo la voglia di cambiare dello spagnolo ci ha finalmente liberato di un tecnico che ha schierato piu di 40 formazioni diverse in 40 partite. Inspiegabile il comportamento della dirigenza.

Il futuro? Ancora una incognita. Si parla di Villas Boas, altra ‘scomessa’. Si diceva di Montella, si vocifera del tecnico della Swansea, alcuni ipotizzano il ritorno di Zeman. Vedremo.

Per ora la Roma si trova ancora all’AnnoZero, nel tunnel dell’anonimato, sperando di tornare presto tra le ‘stelle’ del Calcio Italiano ed Internazionale.